Passa ai contenuti principali

Le feste

Ecco come si presentano i dirigenti regionali che stanno per fare la "fine del topo". Dal 1° gennaio, infatti, cambia tutto. Nessuno sa dove finirà. Non si sa quali uffici rimarranno in vita. Pare, ad esempio, che l'IPA di Siracusa venga accorpato con Ragusa. E ... notizia bomba: visto che ho impiegato ben 30 anni della mia vita ad andare a Siracusa facendo i "giri della briscola pazza", adesso che c'è l'autostrada ... l'Amministrazione sposterà (sembra) la maggior parte degli uffici a Ragusa. Ahhhh, così finalmente posso impiegare nuovamente ore per raggiungere l'IPA!!!!
Sembrava troppo bello, invece? Adesso che potrei andare all'IPA di Siracusa in poco tempo ... ahhh posso stare in macchina una giornata per andare a Ragusa!!! Follie burocratiche ... tanto per dare fastidio!

Commenti

  1. funzionario distratto18 dicembre 2009 10:50

    è vero non si sa dove ci manderanno

    RispondiElimina
  2. Mi pare logico ad una prima lettura della notizia che, l'IPA di Siracusa venga accorpata con l'IPA di Ragusa.

    Grosso modo, le colture e gli allevamenti zootecnici presenti sono simili od eguali a quelli nel ragusano (vedi areali di Noto,Rosolini,Ispica,Avola,Scicli, Modica,Comiso,Vittoria,etc.).

    Le colture arboree carrubbo,olivo,mandorlo,agrumi(poco) o le colture orticole di pieno od in serra o la coltura della vite per vinificazione sono omogenee con la provincia di Ragusa.

    Quindi mi riesce difficile l'avvicinamento con l'IPA di Catania.

    Si ricorda che le province di Siracusa e Ragusa si definiscono tra di loro " babbe ".

    Il tutto forse è dovuto tra l'altro allo scambio di alcuni territori durante la creazione delle Province dopo l'unità d'Italia.

    Pertanto,caro Corrado puoi metterti il cuore in pace,dovrai fare la camionale a 70 Km/ora tra Catania e Ragusa.

    Il problema c'è e sono curioso di vedere la reazione della Provincia Regionale di Siracusa.

    Aspettiamo comunque allo ... sfascio già in atto della burocrazia regionale!

    RispondiElimina
  3. Ecreggio Dottori Vico secunnu mia cci l'annu cu Lei. U voli avvidiri chi ora non fanu chiù la Vauta Strada ppi Ragusa?
    piessi:
    si dassi vessu pi farisilla fari chi ntò vidiri e svidiri eccioè tempu quarantanni ccia fanu.
    Bonnatali e Bonanno.

    RispondiElimina
  4. ..ma se invece di domandarci "dove ci manderanno", perchè non mandiamo loro in un posto ben preciso... credo che molti di noi abbiano già pensato a qualla "ridente" località quale destinazione definitiva... Si, "definitiva" come il PAI_accio ver. 3_b_ defin._fors._fors._zampon_e_lenticch_!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Acconto PAC 2019

Ci risiamo. E' già iniziato il conto alla rovescia per l'acconto PAC 2019. Arriva, non arriva, è l'importo giusto, non lo è. Insomma, ogni anno la stessa storia, e gli stessi commenti da parte dei lettori del blog. E per questo ho voluto scrivere questo post, per dare la possibilità di inserire commenti, che nei precedenti post sono diventati ormai troppi, e viene difficile anche scrivere.

Saldo PAC e saldo "bio" e la "patrimoniale a rate"

Ogni tanto una buona notizia: nei conti correnti degli agricoltori stanno arrivando i saldi del premio PAC 2019. Ma nei conti correnti degli agricoltori siciliani, poi, stanno arrivando pure i soldi del "bio". Controllate, quindi, i conti correnti, e li vedrete "arricchiti" di quanto vi spetta. Nota dolente, ahimè: da un lato si riceve, e dell'altro si dà. Giorno 16 dicembre, infatti c'è l'IMU da pagare, "la patrimoniale a rate" ... da pagare ogni anno ... una tassa calcolata su estimi catastali incoerenti ... e che a nessuno interessa rettificare, tanto meno ai Sindaci dei comuni ... che traggono da questa tassa patrimoniale il loro maggiore sostentamento ...

In attesa del saldo PAC 2018

I post del blog più letti e più commentati? Quelli del saldo PAC, ogni anno; da sempre. Eppure, nonostante le rassicurazioni di AGEA, ci sono moltissimi che continuano a scrivere che non hanno ricevuto nemmeno l'acconto di novembre. Entro il 30 giugno, però, AGEA deve completare i pagamenti.