Passa ai contenuti principali

oggetti alieni?

Oggetti alieni? Per nulla affatto! Sono sfiati, sfiati d'aria per irrigazione, quegli sfiati sconosciuti ai Funzionari dell'Assessorato Agricoltura e Foreste. Sono talmente sconosciuti che sono stati tolti dal prezzario già nel 2001, ma anche in quello nuovo ... non ci sono. E ce ne sono a singolo o a doppio effetto! Eppure gli sfiati sono importantissimi. E per poter "indottrinare" i Funzionari ignoranti espongo rapidamente a che servono gli sfiati negli impianti di irrigazione: 1) per eliminare l'aria presente nelle tubazioni al momento della messa in esercizio dell'impianto;
2) per eliminare le bolle d'aria che si creano durante l'esercizio dell'impianto, nelle immediate vicinanze delle restrizioni di tubo, o nelle curve;
3) per far entrare l'aria (questa è una cosa che pochi osservano) allorquando l'impianto viene spento, così che l'aria entra nelle tubazioni, facendo svuotare lo stesso di acqua dagli erogatori. Ciò è molto importante perchè i tubi di irrigazione sono costruiti per sopportare la pressione (PN4, PN6, PN10 e PN 16), ma non per sopportare la depressione, e proprio quando si spegne l'impianto i tubi subiscono una depressione, che in caso di forti dislivelli può anche provocarne la rottura.
Cari Funzionari che scrivete il Prezzario regionale, o vi aggiornate, o vi dimettete!

Commenti

  1. INCREDIBILE! e siamo a 2:

    "24 dicembre 2008. E’ una sentenza che segnerà in via definitiva lo sviluppo della “Consulenza Aziendale” (la Misura 114 dei PSR) quella pronunciata il 3 dicembre scorso (ma depositata ieri pomeriggio) dal TAR Milano, al quale si erano rivolti gli Agrotecnici e gli Agrotecnici laureati insieme ai Veterinari, con un congiunto ricorso.
    Il TAR ha accolto quattro dei cinque motivi di censura (il quinto era, peraltro, di scarso rilievo) di fatto “riscrivendo” le regole della Consulenza Aziendale della Lombardia, ma più in generale dell’Italia tutta.
    I precedenti: i PSR-Piani di Sviluppo Rurale delle Regioni prevedono tutti obbligatoriamente, per il periodo 2007-2013 l’attivazione di Servizi di Consulenza Aziendale di natura privata, ma con un sostegno pubblico indiretto, che si sostanzia in un contributo fino a 1.500,00 _ ad azienda/anno a favore di quelle imprese agricole che si servano di un Organismo di Consulenza accreditato dalla Regione.
    E’ la prima volta che in Italia viene applicata una simile misura, in forma tanto generalizzata. La Regione Lombardia, fra le primissime, con deliberazione della Giunta regionale del 19 maggio 2008 n. 8/7273 ha dettato le regole che gli Organismi di Consulenza debbono rispettare per ottenere il riconoscimento regionale e così accedere indirettamente ai contributi pubblici. Se non che queste regole sono state ritenute -ed a ragione- illegittime degli Ordini professionali degli Agrotecnici e degli Agrotecnici laureati e dei Veterinari (ed anche degli Agronomi) i quali, dopo avere inutilmente diffidato la Regione a modificare il bando, hanno proposto ricorso al TAR Milano chiedendo l’annullamento di tutte le parti del bando ritenute lesive delle prerogative professionali.
    Posto che le censure sollevate riguardavano sostanzialmente il potere delle Regioni di legiferare e
    normare gli ambiti delle professioni intellettuali, la sentenza è di interesse per tutte le categorie libero-professionali e costituisce un precedente che peserà nel disegnare l’equilibrio delle competenze fra Stato e Regioni.
    L’udienza di merito si è svolta il 3 dicembre scorso e nella odierna giornata è stata depositata la
    sentenza n. 5963/08 che riconosce pressoché tutte le censure sollevate, annullando gran parte
    della deliberazione regionale; di seguito si riassumono le modifiche per annullamento che la sentenza porta alla deliberazione regionale n. 8/7273 del 19.5.2008 relativa alla Misura 114:
    1. I tecnici che operano nella Consulenza Aziendale devono essere sempre iscritti in un Albo, mentre la Regione aveva stabilito che l’iscrizione non sempre fosse richiesta. Questo aspetto è di particolare rilievo -e peserà anche nei bandi delle restanti Regioni- perché stabilisce che la Consulenza Aziendale è attività libero-professionale e, per svolgerla, è sempre obbligatoria l’iscrizione nell’Albo che, pertanto, diventa l’elemento discriminante.
    2. Nessuna esperienza, ulteriore all’iscrizione all’Albo, può essere richiesta ad un Agrotecnico, od un Veterinario ovvero ad un altro libero professionista iscritto in un Albo (la Regione chiedeva da tre a sei anni di esperienza obbligatoria).
    E’ questo l’aspetto più rilevante perché, con esso, è stato sancito che le Regioni non possono
    interferire con la competenza statale in materia di Albi professionali e professioni intellettuali.
    La sentenza ha infatti stabilito che se un soggetto è in possesso di una abilitazione statale
    all’esercizio di una professione intellettuale le Regioni non possono imporgli il possesso di requisiti
    ulteriori (nel caso di specie relativi alla frequenza obbligatoria di corsi e ad un periodo pluriennale
    di esperienza): dunque chi è agrotecnico o veterinario, agronomo o perito agrario lo è nella stessa identica misura sia che svolga la professione in Lombardia che in Sicilia, e le Regioni non possono imporre percorsi ulteriori di accreditamento.
    3. Da quanto sopra ovviamente ne consegue che i liberi professionisti non sono obbligati a frequentare corsi regionali di formazione (la Regione aveva imposto un tale obbligo). Sotto l’aspetto tecnico, della Consulenza Aziendale agraria e veterinaria, la sentenza n. 5963/08 ha affermato in maniera inequivocabile che:
     la Consulenza aziendale è attività libero-professionale, quindi con obbligo di iscrizione nell’Albo per i tecnici che la praticano;
     che agli Agrotecnici, agli Agrotecnici laureati ed ai Veterinari, oltrechè agli altri liberi professionisti, nulla di ulteriore può essere loro imposto per esercitare le attività che l’Albo stesso autorizza a svolgere; gli effetti di questa decisione, infine, miglioreranno notevolmente la qualità della Consulenza erogata, perché vengono automaticamente espulsi dal mercato dei servizi tutti i soggetti scarsamente preparati e le strutture pseudo-sindacali, prive di qualunque specifica preparazione ed abilitazione."



    Commenti?

    RispondiElimina
  2. Ben fatto!

    Va pienamente riconosciuto, aggiungo io, a "Brancolatore" il suo prezioso contributo nel diffondere notizie di comune interesse e di indubbia importanza.

    Speriamo che tutto ciò trovi analoga applicazione anche qui in Sicilia..

    Chi scrive ha iniziato la propria attività, molti anni orsono, come consulente "tecnico" nel senso più ampio della parola.
    Poi, ahimè, sono (siamo) diventato/i tutti produttori di carta stamapata..

    Fabrizio La Carrubba

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Acconto PAC 2019

Ci risiamo. E' già iniziato il conto alla rovescia per l'acconto PAC 2019. Arriva, non arriva, è l'importo giusto, non lo è. Insomma, ogni anno la stessa storia, e gli stessi commenti da parte dei lettori del blog. E per questo ho voluto scrivere questo post, per dare la possibilità di inserire commenti, che nei precedenti post sono diventati ormai troppi, e viene difficile anche scrivere.

Saldo PAC e saldo "bio" e la "patrimoniale a rate"

Ogni tanto una buona notizia: nei conti correnti degli agricoltori stanno arrivando i saldi del premio PAC 2019. Ma nei conti correnti degli agricoltori siciliani, poi, stanno arrivando pure i soldi del "bio". Controllate, quindi, i conti correnti, e li vedrete "arricchiti" di quanto vi spetta. Nota dolente, ahimè: da un lato si riceve, e dell'altro si dà. Giorno 16 dicembre, infatti c'è l'IMU da pagare, "la patrimoniale a rate" ... da pagare ogni anno ... una tassa calcolata su estimi catastali incoerenti ... e che a nessuno interessa rettificare, tanto meno ai Sindaci dei comuni ... che traggono da questa tassa patrimoniale il loro maggiore sostentamento ...

In attesa del saldo PAC 2018

I post del blog più letti e più commentati? Quelli del saldo PAC, ogni anno; da sempre. Eppure, nonostante le rassicurazioni di AGEA, ci sono moltissimi che continuano a scrivere che non hanno ricevuto nemmeno l'acconto di novembre. Entro il 30 giugno, però, AGEA deve completare i pagamenti.