Passa ai contenuti principali

La fatturazione elettronica - i prezzi del servizio a pagamento

Esistono moltissime società che effettuano il servizio di fatturazione elettronica, partendo dalla fatturazione stessa, poi eseguendo l'invio telematico, ed infine la conservazione, così come prevede la norma, che continuo a ritenere contorta.
Se cercate su qualsiasi motore di ricerca "fatturazione elettronica" ecco che troverete moltissime società erogatrici del servizio.
I prezzi?
Di tutti i tipi. Si parte da 25,00 euro + IVA all'anno, con servizio "base" e si arriva anche ad un prezzo di 1.800,00 + IVA all'anno.
Alcune società, invece, fanno pagare il servizio 0,50 euro + IVA a fattura.
Insomma un ulteriore costo che serve solo ed esclusivamente a foraggiare le società di software, su di un sistema balordo, volutamente complicato e che non risolve in toto il problema della elusione e della evasione fiscale.
Se quest'ultimo era l'intento del Fisco, ebbene non è questo il modo di risolverlo.

Domani, invece, pubblicherò un modo gratuito per risolvere questo problema, di cui poco si parla, e che diverrà uno dei prossimi "assilli" a partire dal 1° gennaio 2019.

Commenti

Post popolari in questo blog

Saldo PAC 2018

Nonostante le rassicurazioni da parte di Agea sul pagamento di quasi tutte le domande del premio PAC 2018, continuo a ricevere moltissime segnalazioni di mancati pagamenti; forse quelle istanze sono "a controllo", o forse sono con anomalie ai fascicoli aziendali. Metto a  disposizione questo post per i commenti dei moltissimi lettori che utilizzano il blog per scambiarsi informazioni.

Saldo PAC 2018

Maggio, e poi giugno. Ed entro fine giugno andrebbero pagati tutti i premi PAC, mentre c'è ancora chi attende l'acconto, ed infatti continuo a ricevere messaggi da agricoltori da mezza Italia. Rifaccio questo post per dare la possibilità ai lettori del blog di continuare a scambiarsi informazioni.

Niente IMU sui fabbricati rurali collabenti, lo dice la Cassazione

Finalmente si mette la parola "fine" alle "liti" che sorgono fra i Comuni che richiedono l'IMU anche sui fabbricati collabenti, o comunque non utilizzabili. La Corte di Cassazione con la sentenza n. 10122 dell'11 aprile 2019, che trovate per intero qui sotto in formato grafico, dice no al pagamento dell'IMU, ma dice pure che questi immobili degradati, collabenti o ruderi, per non pagare l'IMU devono comunque essere iscritti al Catasto. Unico neo di tutta la vicenda, però, è che il patrimonio edilizio rurale "va a farsi benedire", poichè moltissimi sono gli edifici che pur non essendo utilizzati godevano di buone condizioni statiche e di manutenzione, ma sono distrutti, proprio a casa della imposizione fiscale dell'IMU, una delle tasse più ingiuste e care che il Fisco si sia inventato.