Passa ai contenuti principali

Buongiorno Cimò - il flop della Misura 4.1 del PSR Sicilia 2014/2020, 2° puntata

Buongiorno Cimò diventa un hashtag: #buongiornocimò, che segnerà tutti i posti in cui il PSR Sicilia 2014/2020 ha "toppato", praticamente tutti.
Certo ... andrebbe aggiunto pure un altro hashtag #buongiornocracolici, ma non suona bene come #buongiornocimò!

Riprendendo la discussione di ieri ... che dire delle galline ruspanti negli agrumeti, un ridicolo punteggio (15 punti) assegnato a chi effettuasse interventi nel settore avicolo ... e che non essendo normato nelle disposizioni attuative anche con sole 5 galline potevano fare la differenza?
E che dire sui conigli, che invece forse per la "colpa grave" di autoriprodursi con celerità, vengono esclusi dalla assegnazione dei punteggi?
E che dire della rivincita della zappa (rimando al post che ho fatto nell'ottobre 2017 https://goo.gl/spN7XU) o della "zappa pride" (https://goo.gl/cxJMiK).

Insomma ci ricordiamo tutti di criteri di selezione fantasiosi, di WebPSA (altra sciocchezza al pari del Metafert) che ci dava tantissime anomalie, ma soprattutto ci è stato consegnato a soli 10 giorni dalla chiusura del bando della Misura 4.1. 
Sarebbe bastato solo questo, solo una semplice segnalazione al Commissario Europeo all'Agricoltura, solo una segnalazione che questo mirabolante WebPSA non ci è stato consegnato alla apertura del Bando, come invece indicato nelle Disposizioni Attuative,  per invalidare ed annullare il Bando ...
Eppure il dott. agr. Gaetano Cimò, spinto dall'allora assessore on.le Antonello Cracolici, andarono dritti come un treno e, come ho scritto il 28 novembre scorso le discussioni finivano sempre con "sono Autorità di Gestione e si fa come dico io".
Non sono valse a nulla riunioni, lettere, pagine e pagine di Osservazioni ("appena" 404 pagine), a nulla ... si doveva andare avanti fino a .... sbattere! Sì, a sbattere, che è quello che stiamo vivendo adesso!

... domani continua ...

Commenti

Post popolari in questo blog

Saldo PAC 2018

Nonostante le rassicurazioni da parte di Agea sul pagamento di quasi tutte le domande del premio PAC 2018, continuo a ricevere moltissime segnalazioni di mancati pagamenti; forse quelle istanze sono "a controllo", o forse sono con anomalie ai fascicoli aziendali. Metto a  disposizione questo post per i commenti dei moltissimi lettori che utilizzano il blog per scambiarsi informazioni.

Saldo PAC 2018

Maggio, e poi giugno. Ed entro fine giugno andrebbero pagati tutti i premi PAC, mentre c'è ancora chi attende l'acconto, ed infatti continuo a ricevere messaggi da agricoltori da mezza Italia. Rifaccio questo post per dare la possibilità ai lettori del blog di continuare a scambiarsi informazioni.

Niente IMU sui fabbricati rurali collabenti, lo dice la Cassazione

Finalmente si mette la parola "fine" alle "liti" che sorgono fra i Comuni che richiedono l'IMU anche sui fabbricati collabenti, o comunque non utilizzabili. La Corte di Cassazione con la sentenza n. 10122 dell'11 aprile 2019, che trovate per intero qui sotto in formato grafico, dice no al pagamento dell'IMU, ma dice pure che questi immobili degradati, collabenti o ruderi, per non pagare l'IMU devono comunque essere iscritti al Catasto. Unico neo di tutta la vicenda, però, è che il patrimonio edilizio rurale "va a farsi benedire", poichè moltissimi sono gli edifici che pur non essendo utilizzati godevano di buone condizioni statiche e di manutenzione, ma sono distrutti, proprio a casa della imposizione fiscale dell'IMU, una delle tasse più ingiuste e care che il Fisco si sia inventato.