Passa ai contenuti principali

Buongiorno Cimò - il flop della Misura 4.1 del PSR Sicilia 2014/2020, 1° puntata

Buongiorno Cimò: ritorno sul flop della Misura 4.1 del PSR Sicilia, che ha lasciato tutti scontenti.
Eh, sì!
- l'importo massimo dei progetti era troppo elevato: 5 milioni di euro ... solo di IVA servirebbero 1,1 milioni di euro (2 miliardi di IVA delle vecchie lire solo di IVA!?!?!?!)
- il contributo,  per alcune categorie di agricoltori, era troppo elevato: il 70%. Ciò è possibile farlo quando la dotazione finanziaria è cospicua, ma non quando a Bando ci sono solo 100 milioni di euro
- i criteri di selezione: fantasiosi, scritti con i piedi, ma soprattutto hanno dato adito ad interpretazioni differenti da ovest ad est della Sicilia e da nord a sud ...
- i progetti non potevano essere fatti prevedendo gli investimenti essenziali, ma andavano "conditi" da decine di investimenti "satelliti" che facevano lievitare l'importo anche del 500%
- un Bando da 100 milioni di euro che finanzia solo circa 100 istanze non ha dato l'effetto per il quale l'Unione Europea ci dà i soldi, poichè effettua una distribuzione puntiforme delle risorse e non diffusa sul territorio
- FAQ che "sconfessavano" i criteri di selezione, o fra di loro stesse si contraddicevano
- decine e decine i ricorsi al TAR, che finiranno per bloccare tutto

... domani continua ...

Commenti

  1. e non vogliamo parlare del bando 6.1 di cui ancora non si sa niente collegato anch'esso ai vari 4.1(identico di cui sopra ma con punteggi da redistribuire) 8.1 e 6.4a

    RispondiElimina
  2. corrado , le romanzi della sicilia non avranno mai fine . eppure cracolice era un penalista cosa ha che fare con lìagricoltura . è come quel calabrone che prova fare il miele , corrado se ti fai una passeggiata nel assessorato a palermo vede che le cose non sono cambiate pui di tanto , bastava leggere quella dichiarazione del ministro attuale per l'agricoltura parlava ella sicilia e ti fgaccio copia incolla e pens un po ----------"La Sicilia l'ho girata tutta, o quasi. Ci sono strade da terzo mondo, questo lo dico al governo". Così il ministro per le Politiche agricole, Gian Marco Centinaio, intervenendo a un convegno in Sicindustria, a Palermo. "Sono stato in una località turistica in Sicilia dove c'erano più cani randagi che cristiani, e dove l'immondizia veniva raccolta, in pieno ferragosto, una volta a settimana.
    Ecco non porterei nemmeno un operatore turistico in quella località", ha aggiunto.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Saldo PAC 2018

Nonostante le rassicurazioni da parte di Agea sul pagamento di quasi tutte le domande del premio PAC 2018, continuo a ricevere moltissime segnalazioni di mancati pagamenti; forse quelle istanze sono "a controllo", o forse sono con anomalie ai fascicoli aziendali. Metto a  disposizione questo post per i commenti dei moltissimi lettori che utilizzano il blog per scambiarsi informazioni.

Saldo PAC 2018

Maggio, e poi giugno. Ed entro fine giugno andrebbero pagati tutti i premi PAC, mentre c'è ancora chi attende l'acconto, ed infatti continuo a ricevere messaggi da agricoltori da mezza Italia. Rifaccio questo post per dare la possibilità ai lettori del blog di continuare a scambiarsi informazioni.

Niente IMU sui fabbricati rurali collabenti, lo dice la Cassazione

Finalmente si mette la parola "fine" alle "liti" che sorgono fra i Comuni che richiedono l'IMU anche sui fabbricati collabenti, o comunque non utilizzabili. La Corte di Cassazione con la sentenza n. 10122 dell'11 aprile 2019, che trovate per intero qui sotto in formato grafico, dice no al pagamento dell'IMU, ma dice pure che questi immobili degradati, collabenti o ruderi, per non pagare l'IMU devono comunque essere iscritti al Catasto. Unico neo di tutta la vicenda, però, è che il patrimonio edilizio rurale "va a farsi benedire", poichè moltissimi sono gli edifici che pur non essendo utilizzati godevano di buone condizioni statiche e di manutenzione, ma sono distrutti, proprio a casa della imposizione fiscale dell'IMU, una delle tasse più ingiuste e care che il Fisco si sia inventato.