Passa ai contenuti principali

Fatturazione elettronica - "prova su strada", 5° puntata - fatture dal proprio PC

Altro modo per predisporre ed inviare le fatture elettroniche all'interno del "sistema Agenzia delle Entrate" è quello di scaricarsi sul proprio Personal Computer un software gratuito, che trovate cliccando qui:
Come ho già scritto è un "applicativo java" che va lanciato e che installa una serie di cartelle all'interno del disco rigido "UnicoOnLine".
Prima cosa da fare è quella di inserire i propri dati fiscali, così che il sistema, successivamente, li abbia residenti in memoria e lo si fa selezionando nella prima schermata il tipo di fattura da redigere, indicando anche la partita IVA
A questo punto siamo pronti ad inserire i dati personali, e selezionare cosa indicare in fattura.

Inseriti i dati personali si possono inserire i dati del cliente, che rimarranno in memoria per successivi eventuali utilizzi.
Ultimo passaggio è quello relativo all'inserimento della descrizione del motivo della fattura, e gli importi, compreso l'inserimento delle percentuali della Cassa di Previdenza, dell'IVA e della eventuale Ritenuta d'Acconto.
Alla fine della creazione della fattura, con tutti i dati inseriti, la fattura elettronica è pronta per essere trasmessa al "sistema di fatturazione elettronica dell'Agenzia delle Entrate".

... domani continua ...

Commenti

Post popolari in questo blog

Saldo PAC 2018

Nonostante le rassicurazioni da parte di Agea sul pagamento di quasi tutte le domande del premio PAC 2018, continuo a ricevere moltissime segnalazioni di mancati pagamenti; forse quelle istanze sono "a controllo", o forse sono con anomalie ai fascicoli aziendali. Metto a  disposizione questo post per i commenti dei moltissimi lettori che utilizzano il blog per scambiarsi informazioni.

Saldo PAC 2018

Maggio, e poi giugno. Ed entro fine giugno andrebbero pagati tutti i premi PAC, mentre c'è ancora chi attende l'acconto, ed infatti continuo a ricevere messaggi da agricoltori da mezza Italia. Rifaccio questo post per dare la possibilità ai lettori del blog di continuare a scambiarsi informazioni.

Niente IMU sui fabbricati rurali collabenti, lo dice la Cassazione

Finalmente si mette la parola "fine" alle "liti" che sorgono fra i Comuni che richiedono l'IMU anche sui fabbricati collabenti, o comunque non utilizzabili. La Corte di Cassazione con la sentenza n. 10122 dell'11 aprile 2019, che trovate per intero qui sotto in formato grafico, dice no al pagamento dell'IMU, ma dice pure che questi immobili degradati, collabenti o ruderi, per non pagare l'IMU devono comunque essere iscritti al Catasto. Unico neo di tutta la vicenda, però, è che il patrimonio edilizio rurale "va a farsi benedire", poichè moltissimi sono gli edifici che pur non essendo utilizzati godevano di buone condizioni statiche e di manutenzione, ma sono distrutti, proprio a casa della imposizione fiscale dell'IMU, una delle tasse più ingiuste e care che il Fisco si sia inventato.