Passa ai contenuti principali

Quelle strade colabrodo - il caso di San Giovanni La Punta



A San Giovanni La Punta (CT) c'è una strada, che prende vari nomi, trafficatissima, ma ridotta in condizioni pietose.
La strada è quella dei centri commerciali, che inizia con Via Giovanni Caboto, poi diventa Via Cristoforo Colombo, poi Via Marco Polo, poi Via Ferdinando Magellano, poi Vasco de Gama e Via Amerigo Vespucci. Su questa strada, infine, si innesta la Via Galileo Galilei, che porta all'uscita "paesi etnei" della Tangenziale di Catania.
Una strada trafficatissima, che consente a tutti i residenti della zona di raggiungere agevolmente la tangenziale di Catania, o da Catania di raggiungere i vari centri commerciali "Le Zagare" e/o "i Portali", più molte altre strutture di minore entità.
Questa strada, e qui vendiamo al dunque, è stata realizzata all'incirca 18/20 anni fa, ma da allora nessun intervento sul manto stradale, tranne il rattoppo (eseguito malissimo) di varie buche disseminate lungo tutto il tratto stradale; in alcune buche è spuntato anche il granulato basaltico che fa parte della così detta "massicciata".
Eppure su questa strada sorgono diversi centri commerciali, diverse attività produttive, dalle quali il Comune percepisce (o preleva se volete) una massa di denaro immensa con l'IMU, e per di più proprio in questa zona si sta costruendo il centro Operativo della Protezione Civile.
Nonostante questa massa di denaro che arriva nelle casse comunali ... la strada è ormai una di quelle strade in cui gli ammortizzatori, i braccetti delle sospensioni e le ruote degli autoveicoli "ringraziano" per le sollecitazioni ...
Una vergonga!

Commenti