mercoledì 25 gennaio 2017

La mia otosclerosi ..., 2° puntata

Così con un volo diretto (allora c'era) Catania - Zurigo arrivai in Svizzera; mi sorprese che già nel 1987 all'aeroporto di Zurigo ci fosse una stazione ferroviaria al piano -1 dell'aeroporto.
Noi qui nel 2017, con la stazione di Bicocca a due passi dall'aeroporto Fontanarossa non abbiamo un bel nulla!
Presi un puntualissimo treno che da Zurigo mi portò a Losanna, ed arrivai allo studio del prof. Muller, che mi attendeva.
Mi sorprese che ... le porte di ingresso dello studio ... non fossero "chiuse a chiave", ma bastava abbassare la maniglia ed entrare.
Il prof. Muller mi visitò dapprima con gli strumenti a sua disposizione, poi mi infilò in cabina audiometrica e dopo il responso grafico, e dopo una serie di altri esami, fra cui quello timpanografico, mi disse "hai l'otosclerosi", con un decadimento di udito a destra del 20%, ed a sinistra del 10-12%.
In "soldoni": la staffa non trasmette bene i suoni che arrivano dall'esterno, e quindi si sente di meno (ovviamente è un modo semplice per spiegare a tutti in cosa consiste).
Mi disse che per il momento non c'era bisogno di effettuare alcuna operazione e che la stessa sarebbe avvenuta eliminando la staffa ed applicando una piccola protesi in teflon.
Mi rassicurò che l'orecchio non sarebbe stato aperto "come un cofano di una macchina", ma mi disse "qualora senti degli acufeni continui e forti, chiama, vieni che ti opero subito".

Dormii a Losanna, e l'indomani mattina ripresi, dopo aver fatto la tratta ferroviaria Losanna - Zurigo, il volo Zurigo - Catania.

... continua ...

Nessun commento:

Posta un commento