Passa ai contenuti principali

Pistacchi ovunque - sono tutti di Bronte?

In tutte le parti del mondo trovate i pistacchi, in molte parti d'Europa trovate i "pistacchi di Bronte", ed in Italia avviene anche questo, che sto per descrivere.
Ed il pistacchio da qualche anno è tornato alla ribalta, con una produzione di elaborati alimentari sproporzionata alla produzione reale; ovviamente mi riferisco ai pistacchi di Bronte, che sono coltivati in circa 2.500 ettari (secondo alcuni 4.000).
Ma questa ridotta superficie riesce a soddisfare con le proprie produzioni le richieste del mercato, anche tenendo conto dell'alternanza della produzione?
E prima di andare avanti, vorrei ricordare che quattro anni fa ho già scritto su questa vicenda:

Nella confezione che mostro in fotografia il pesto di pistacchio viene "prodotto e confezionato a Bronte", e poi la provenienza del pistacchio viene indicata in etichetta dopo la data di scadenza con una apposita lettere, che può essere Siciliana, Turca, Greca, Iraniana, Argentina ed Americana. Ogni paese di produzione una lettera. Tutto legale, intendiamoci, è ben scritto nella etichetta.
Nel caso in specie il prodotto reca una "I", relativa all'Iran, e quindi chi mette in commercio il prodotto ha ottemperato alla indicazione della provenienza.
Ma ... il consumatore innanzitutto potrebbe essere indotto in errore dalla "I" ritenendola relativa alla "I"talia, che invece per norma internazionale ha come dicitura "IT", e comunque non è detto che sia proprio così attento a leggere le indicazioni riportate in etichetta, ma solo l'ultimo rigo nel quale è scritto dove il pesto è stato prodotto e confezionato.
Non ci troviamo in uno dei casi di frode in commercio, ma sicuramente in un caso in cui il consumatore può "distrattamente" essere indotto in errore di valutazione sull'acquisto del prodotto.

Quindi?
E quindi ... leggete bene, molto bene, le etichette, prima di acquistare un prodotto, che invece ne nasconde un altro.

Commenti

Post popolari in questo blog

Saldo PAC 2018

Nonostante le rassicurazioni da parte di Agea sul pagamento di quasi tutte le domande del premio PAC 2018, continuo a ricevere moltissime segnalazioni di mancati pagamenti; forse quelle istanze sono "a controllo", o forse sono con anomalie ai fascicoli aziendali. Metto a  disposizione questo post per i commenti dei moltissimi lettori che utilizzano il blog per scambiarsi informazioni.

Saldo PAC 2018

Maggio, e poi giugno. Ed entro fine giugno andrebbero pagati tutti i premi PAC, mentre c'è ancora chi attende l'acconto, ed infatti continuo a ricevere messaggi da agricoltori da mezza Italia. Rifaccio questo post per dare la possibilità ai lettori del blog di continuare a scambiarsi informazioni.

Niente IMU sui fabbricati rurali collabenti, lo dice la Cassazione

Finalmente si mette la parola "fine" alle "liti" che sorgono fra i Comuni che richiedono l'IMU anche sui fabbricati collabenti, o comunque non utilizzabili. La Corte di Cassazione con la sentenza n. 10122 dell'11 aprile 2019, che trovate per intero qui sotto in formato grafico, dice no al pagamento dell'IMU, ma dice pure che questi immobili degradati, collabenti o ruderi, per non pagare l'IMU devono comunque essere iscritti al Catasto. Unico neo di tutta la vicenda, però, è che il patrimonio edilizio rurale "va a farsi benedire", poichè moltissimi sono gli edifici che pur non essendo utilizzati godevano di buone condizioni statiche e di manutenzione, ma sono distrutti, proprio a casa della imposizione fiscale dell'IMU, una delle tasse più ingiuste e care che il Fisco si sia inventato.