Passa ai contenuti principali

La fatturazione elettronica - considerazioni

Dal 1° gennaio 2019 tutte le fatturazioni emesse dai professionisti andranno effettuate con il sistema di fatturazione elettronica.
Io sono una fautore della semplificazione e della digitalizzazione dei documenti, e vedrei, dico vedrei, molto bene la fatturazione elettronica.
Debbo però notare che la Pubblica Amministrazione anche in questo caso, come avvenne per il SISTRI per adesso abbandonato a sè stesso dopo le decine e decine di milioni di euro spesi, come avvenne per il PAI dell'Assessorato Agricoltura della nostra regione, come avviene per l'inutile e replicante (nei dati) WebPSA del PSR Sicilia, mette in moto dei sistemi complessi, farraginosi e difficilmente attuabili dal "semplice cittadino" o "uomo della strada", e che costringono (forse è fatto anche apposta) ad effettuate l'acquisto di software ed a pagare canoni annui a società che si occupano di ciò, e che sono in poche ad essere autorizzate a fare ciò.

E la fatturazione elettronica, che sarebbe potuta essere un "gioco da ragazzi" con una semplice piattaforma online, diviene un rompicapo peggio del cubo di rubik.

Domani, quindi, descriverò un modo un pò più semplice per effettuare la fatturazione elettronica, rimanendo comunque un problema serio far pervenire al cliente "normale" la fattura elettronica e farne eseguire il pagamento con tanto di evidenza fiscale.

Non riesco proprio a capire perchè ci debbano complicare la vita così!

Europa dove sei che non ti vedo

Commenti

  1. Io e altre migliaia di liberi professionisti, che hanno salvaguardato la proprià libertà di pensiero e la propria indipendenza pagandola a caro prezzo, non avendo un "parco clienti" portato in dote dai politici esponenti della "casta", non avrò questa incombenza in quanto esentato per via del volume d' affari, largamente inferiore ai 30.000 euro annuo. Almeno questo mi è rimasto.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Saldo PAC 2018

Nonostante le rassicurazioni da parte di Agea sul pagamento di quasi tutte le domande del premio PAC 2018, continuo a ricevere moltissime segnalazioni di mancati pagamenti; forse quelle istanze sono "a controllo", o forse sono con anomalie ai fascicoli aziendali. Metto a  disposizione questo post per i commenti dei moltissimi lettori che utilizzano il blog per scambiarsi informazioni.

Saldo PAC 2018

Maggio, e poi giugno. Ed entro fine giugno andrebbero pagati tutti i premi PAC, mentre c'è ancora chi attende l'acconto, ed infatti continuo a ricevere messaggi da agricoltori da mezza Italia. Rifaccio questo post per dare la possibilità ai lettori del blog di continuare a scambiarsi informazioni.

Niente IMU sui fabbricati rurali collabenti, lo dice la Cassazione

Finalmente si mette la parola "fine" alle "liti" che sorgono fra i Comuni che richiedono l'IMU anche sui fabbricati collabenti, o comunque non utilizzabili. La Corte di Cassazione con la sentenza n. 10122 dell'11 aprile 2019, che trovate per intero qui sotto in formato grafico, dice no al pagamento dell'IMU, ma dice pure che questi immobili degradati, collabenti o ruderi, per non pagare l'IMU devono comunque essere iscritti al Catasto. Unico neo di tutta la vicenda, però, è che il patrimonio edilizio rurale "va a farsi benedire", poichè moltissimi sono gli edifici che pur non essendo utilizzati godevano di buone condizioni statiche e di manutenzione, ma sono distrutti, proprio a casa della imposizione fiscale dell'IMU, una delle tasse più ingiuste e care che il Fisco si sia inventato.