Passa ai contenuti principali

La fatturazione elettronica - il servizio gratuito

Dopo la "carrellata" del sistema di fatturazione elettronica, uno dei sistemi informatici più contorti fra quelli messi a disposizione dalla Pubblica Amministrazione, ecco che è arrivato il momento di presentare un servizio, per fortuna, meno complesso, che ci viene fornito gratuitamente da Infocamere, delle Camere di Commercio.
Il sistema, così com'è riportato sul sito "La fatturazione elettronica delle Camere di Commercio garantisce la gestione a norma di legge di tutto il processo: dalla compilazione, all' invio, fino alla conservazione dei documenti contabili. Il servizio é facile da usare, non richiede l' installazione di alcun software ed é accessibile in modo sicuro con SPID (Sistema Pubblico di Identitá Digitale) o CNS (Carta Nazionale dei Servizi).
Sempre con SPID e CNS potrai consultare le tue fatture anche in mobilitá da smartphone e tablet tramite il servizio delle Camere di commercio impresa.italia.it: un vero e proprio “ cassetto digitale dell' imprenditore “ che consente ai legali rappresentanti o titolari di un' attivitá imprenditoriale di consultare gratuitamente le informazioni e i documenti della propria impresa comunicati in Camera di Commercio."

Ed in effetti il sito, che ho provato già da qualche settimana, mantiene le promesse enunciate: gratuità, semplificazione delle procedure, certificazione della emissione delle fatture, certificazione della ricezione delle fatture ed anche la conservazione delle stesse.

Potete provarlo collegandovi all'indirizzo https://fatturaelettronica.infocamere.it/fpmi/selectLogin ed inserendo la Smart Card nel lettore digitale, o tramite SPID.
Appena entrati trovate varie sezioni che vi consento di:
- creare una nuova fattura
- caricare una fattura ricevuta e trasmetterla al servizio di conservazione
- verificare una lista di fatture
- area invio dati
- area gestione

Pur rimanendo questo servizio gratuito e semplificativo della fatturazione elettronica, rimane il fatto che hanno realizzato un sistema MOSTRUOSO!



Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Saldo PAC 2018

Nonostante le rassicurazioni da parte di Agea sul pagamento di quasi tutte le domande del premio PAC 2018, continuo a ricevere moltissime segnalazioni di mancati pagamenti; forse quelle istanze sono "a controllo", o forse sono con anomalie ai fascicoli aziendali. Metto a  disposizione questo post per i commenti dei moltissimi lettori che utilizzano il blog per scambiarsi informazioni.

Saldo PAC 2018

Maggio, e poi giugno. Ed entro fine giugno andrebbero pagati tutti i premi PAC, mentre c'è ancora chi attende l'acconto, ed infatti continuo a ricevere messaggi da agricoltori da mezza Italia. Rifaccio questo post per dare la possibilità ai lettori del blog di continuare a scambiarsi informazioni.

Niente IMU sui fabbricati rurali collabenti, lo dice la Cassazione

Finalmente si mette la parola "fine" alle "liti" che sorgono fra i Comuni che richiedono l'IMU anche sui fabbricati collabenti, o comunque non utilizzabili. La Corte di Cassazione con la sentenza n. 10122 dell'11 aprile 2019, che trovate per intero qui sotto in formato grafico, dice no al pagamento dell'IMU, ma dice pure che questi immobili degradati, collabenti o ruderi, per non pagare l'IMU devono comunque essere iscritti al Catasto. Unico neo di tutta la vicenda, però, è che il patrimonio edilizio rurale "va a farsi benedire", poichè moltissimi sono gli edifici che pur non essendo utilizzati godevano di buone condizioni statiche e di manutenzione, ma sono distrutti, proprio a casa della imposizione fiscale dell'IMU, una delle tasse più ingiuste e care che il Fisco si sia inventato.