Passa ai contenuti principali

Necrologio 3°

Cattura

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dopo appena 12 anni di attese i VENTI SCIROCCALI ci abbandonano, promettendo che non torneranno mai più.
Circa 35.000 agrumicoltori ringrazieranno all’uscita della Parrocchia l’Assessore, Il Ministro, la Dirigenza, e tutti quelli che hanno contribuito alla perdita dei fondi per questo evento.
All’uscita della Parrocchia, infine, verranno distribuiti vaccini, a carico dell’Assessorato, per fronteggiare il VIRUS DELL’ARANCIA PAZZA, che causa disturbi neurovegetativi e soprattutto scollamenti di personalità, con casi di aggressività acuta, sfociata nella distruzione selvaggia del “tesoretto cartaceo” gelosamente conquistato dall’Amministrazione.

Commenti

  1. una vergogna. niente altro può descrivere lo stato delle cose

    RispondiElimina
  2. Dove si trova la chiesa.

    RispondiElimina
  3. SIGNORI: SI SCENDA, TANTO C'E' TEMPO!

    Nel momento in cui sarebbe richiesta la massima attenzione da parte delle Istituzioni Regionali (Governo ed A.A.FF. in primis) verso i veri attori dell'attuazione del P.S.R. (imprenditori agricoli e consulenti tecnici) accade quanto segue:
    1)-L'Assessore Cimino trova il tempo di "litigare" con l'Europarlamentare La Via in merito a cifre e refusi relativi al credito d'imposta.
    2)-Il Dirigente Generale emana proroghe a raffica e nell'ultima, quella relativa alla misura più importante, trova anche il tempo per una non tanto velata presa per i fondelli di tecnici ed agricoltori.
    3)-Una parte del vertice politico del Governo regionale trova il tempo per litigare e dividersi creando seri presupposti per una crisi.
    4)-Tutti loro trovano il tempo per emanare provvedimenti legislativi che sembrano scritti, con tutto il rispetto, da bambini viziati e stizzosi che si aggrovigliano tra di loro ordendo dei componimenti normativi che nemmanco Kafka riuscirebbe a dipanare.

    Allora tanto vale scendere, come si può collaborare con chi ha così tanto tempo da perdere?

    RispondiElimina
  4. E' l'ora di agire; è arrivato purtroppo un momento in cui alzare la voce qui, nella nostra casa virtuale, non basta più. Propongo di dimostrare all'amministrazione regionale, penna veloce in testa, che senza di noi, non avrebbero motivo di esistere. Propongo di provare a fare un passaggio istituzionale, coinvolgendo Ordini e Federazione per organizzare una mobilitazione generale, per mostrare a tutti questi burocrati egoisti che facciamo sul serio. Se questo passaggio non dovesse funzionare (anche se vedo i nuovi consigli dell'ordine molto attivi) ne riparleremo. Diamoci una settimana, poi ci organizzeremo da soli. Vorrei chiudere con un ringraziamento a Penna Veloce, grazie alle cui malefatte, forse, non saremmo mai riusciti ad essere così uniti e decisi. Grazie al tuo demerito da ora in poi le cose potrebbero anche cambiare.

    RispondiElimina
  5. Ma questi signori si rendono conto di cosa gira intorno al settore agricolo?
    Loro non stanno mettendo in crisi, se mai ce ne fosse bisogno, soltanto l'agricoltura.
    Per attuare un piano di miglioramento di un'azienda, di qualunque tipo essa sia, partecipano varie maestranze: palisti, muratori, carpentieri, imbianchini, falegnami, fabbri, elettricisti, idraulici, aziende fornitrici di materiali edili, vivaisti, rivenditori di macchine ed attrezzi agricoli, commercianti di bestiame, anche tecnici come geologi, calcolisti, periti vari e agronomi.
    Si agronomi, perchè molti agronomi quelli veri fanno , purtroppo o per fortuna, la libera professione.
    Gli altri sono direttori generali.
    La campagna la vedono soltanto in televisione, e dall'alto della loro scrivania non sanno, non capiscono, non vogliono comprendere che stanno mettendo in ginocchio l'economia.

    RispondiElimina
  6. MIMMO DA MOTTA7 novembre 2009 12:04

    che sfacciataggine: prima ci imbrogliano promettendo i rimborsi, poi archiviano le pratiche

    RispondiElimina
  7. Mentre Lei dott. vigo è impegnato con i necrologi, indovini che fanno, se ne vanno a verona a lla fiera del cavallo.
    25-30 nullafacenti a spese nostre, se ne vanno a divertirsi alla faccia dell'agricoltura............

    RispondiElimina
  8. Cercano a Verona qualche nuova ippovia,onde arrivare con tranquilità alla vetta del monte PAI.

    Scherzi a parte,occorre fare sistema : coinvolgere tutte le Organizzazioni!

    Muoviamoci subito.

    Ci stanno prendendo in giro dalle dorate poltrone Direzionali.

    Siamo una forza ed argomentiamo seriamente nelle sedi opportune.

    RispondiElimina
  9. è bello parlare, scrivere, scrivere ......

    RispondiElimina
  10. E' bello parlare, scrivere ed argomentare...
    Adesso passiamo al dunque: organizziamoci per incontrarci tutti a Caltanissetta, ormai centro nevralgico degli Agronomi Siciliani, coinvolgiamo un rappresentante della Federazione Regionale, Salvatore Rizzo o Pietro Lo Nigro, e decidiamo cosa fare guardandoci tutti in faccia. Chi ci coordina? Avanti con le candidature

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Acconto PAC 2019

Ci risiamo. E' già iniziato il conto alla rovescia per l'acconto PAC 2019. Arriva, non arriva, è l'importo giusto, non lo è. Insomma, ogni anno la stessa storia, e gli stessi commenti da parte dei lettori del blog. E per questo ho voluto scrivere questo post, per dare la possibilità di inserire commenti, che nei precedenti post sono diventati ormai troppi, e viene difficile anche scrivere.

In attesa del saldo PAC 2018

I post del blog più letti e più commentati? Quelli del saldo PAC, ogni anno; da sempre. Eppure, nonostante le rassicurazioni di AGEA, ci sono moltissimi che continuano a scrivere che non hanno ricevuto nemmeno l'acconto di novembre. Entro il 30 giugno, però, AGEA deve completare i pagamenti.

Saldo PAC e saldo "bio" e la "patrimoniale a rate"

Ogni tanto una buona notizia: nei conti correnti degli agricoltori stanno arrivando i saldi del premio PAC 2019. Ma nei conti correnti degli agricoltori siciliani, poi, stanno arrivando pure i soldi del "bio". Controllate, quindi, i conti correnti, e li vedrete "arricchiti" di quanto vi spetta. Nota dolente, ahimè: da un lato si riceve, e dell'altro si dà. Giorno 16 dicembre, infatti c'è l'IMU da pagare, "la patrimoniale a rate" ... da pagare ogni anno ... una tassa calcolata su estimi catastali incoerenti ... e che a nessuno interessa rettificare, tanto meno ai Sindaci dei comuni ... che traggono da questa tassa patrimoniale il loro maggiore sostentamento ...