Passa ai contenuti principali

Fatturazione elettronica - "prova su strada", 1° puntata

Da questa mattina descriverò il funzionamento del servizio gratuito delle fatture elettroniche messo a disposizione dalla Agenzia delle Entrate, e passo passo mostrerò cosa si deve fare per ottenere il servizio fruibile via web, da PC e da smartphone.

Seguiranno delle immagini che semplificheranno il processo di registrazione al sito e all'utilizzo e ... scusate per la lunghezza del post ...

Innanzi tutto bisogna collegarsi al sito dell'Agenzia delle Entrate
e cliccare su "area riservata"


poi bisogna accedere alla sezione "Entratel/Fisconline"


successivamente bisogna scegliere se effettuare l'accesso con una delle tre modalità messe a disposizione:
- SPID 
- Credenziali Agenzia
- SMART CARD

le tre opportunità consentono di accedere da qualsiasi postazione, poichè, ad esempio con SPID o Smart Card si può effettuare l'accesso anche senza che necessariamente ognuno di noi ricordi le credenziali di accesso (ad esempio dal proprio commercialista)


Nel caso di scelta "Credenziali Agenzia - Accedi con credenziali Fisconline - Entratel" si deve essere in possesso di:
- Nome Utente (il proprio Codice Fiscale)
- Password
- Codice PIN
La password ed il codice PIN vengono trasmessi alla propria PEC al momento della registrazione al portale Agenzia delle Entrate


Entrati sulla propria "scrivania" (o meglio postazione) all'interno del portale dell'Agenzia delle Entrate bisogna cliccare sulla iconetta "Fattura Elettronica - Corrispettivi Elettronici"


e cliccare su "accedi a Fatture e corrispettivi", che consente di (in copia/incolla dal sito):
- generare, trasmettere e conservare le fatture elettroniche (verso PA e verso clienti privati)
- trasmettere i dati delle fatture (emesse e ricevute) all'Agenzia delle entrate
- memorizzare e trasmettere i dati dei corrispettivi
- censire e attivare i dispositivi, ottenere i certificati da inserire negli stessi, per la memorizzazione e trasmissione telematica sicura dei dati dei corrispettivi

Fatto quanto sopra ci troveremo all'interno del sistema web della fatturazione elettronica dell'Agenzia delle Entrate



Da qui domani ripartirò per altra "puntata" esplicativa, o di "prova su strada".

Commenti

Post popolari in questo blog

Saldo PAC 2018

Nonostante le rassicurazioni da parte di Agea sul pagamento di quasi tutte le domande del premio PAC 2018, continuo a ricevere moltissime segnalazioni di mancati pagamenti; forse quelle istanze sono "a controllo", o forse sono con anomalie ai fascicoli aziendali. Metto a  disposizione questo post per i commenti dei moltissimi lettori che utilizzano il blog per scambiarsi informazioni.

Saldo PAC 2018

Maggio, e poi giugno. Ed entro fine giugno andrebbero pagati tutti i premi PAC, mentre c'è ancora chi attende l'acconto, ed infatti continuo a ricevere messaggi da agricoltori da mezza Italia. Rifaccio questo post per dare la possibilità ai lettori del blog di continuare a scambiarsi informazioni.

Niente IMU sui fabbricati rurali collabenti, lo dice la Cassazione

Finalmente si mette la parola "fine" alle "liti" che sorgono fra i Comuni che richiedono l'IMU anche sui fabbricati collabenti, o comunque non utilizzabili. La Corte di Cassazione con la sentenza n. 10122 dell'11 aprile 2019, che trovate per intero qui sotto in formato grafico, dice no al pagamento dell'IMU, ma dice pure che questi immobili degradati, collabenti o ruderi, per non pagare l'IMU devono comunque essere iscritti al Catasto. Unico neo di tutta la vicenda, però, è che il patrimonio edilizio rurale "va a farsi benedire", poichè moltissimi sono gli edifici che pur non essendo utilizzati godevano di buone condizioni statiche e di manutenzione, ma sono distrutti, proprio a casa della imposizione fiscale dell'IMU, una delle tasse più ingiuste e care che il Fisco si sia inventato.