Passa ai contenuti principali

le passo il cellulare?

Trecastagni - Ufficio Postale
Succede anche questo: la signora che vedete sta facendo una operazione.
Siccome il vetro antiproiettile non consente di comunicare il numero del Codice Fiscale all'operatore postale, la signora passa il cellulare dalla feritoia sotto il vetro, e l'operatore sta a parlare con la persona dall'altro capo del telefono.
Poi il cellulare riscivola sotto la feritoia, torna nelle mani della signora e nel frattempo sono passati ben 10 minuti. Per una sola operazione!
Dieci minuti per una persona.
Cento minuti per dieci persone
Mille minuti per cento persone .... e l'ufficio è ingolfato!

Commenti

  1. Le parole se ne vanno e le foto ........?

    RispondiElimina
  2. si du cellulari mi rava a mia, ju puteva chiamari a me frati cirinu ca jè nda spaggna

    RispondiElimina
  3. Senza inutili preamboli.Vado direttamente al cuore di questa mia lettera...l'Ufficio postale di Trecastagni...Non so chi di voi conosce quest'ufficio...lo conosciamo,purtroppo,molto bene i cittadini di Trecastagni. Si tratta di una ministruttura,a dir poco, obsoleta, che,forse,andava bene quando Trecastagni era quel piccolo centro pedemontano, che in tanti ricordano con sana nostalgia. Attualmente,i residenti nel paese sfioraro le 9 mila anime...provate ad immaginare cosa succede alle Poste trecastagnesi se una piccolissima parte di questi "utenti" trova nella buca delle lettere l'avviso per una raccomandata da ritirare, e si presenta allo sportello...Succede quello che è successo lunedì:un'ora per ritirare una raccomandata,la fila che usciva fuori dall'Ufficio e che si articolava fra le scale e il marciapiede di Piazza Aldo Moro!
    L'Ufficio postale di Trecastagni,per chi non l'avesse ancora capito,è obsoleto, in miniatura,ma, una "succursale" a cielo aperto:a chiazza!
    E,spesso,capita,che,specialmente donne ed anziani,attendendo il loro turno fuori,diventono facile bersaglio per gli scippatori.
    In questo contesto,da far west,gli impiegati sono costretti a subire proteste e,anche,insulti dagli "utenti" esasperati.E' ovvio,che le responsabilità del "far west postale" a Trecastagni non è di chi ci lavora.La responsabilità è politica! E' di chi insiste a mantenere questa situazione.Eppure,a Trecastagni ci sono strutture pubbliche in disuso o poco utilizzate,che potrebbero benissimo accogliere un Ufficio postale degno di questo nome. Chi deve intervenire? Le Poste? La Regione?La Provincia? Il Comune di Trecastagni? Non so cosa possa fare il Comune,ma conoscendo la sensibilità del sindaco Pippo Messina e del suo vice Cirino Torrisi, mi appello a loro per "concedere" ai trecastagnesi un Ufficio postale dignitoso e sicuro .
    Pippo Barbagallo

    **********
    Pippo Barbagallo
    tel.3463143885

    RispondiElimina
  4. "LA SICILIA" di oggi,in "Lo dico a La Sicilia" ha pubblicato la mia lettera sulle Poste di Trecastagni.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Acconto PAC 2019

Ci risiamo. E' già iniziato il conto alla rovescia per l'acconto PAC 2019. Arriva, non arriva, è l'importo giusto, non lo è. Insomma, ogni anno la stessa storia, e gli stessi commenti da parte dei lettori del blog. E per questo ho voluto scrivere questo post, per dare la possibilità di inserire commenti, che nei precedenti post sono diventati ormai troppi, e viene difficile anche scrivere.

In attesa del saldo PAC 2018

I post del blog più letti e più commentati? Quelli del saldo PAC, ogni anno; da sempre. Eppure, nonostante le rassicurazioni di AGEA, ci sono moltissimi che continuano a scrivere che non hanno ricevuto nemmeno l'acconto di novembre. Entro il 30 giugno, però, AGEA deve completare i pagamenti.

Saldo PAC e saldo "bio" e la "patrimoniale a rate"

Ogni tanto una buona notizia: nei conti correnti degli agricoltori stanno arrivando i saldi del premio PAC 2019. Ma nei conti correnti degli agricoltori siciliani, poi, stanno arrivando pure i soldi del "bio". Controllate, quindi, i conti correnti, e li vedrete "arricchiti" di quanto vi spetta. Nota dolente, ahimè: da un lato si riceve, e dell'altro si dà. Giorno 16 dicembre, infatti c'è l'IMU da pagare, "la patrimoniale a rate" ... da pagare ogni anno ... una tassa calcolata su estimi catastali incoerenti ... e che a nessuno interessa rettificare, tanto meno ai Sindaci dei comuni ... che traggono da questa tassa patrimoniale il loro maggiore sostentamento ...