sabato 20 giugno 2009

La banda

Ho letto i post di "Brancolatore" e di altri, e devo dire che certamente non mi era sfuggito che il bando della misura 121 del PSR è monco! Il bello è che chi scrive questi bandi non si rende conto che ciò che scrive viene letto, e quindi non si rende conto che quando scrive deve farlo in maniera semplice, ma efficace, oltre che sensata. Pubblicare un bando monco di allegati, di specifiche tecniche, di ... eccetera è come far passeggiare la banda senza il trombone o senza la grancassa! E nel bando della Misura 121 manca la grancassa, il trombone, la tromba, il clarinetto, ma ciò che è più triste è che manca il direttore della banda stessa! Godetevi una bella banda, che al bando ci penseremo non appena entreremo nel vivo, e ... non aspetto altro che la presentazione pubblica ... così potrò innanzi tutto chiedere quei 3 secondi di tempo che sarebbero serviti alla dott.ssa Sara Barresi per rispondere alla mia email di ... mesi fa!

8 commenti:

  1. LA BANDA (ultima strofa)

    "E dai portoni quanta gente cantando sbucò
    e quanta gente da ogni vicolo si riversò
    e per la strada quella povera gente marciava felice dietro la sua banda.
    Se c'era un uomo che piangeva sorrise perché
    sembrava proprio che la banda suonasse per lui
    in ogni cuore la speranza spuntò quando la banda passò"

    ... e parapazzumpa zzumpa zzumpa!

    RispondiElimina
  2. Forse era meglio l'archietto Morale,cadeva solamente nella raccomandate con RR e nel reinnesto degli agrumi in pieno inverno,ma il resto si leggeva e si poteva applicare il bando.

    Con un nuovo direttore in ... gonella siamo caduti veramente in basso e non voglio fare il maschilista.

    E' la preparazione di base che manca e la meritocrazia.

    Andiamo sempre ... verso la fossa delle Marianne.

    Peccato,un'altra occasione persa!

    RispondiElimina
  3. Siamo tutti persone..............

    RispondiElimina
  4. L'approsimazione è una regola della nostra P.A. Ma la cosa grave è che certi dirigenti pensano di aver lavorato bene. Ma i lavori preparatori vengono pianificati, esiste una regia, vengono lette attentamente le documentazioni propedeutiche? Viene fatta una simulazione di progetto e cosa più importante ci si pongono le domante probabile che verranno dall'utenza. Nessuno è perfetto ma bisogna dimostrare di applicare conoscenze tecniche e ragionare sulle esperienze storiche.

    RispondiElimina
  5. E come non parlare del fantomatico piano di sviluppo aziendale che ancora non si sa ne come ne quando "dovrebbe" essere predisposto dalla P.A;

    del progetto immediatamente cantierabile;

    del girare intorno all'interpretazione di chi è imprenditore agricolo (io, ad esempio, non riesco a capire la figura rivestita dai c.d. datori di lavoro agricolo.
    Infatti, secondo quanto viene citato dalla vecchia (art. 2135 C.C.) e dalla nuova versione ampliata (art. 1 D.Lgs. 228/20014) della definizione di imprenditore agricolo quest'ultimo è "chi svolge l'attività di coltivazione del fondo, ecc."

    Ora mi domando un avvocato (o dottore, o notaio, ecc.) che gestisce la propria azienda ricorrendo all'assunzione dei c.d. O.T.D. assurge al ruolo di imprenditore agricolo solo se anche lui esercita la coltivazione del fondo o no?

    Vedremo, (ma non la vedo bene).

    Un saluto a tutti.

    RispondiElimina
  6. Per l'anonimo.
    Imprenditore è colui che ESERCITA l'attività agricola non colui che la esegue o la svolge materialmente (chi lavora la terra, chi pota, chi irriga, etc.).
    Quindi, a mio modesto parere, la risposta è che anche un libero professionista può rivestire la qualifica di imprenditore agricolo purchè siano soddisfatti tutti gli adempimenti di natura fiscale ed amministrativa (CCIAA, P.IVA, INPS, etc.) che riguardano la specifica attività.
    Cordialità.

    RispondiElimina
  7. attualmente per avvocati,notai,e impiegati dello stato vige un regime di incompatibilità con l'attività commerciale,ma se comunque esercitano l'attività diventano imprenditori commerciali e sono sottoposti a sanzioni amministrative; forse la norma potrebbe essere applicata in questo caso per analogia con riferimento alla attività agricola

    RispondiElimina
  8. Se ben ricordo, almeno per gli avvocati, l'incompatibilità ricorre nel caso in cui la carica extraprofessionale riferibile ad una attività commerciale sia detenuta in nome e per conto di altri.
    Cordialità

    RispondiElimina