Passa ai contenuti principali

Lettera da un lampione mai adottato

Tanto tempo fa venni posto in una bella via con il basolato lavico, a fare compagnia a quelle belle pietre, e scandivo i giorni riposando, ma le notti illuminando la via e accompagnando da un lampione all'altro le persone che in quella via camminavano.
Tutti mi guardavano, tutti mi ammiravano, e tutti si complimentavano con me.
Ero un vanto per quella via; altre vie avevano dei miei parenti strani, alti, bianchi, ricurvi, nulla a che vedere con la mia eleganza.

Passarono decenni e poi l'abbandono: dapprima i vetri che proteggevano il mio "occhio illuminato", poi la base che cominciò a cedere, ma anche il mio "abito" cominciò a scrostarsi.
E nessuno che pensò di occuparsi di me. Eppure io mi sono occupato di tutti, indiscriminatamente, notte per notte, al caldo ed al freddo, col vento e con la pioggia.
Anche durante la lunghissima festa padronale mi impegnai tantissimo, e feci anche da "cameriere" agli astanti. 
Nulla mai dissi e mai mi lamentai per essere utilizzato dai cani per l'espletamento dei loro bisogni ...
L'indifferenza di decenni e decenni scandì il mio onorato lavoro.
Ad un certo punto ecco che il mio capo iniziò a cedere, a reclinarsi, e nessuno che si prendeva cura di me.
Lanciai un grido di dolore, un grido disperato, ma niente: erano tutti sordi, nessuno che voleva adottarmi, rendermi più bello, più efficiente, insomma farmi rivivere la mia seconda giovinezza.
Ed ecco che qualche giorno fa un fiocco ... tentarono di soffocarmi, per non farmi parlare, strinsero sempre di più e ...

La lettera finisce qui, perchè ... il lampione, che non è morto per il soffocamento, alla fine è stato decapitato.

#adottaunlampione


Commenti

  1. Il decesso per decapitazione rientra nei casi di morte violenta e non nel natural divenire delle cose. Ogni crimine ha degli attori, morali e materiali. Se da un lato bisogna indagare per trovare il colpevole materiale, facile e pleonastica appare la soluzione di chi è la colpa, in concorso morale, di cotanta barbarie.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Acconto PAC 2019

Ci risiamo. E' già iniziato il conto alla rovescia per l'acconto PAC 2019. Arriva, non arriva, è l'importo giusto, non lo è. Insomma, ogni anno la stessa storia, e gli stessi commenti da parte dei lettori del blog. E per questo ho voluto scrivere questo post, per dare la possibilità di inserire commenti, che nei precedenti post sono diventati ormai troppi, e viene difficile anche scrivere.

Saldo PAC e saldo "bio" e la "patrimoniale a rate"

Ogni tanto una buona notizia: nei conti correnti degli agricoltori stanno arrivando i saldi del premio PAC 2019. Ma nei conti correnti degli agricoltori siciliani, poi, stanno arrivando pure i soldi del "bio". Controllate, quindi, i conti correnti, e li vedrete "arricchiti" di quanto vi spetta. Nota dolente, ahimè: da un lato si riceve, e dell'altro si dà. Giorno 16 dicembre, infatti c'è l'IMU da pagare, "la patrimoniale a rate" ... da pagare ogni anno ... una tassa calcolata su estimi catastali incoerenti ... e che a nessuno interessa rettificare, tanto meno ai Sindaci dei comuni ... che traggono da questa tassa patrimoniale il loro maggiore sostentamento ...

In attesa del saldo PAC 2018

I post del blog più letti e più commentati? Quelli del saldo PAC, ogni anno; da sempre. Eppure, nonostante le rassicurazioni di AGEA, ci sono moltissimi che continuano a scrivere che non hanno ricevuto nemmeno l'acconto di novembre. Entro il 30 giugno, però, AGEA deve completare i pagamenti.