Passa ai contenuti principali

Ecco il comitato nazionale del DOP e IGP del vino

Qualche giorno fa è stato nominato il Comitato Nazionale per i vini DOP e IGP, nel quale è stata nominata, in rappresentanza del CONAF, la Vicepresidente dott. agr. Rosanna Zari, alla quale faccio i miei auguri di buon lavoro.

Qui sotto il comunicato del Ministero.




È stato firmato dal Ministro Gian Marco Centinaio il decreto di nomina per il prossimo triennio del Comitato nazionale vini Dop e Igp, un organo del Ministero delle Politiche agricole che ha la competenza consultiva e propositiva in materia di tutela e valorizzazione qualitativa e commerciale dei vini Dop e Igp.

Rispetto al precedente Comitato, la composizione è stata ampliata con un membro in rappresentanza dell'Ordine nazionale dei dottori agronomi e forestali.
Il Comitato è così formato da:
- Michele Zanardo, in qualita' di Presidente;
- Michele Alessi, Marco La Rocca e Luca Lauro in rappresentanza del Ministero delle politiche
agricole alimentari, forestali e del turismo;
- Antonella Bosso, esperto in materie tecnico/scientifico/legislative
attinenti al settore della viticoltura ed enologia;
- Luigi Moio, esperto in materie tecnico/scientifico/legislative
attinenti al settore della viticoltura ed enologia;
- Attilio Scienza, esperto in materie tecnico/scientifico/legislative attinenti al settore della viticoltura ed enologia;
- Rosa Fiore, in rappresentanza ed in qualita' di coordinatore delle regioni e delle province autonome;
- Rosanna Zari, esperta nel settore vitivinicolo di qualita' in rappresentanza dell'Ordine dei dottori agronomi e dei dottori forestali;
- Giuseppe Salvini per le camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura;
- Emilio Renato Defilippi, in rappresentanza dell'Associazione enologi enotecnici italiani;
- Alberto Mazzoni, in rappresentanza dei consorzi volontari di tutela;
- Francesco Ferreri, Palma Esposito e Domenico Mastrogiovanni in rappresentanza delle organizzazioni agricole;
- Valentina Sourin e Gabriele Castelli in rappresentanza delle organizzazioni di rappresentanza e tutela delle cantine sociali e cooperative agricole;
- Ottavio Cagiano de Azevedo e Paolo Castelletti in rappresentanza delle organizzazioni degli
industriali vinicoli.

Commenti

Post popolari in questo blog

Saldo PAC 2018

Nonostante le rassicurazioni da parte di Agea sul pagamento di quasi tutte le domande del premio PAC 2018, continuo a ricevere moltissime segnalazioni di mancati pagamenti; forse quelle istanze sono "a controllo", o forse sono con anomalie ai fascicoli aziendali. Metto a  disposizione questo post per i commenti dei moltissimi lettori che utilizzano il blog per scambiarsi informazioni.

Saldo PAC 2018

Maggio, e poi giugno. Ed entro fine giugno andrebbero pagati tutti i premi PAC, mentre c'è ancora chi attende l'acconto, ed infatti continuo a ricevere messaggi da agricoltori da mezza Italia. Rifaccio questo post per dare la possibilità ai lettori del blog di continuare a scambiarsi informazioni.

Niente IMU sui fabbricati rurali collabenti, lo dice la Cassazione

Finalmente si mette la parola "fine" alle "liti" che sorgono fra i Comuni che richiedono l'IMU anche sui fabbricati collabenti, o comunque non utilizzabili. La Corte di Cassazione con la sentenza n. 10122 dell'11 aprile 2019, che trovate per intero qui sotto in formato grafico, dice no al pagamento dell'IMU, ma dice pure che questi immobili degradati, collabenti o ruderi, per non pagare l'IMU devono comunque essere iscritti al Catasto. Unico neo di tutta la vicenda, però, è che il patrimonio edilizio rurale "va a farsi benedire", poichè moltissimi sono gli edifici che pur non essendo utilizzati godevano di buone condizioni statiche e di manutenzione, ma sono distrutti, proprio a casa della imposizione fiscale dell'IMU, una delle tasse più ingiuste e care che il Fisco si sia inventato.