Passa ai contenuti principali

zaiasilenziosiciliano

Se ci fosse stato di bisogno di una ulteriore conferma, eccola:
Continuerò a porre la massima attenzione al settore olivicolo che, superata l'emergenza attuale, dovrà affrontare un momento di riflessione e riorganizzazione complessiva, ha detto il titolare del dicastero di via XX settembre ai rappresentanti di quattro Regioni, Calabria, Campania, Puglia e Basilicata, presenti al Tavolo olivicolo, convocato il 27 novembre presso il Mipaaf, per discutere della crisi che il settore sta attraversando.
Ma della Sicilia ... non si fa menzione.
Grazie!

Commenti

  1. caru dutturi vicu,tillava dittu ca di chissu non si ci puteva fidari

    RispondiElimina
  2. Dott. Vigo, mi permetto di sottolineare quanto segue:
    Estratto da: http://www.frantoionline.it/ulivi-e-olio/produzione-olio-di-oliva-nelle-regioni-italiane.html

    “Produzione olio in Italia
    La produzione di olio di oliva è prerogativa del sud Italia. Le cifre parlano chiaro. Su oltre 7 milioni di quintali prodotti circa 6 milioni vengono prodotti nelle regioni del sud Italia. La Puglia, Calabria e Sicilia hanno un'incidenza nella produzione nazionale di circa il 90% su tutto l'olio di oliva prodotto in ITALIA. La rimanente produzione che ha una certa rilevanza se la dividono Toscana, Liguria, Umbria e Abruzzo. ...”

    Aggiungo io che la Sicilia, nella campagna 2006-2007, è stato il terzo produttore nazionale di olio d’oliva.
    Ci sarebbe da chiedersi, semmai, PERCHE' la Sicilia non fosse rappresentata a quel tavolo.
    Mala tempora currunt ...
    Cordiali saluti.

    RispondiElimina
  3. Nemmeno guarda la nostra regione, caro il mio Vigo. Inutile insistere.

    RispondiElimina
  4. Ormai siamo al largo e ci dirgiamo verso la Giamairia (Libya),la nuova Porto Empedocle.

    Salam Aleikun !

    RispondiElimina
  5. Caro Brancolatore,ha perfettamente ragione:PERCHE' la Sicilia non è stata rappresentata a quel tavolo?
    Io presumo che il ministro Zaia hanno voluto fare solo un tavolo continentale.Non provo neanche a pensare che l'assessore regionale siciliano Giovanni La Via abbia snobbato l'incontro...Ma,visto che l'assessore frequenta questo blog,sarebbe opportuno,per lui,illuminarci sulla storia di questo "tavolo".
    Ma,pensandoci bene,l'assessore La Via dovrebbe essere incazzato nero per l'esclusione della Sicilia dal famoso tavolo.
    Però,ciò non mi risulta.
    PERCHE'?
    ASSESSORE GIOVANNI LA VIA,PERCHE'?
    Cordialmente,Orazio Vasta

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Acconto PAC 2019

Ci risiamo. E' già iniziato il conto alla rovescia per l'acconto PAC 2019. Arriva, non arriva, è l'importo giusto, non lo è. Insomma, ogni anno la stessa storia, e gli stessi commenti da parte dei lettori del blog. E per questo ho voluto scrivere questo post, per dare la possibilità di inserire commenti, che nei precedenti post sono diventati ormai troppi, e viene difficile anche scrivere.

In attesa del saldo PAC 2018

I post del blog più letti e più commentati? Quelli del saldo PAC, ogni anno; da sempre. Eppure, nonostante le rassicurazioni di AGEA, ci sono moltissimi che continuano a scrivere che non hanno ricevuto nemmeno l'acconto di novembre. Entro il 30 giugno, però, AGEA deve completare i pagamenti.

Saldo PAC e saldo "bio" e la "patrimoniale a rate"

Ogni tanto una buona notizia: nei conti correnti degli agricoltori stanno arrivando i saldi del premio PAC 2019. Ma nei conti correnti degli agricoltori siciliani, poi, stanno arrivando pure i soldi del "bio". Controllate, quindi, i conti correnti, e li vedrete "arricchiti" di quanto vi spetta. Nota dolente, ahimè: da un lato si riceve, e dell'altro si dà. Giorno 16 dicembre, infatti c'è l'IMU da pagare, "la patrimoniale a rate" ... da pagare ogni anno ... una tassa calcolata su estimi catastali incoerenti ... e che a nessuno interessa rettificare, tanto meno ai Sindaci dei comuni ... che traggono da questa tassa patrimoniale il loro maggiore sostentamento ...