venerdì 12 febbraio 2010

Arance “archiviate”

04-04-07_1052

Se ingrandite la foto a sinistra vi accorgete che fra le “arance archiviate” c’è Titti che non sa che “pesci prendere” e Mickey Mouse che ha appena raccolto un fiore … da portare sulla tomba di 232.000 pratiche archiviate dal nuovo Assessorato … contro l’Agricoltura.
Titti e Mikey Mouse stanno comodi, seduti sulle arance archiviate, in attesa del pic-nic, fatto di tonnellate di fogli A4 “ritrovati”: sono tutti quelli delle istanze di rimborso danni che per inefficienza politico-amministrativa non sono state mai pagate!
Nel frattempo le arance continuano “ad archiviarsi da sè”, ma all’ARS si dibatte, si dibatte … leggetevi il resoconto stenografico della seduta di qualche giorno fa: tutti bravi e edotti sull’agrumicoltura.
E dov’erano fino a ieri? Cadono dalle nuvole adesso che la situazione è esplosa ed è diventata insostenibile? E dalla Lampada di Cimino cosa uscirà ancora? Qualche altra inutile sospensione di tributi, che fra un anno si assommeranno a quelli futuri decretando la morte delle aziende agricole? usb_bara_cassadamorto_02

Il blog resta a lutto e piange assieme agli altri 231.999 agricoltori “cassati” da una scellerata classe dirigente che oltre al proprio naso non vede.

Ritorna la “mini bara-USB” la memoria di “archiviazione di massa” che ha ispirato la Dirigenza Assessoriale ad … archiviare in massa …

3 commenti:

  1. Caro Corrado,
    come tanti imprenditori del settore agrumicolo e viticolo vivo un periodo di sconforto e di senso di abbandono.
    Non vedo futuro ... anche perché non riesco a capire quale saranno le scelte politiche che riguardano questo settore.
    Mi rifiuto di sopravvivere di assistenza spesso solo promessa e anch'essa negata.
    Per evitare di perdere gli impianti (spesso non ancora ammortizzati) ci stiamo indebitando in attesa di un "domani" .... migliore.
    Ma come si fà a dire BASTA agli stipendifici regionali che divorano quei fondi dell'Agricoltura che dovrebbero essere destinati alla promozione dei prodotti ?
    Quanto incidono i forestali, quanti sono i soldi sperperati inutilmente.
    Quanto assistenzialismo ... e quanto poco (o niente) agli agricoltori che investono tanto denaro e soprattutto tutte le loro risorse personali (alzandosi alle 5 del mattino) per produrre "Qualità" ?
    Abbiamo dimostrato di sapere produrre !
    Abbiamo ottenuto ed otteniamo riconoscimenti in ogni parte del Mondo !
    Ma da soli, senza un serio controllo di qualità ed una battente promozione dei nostri prodotti .... non abbiamo speranze !
    Spero solo che i denari destinati all'agricoltura .... vadano spesi per l'agricoltura ....e spesi bene !
    Quale sarà il nostro destino?
    ci spegneremo ... come delle candele .... uno alla volta ... trascinando con noi tante maestranze che abbiamo istruito con fatica.
    Tutto questo con il beneplacido dei burocrati !
    Quanti braccianti e addetti rimarranno senza reddito ?
    Per quanto tempo ancora ... riusciremo ad andare in campagna con una certa serenità ?
    La "fame" ... è stata sempre "cattiva" consigliera ... e questo il nostro Assessore deve tenerlo presente.
    Ti saluto caramente, con ancora un filino di "Speranza", Ottavio

    RispondiElimina
  2. IL punto 7 della ricetta Vigo pubblicata il 9 c.m. sul giornale locale " La Sicilia " che di seguito ricordo :

    " azzerare l’ICI nelle aree agrumetate, in modo da ridurre i costi di produzione di 350 €/Ha, e livellare le aziende oggi esenti da quelle che, invece non lo sono; in questo modo si eviterebbe anche la “concorrenza sleale” fra i diversi comuni (es. Lentini-Carlentini, o Palagonia-Ramacca). Questa operazione è immediatamente fattibile attivando la Delibera dell’ARS del novembre 1996 (sì 1996), ferma a Roma presso il Ministero delle Finanze, Delibera che declarava l’intero territorio isolano quale zona svantaggiata "

    è stato ripreso dal consulente economico - finanziaro del Sole 24 ore,dr.Tonino Morina.

    L'articolo,prende lo spunto della ricetta Vigo ed illustra in una forma più ampia,il peso fiscale dell'ICI che grava sui terreni agricoli e la distinzione tra aere escluse e altre soggette al predetto tributo.

    Bravo Vigo e bravo Morina !

    RispondiElimina
  3. GURS di oggi
    "ASSESSORATO REGIONALE DELL’ECONOMIA
    DECRETO 29 gennaio 2010.
    Sospensione della riscossione dei tributi di spettanza
    regionale e congelamento delle situazioni debitorie pregresse
    relativi alle imprese del settore agricolo e artigianale."

    RispondiElimina