giovedì 5 novembre 2015

PSR 2014/2020 in pillole, 7° puntata

Altra Misura del PSR 2014/2010, ricordando che le indicazioni descritte sono estratte in "copia/incolla" dal documento di programmazione redatto dall'Assessorato all'Agricoltura della nostra regione.


Misura 5 – Ripristino del potenziale produttivo agricolo danneggiato da calamità naturali, avversità atmosferiche e da eventi catastrofici e introduzione di adeguate misure di prevenzione ricordando che le indicazioni descritte sono estratte in "copia/incolla" dal documento di programmazione redatto dall'Assessorato all'Agricoltura della nostra regione.




Contributo alla Focus Area 3 b) – sostenere la prevenzione e la gestione dei rischi aziendali
La misura è direttamente collegata alla priorità 3 - Promuovere l'organizzazione della filiera alimentare, compresa la trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli, benessere degli animali e la gestione dei rischi in agricoltura, con particolare riguardo alla focus area 3 b) – sostenere la prevenzione e la gestione dei rischi aziendali - in quanto, attraverso gli investimenti previsti, intende sostenere le imprese agricole sempre più soggette a gravi perdite economiche, causate dai rischi connessi alla gestione aziendale.

Ai fini dell’attuazione della presente misura in conformità all’articolo 2 del reg. (UE) n. 1305/2013, si considera:
"Avversità atmosferica": un evento atmosferico, come gelo, tempesta, grandine, ghiaccio, pioggia o siccità prolungata, assimilabile a una calamità naturale;
"Calamità naturale": un evento naturale, di tipo biotico o abiotico, che causa gravi turbative dei sistemi di produzione agricola o dei complessi forestali, con conseguenti danni economici rilevanti per il settore agricolo o forestale;
"Evento catastrofico": un evento imprevisto, di tipo biotico o abiotico, provocato dall’azione umana, che causa gravi turbative dei sistemi di produzione agricola o dei complessi forestali, con conseguenti danni economici rilevanti per il settore agricolo o forestale.

La misura si articola nelle seguenti sottomisure:
- 5.1: Investimenti in azioni di prevenzione volte a ridurre le conseguenze di probabili calamità naturali, avversità atmosferiche ed eventi catastrofici.
L’intervento previsto è volto a realizzare investimenti strutturali nelle aziende agricole singole o associate o anche a livello interaziendale finalizzati alla prevenzione dei danni causati da eventi straordinari. Tali interventi, pur essendo previsti nella programmazione 2007-2013 non sono stati attivati a causa della ridotta dotazione finanziaria che si è pertanto concentrata sugli interventi compensativi.
L’intervento introduce un regime di sostegno per le imprese agricole che realizzano investimenti materiali funzionali alla prevenzione dei danni da probabili calamità naturali, avversità atmosferiche ed eventi catastrofici.

- 5.2: Investimenti per il ripristino dei terreni agricoli e del potenziale produttivo danneggiati da calamità naturali, avversità atmosferiche e da eventi catastrofici.
gli interventi previsti sono volti alla realizzazione di investimenti per il ripristino dei terreni agricoli e del potenziale produttivo danneggiati da calamità naturali, avversità atmosferiche ed eventi catastrofici. In particolare:
- compensare i danni infrastrutturali tramite il ripristino e/o ricostruzione delle infrastrutture materiali danneggiate;
- compensare i danni ai fabbricati e attrezzature al servizio delle aziende agricole tramite il ripristino e/o ricostruzione degli investimenti materiali (strutture e impianti) e delle dotazioni aziendali (acquisto di macchine e attrezzature);
- compensare i danni ad impianti arborei e animali, tramite acquisto di animali e di piante. Nei casi di fitopatie, l’espianto e la distruzione delle piante infette, l’acquisto e il reimpianto di varietà/specie di piante resistenti o tolleranti

Nessun commento:

Posta un commento