Passa ai contenuti principali

INPS: ristrutturazione dei debiti

L'INPS non ha ancora ricevuto alcuna comunicazione per lo sgravio dei debiti ristrutturati, e questa cosa, dopo tanto tempo, è davvero scandalosa!
Ma c'è di più!
Dopo averci fatto fare i "giri della briscola pazza" con una procedura folle e macchinosa, dopo averci minacciato di far saltare tutto, adesso il pool di banche che fa?
Riapre i termini!
Fino al 30 giugno 2008, infatti, chi era stato inserito nel portale AGRIBAN potrà ristrutturare il proprio debito, ma solamente in un'unica soluzione e versando il 40% dell'importo da ristrutturare.
La notizia, certamente, è buona per chi era rimasto "fuori" a causa della macchinosità dell'operazione, ma la dice lunga sull'operatività delle banche!

Commenti

Post popolari in questo blog

Acconto PAC 2019

Ci risiamo. E' già iniziato il conto alla rovescia per l'acconto PAC 2019. Arriva, non arriva, è l'importo giusto, non lo è. Insomma, ogni anno la stessa storia, e gli stessi commenti da parte dei lettori del blog. E per questo ho voluto scrivere questo post, per dare la possibilità di inserire commenti, che nei precedenti post sono diventati ormai troppi, e viene difficile anche scrivere.

Saldo PAC e saldo "bio" e la "patrimoniale a rate"

Ogni tanto una buona notizia: nei conti correnti degli agricoltori stanno arrivando i saldi del premio PAC 2019. Ma nei conti correnti degli agricoltori siciliani, poi, stanno arrivando pure i soldi del "bio". Controllate, quindi, i conti correnti, e li vedrete "arricchiti" di quanto vi spetta. Nota dolente, ahimè: da un lato si riceve, e dell'altro si dà. Giorno 16 dicembre, infatti c'è l'IMU da pagare, "la patrimoniale a rate" ... da pagare ogni anno ... una tassa calcolata su estimi catastali incoerenti ... e che a nessuno interessa rettificare, tanto meno ai Sindaci dei comuni ... che traggono da questa tassa patrimoniale il loro maggiore sostentamento ...

In attesa del saldo PAC 2018

I post del blog più letti e più commentati? Quelli del saldo PAC, ogni anno; da sempre. Eppure, nonostante le rassicurazioni di AGEA, ci sono moltissimi che continuano a scrivere che non hanno ricevuto nemmeno l'acconto di novembre. Entro il 30 giugno, però, AGEA deve completare i pagamenti.