venerdì 23 ottobre 2009

Cercasi funzionario dell’anno

1Nel 2008 il Funzionario dell’anno è stato il dott. agr. Annibale Vinci (leggi qui). Adesso cerco il Funzionario dell’anno 2009. Chissà se riemerge dalle ceneri l’arch. Giuseppe Morale, deriso per il bando postale, che però ha funzionato? Io una idea l’avrei, e sarà uno smacco per molti, una sorpresa per altri. Vorrei eleggere un Funzionario che ha dimostrato una onestà intellettuale ed una umiltà mai vista. E’ di questi giorni infatti un mio plauso e giusto ieri gli ho fatto una telefonata di solidarietà e di inaspettata ed accresciuta stima. Chissà cosa esce fuori dal dibattito sul blog.

6 commenti:

  1. Anch'io sono d'accordo.

    Ha dimostrato soprattutto educazione e credibilità nei ns.riguardi.

    Non così si può dire - in questa occasione - di chi attualmente è al vertice Direzionale.

    Peccato,quest'ultima ha perso un'occasione !

    Lascio a te il merito e l'onore della proclamazione.

    RispondiElimina
  2. Mi dispiace dirlo, ma se il premio di funzionario dell'anno lo si assegna ad un signore che ha avuto solo il merito e la genialità di predisporre uno schema di una sola pagina, siamo veramente ridotti male. Ed inoltre credo sia un'offesa all'intelligenza ddel dott. Vinci che sicuramente avrà ben altri meriti. Certo, visto gli obrobri che ci propinano molti altri supermegadirettori, funzionari intergalattici, responsabili interplaneteri del progetto (tutti con poltrona in pelle umana- di agricoltore- e stipendi esageratamente mostruosi)anche un foglio di prescrittura ( le classiche aste dell'asilo) possono sembrare una genialata.
    Intanto il tempo passa e la cera si scioglie, ed io non sono ancora riuscito ad aprire quel maledetto file di access.

    RispondiElimina
  3. le tre scimmie23 ottobre 2009 09:57

    Oggetto: La Rivoluzione individuale

    Avrà visto o letto i pochi commenti da me postati in precedenza, ma dopo avere letto "Cercasi Funzionario dell'anno" ho capito che Lei fa sul serio. Le spiego il perché: a vedere il marcio non ci vuole certo un ottico deandreiano, a mettere le mani nella materia primordiale, e uscirne con un Annibale Vinci, ci vuole integrità intellettuale, perché chi, come Lei dice, lavora nonostante il contesto, andrebbe insignito di ben più alto e tangibile riconoscimento: se non fossi, come sono Brechtiano in materia di eroi, gli appunterei una grossa medaglia come eroe dell'anno!

    p.s.: se continua a cercare scoprirà che, fortunatamente, Annibale Vinci non è solo.

    RispondiElimina
  4. Di certo non sarà la nostra beneamata Penna Veloce...

    RispondiElimina
  5. Io nominerei quali vincitori di questo premio virtuale tutti quei funzionari degli IPA e delle Condotte Agrarie che hanno dimostrato una grande elasticità mentale ed un positivo spirito di collaborazione nella istruzione delle domande di contributo relative al famigerato Bando 4.06 del 2008 (ricordate il cd. Bandino?).
    Penso che sia grazie a Loro se il Bando, tirate le somme, ha funzionato.
    La mia non è becera piaggeria a posteriori ma un sincero riconoscimento a quei Funzionari misconosciuti alla sede centrale dell’AAFF che, in barba alle asettiche e rigide procedure da caserma, basano la loro valutazione delle istanze e dei progetti anche sulla conoscenza dei comportamenti storici di Aziende e Tecnici.

    Cordialità

    RispondiElimina
  6. Usando la locuzione "in barba" non volevo certo dire "a dispetto di" ma "nonostante".
    A scanso di equivoci.
    Cordialità

    RispondiElimina