Passa ai contenuti principali

La ricetta della domenica

pasta

Oggi un collega mi ha dato una “dritta”: “perchè non pubblichi una delle tue ricette, almeno così l’Alta Dirigenza … si dedica un pò di più alla propria casa?” 
Detto fatto! Ecco la ricetta della pasta incasciata, come la faccio io, e come l’ho fatta domenica scorsa (senza copia-incolla).
Fate soffriggere una cipolla di Calabria (IGP o no, non ha importanza) tagliata a pezzettini.
Poi aggiungete la salsiccia, privandola del budello, e sminuzzandola il più possibile.
Aggiungete le olive e sfumate con la birra. La preferisco al vino, perchè dà un sapore diverso, ma assai gradevole; sapore che difficilmente viene riconosciuto.
Poi lasciate soffriggere fino a che la salsiccia non è ben rosolata, ed aggiungete dei cavolfiori, che avete dapprima fatto bollire.
Nella pentola in cui avete fatto bollire i cavolfiori buttate la pasta, e continuate a far soffriggere il condimento.
Preparate a parte della tuma o del pepato fresco tagliato a pezzettini.
Quando la pasta è pronta aggiungete il tutto, ovviamente prima scolate la pasta (salvo proroga, e proroga della proroga), ed anche la tuma o il pepato fresco.
Mescolate il tutto, ed infine, disponete in una teglia, cospargendola di Parmigiano Reggiano (magari quello dello shopping del Ministro Luca Zaia), e mettete in forno per almeno 40-45 minuti.
Prima di servire in tavola … un colpo di “grill”, quasi una sveltina, come il bando ... sveltina … e buon appetito!

Commenti

  1. Ma che pensa che la Barresi sappia cucinare? Con i soldi che incassa va al SELF-SERVICE!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Acconto PAC 2019

Ci risiamo. E' già iniziato il conto alla rovescia per l'acconto PAC 2019. Arriva, non arriva, è l'importo giusto, non lo è. Insomma, ogni anno la stessa storia, e gli stessi commenti da parte dei lettori del blog. E per questo ho voluto scrivere questo post, per dare la possibilità di inserire commenti, che nei precedenti post sono diventati ormai troppi, e viene difficile anche scrivere.

In attesa del saldo PAC 2018

I post del blog più letti e più commentati? Quelli del saldo PAC, ogni anno; da sempre. Eppure, nonostante le rassicurazioni di AGEA, ci sono moltissimi che continuano a scrivere che non hanno ricevuto nemmeno l'acconto di novembre. Entro il 30 giugno, però, AGEA deve completare i pagamenti.

Saldo PAC e saldo "bio" e la "patrimoniale a rate"

Ogni tanto una buona notizia: nei conti correnti degli agricoltori stanno arrivando i saldi del premio PAC 2019. Ma nei conti correnti degli agricoltori siciliani, poi, stanno arrivando pure i soldi del "bio". Controllate, quindi, i conti correnti, e li vedrete "arricchiti" di quanto vi spetta. Nota dolente, ahimè: da un lato si riceve, e dell'altro si dà. Giorno 16 dicembre, infatti c'è l'IMU da pagare, "la patrimoniale a rate" ... da pagare ogni anno ... una tassa calcolata su estimi catastali incoerenti ... e che a nessuno interessa rettificare, tanto meno ai Sindaci dei comuni ... che traggono da questa tassa patrimoniale il loro maggiore sostentamento ...