lunedì 22 febbraio 2010

Ecco il bando per il ritiro delle arance

Che dire di questo bando, partorito con una settimana di ritardo da quanto annunciato, e con  ben tre mesi di ritardo da quanto lamentato da tutti?
Intanto notate una cosa: per ogni azienda agricola non si possono conferire più di 50 q.li/Ha per aziende fino a 10 ettari, 30 q.li/Ha per aziende fra i 10 ed i 30 ettari, e la ridicola cifra di 10 q.li/Ha per aziende superiori a 30 ettari.
Cifre ridicole: una azienda di 30 ettari, per esempio, potrà conferire 900 quintali, ovvero appena 9 vagoni … e una azienda di 40 ettari potrà conferire 400 quintali, ovvero 4 vagoni!
Una presa in giro clamorosa!
E poi … le date di conferimento: tra il 10/03/2010 al 23/04/2010 … con le arance della zona di Francofonte, Lentini, Carlentini, Motta S.A., Paternò, Biancavilla, S.M. di Licodia, Adrano e parte di Belpasso … ormai cadute per terra.
Unica cosa positiva è … che il bando c’è. Altre … non ne scorgo!

Senza titolo 1

Senza titolo 2
Senza titolo 3 Senza titolo 4

6 commenti:

  1. Ho inviato al giornale " La Sicilia ",una sintesi del Bando,per il ritiro delle arance,ripredendo la presa in giro clamorosa del bando stesso citata da Corrado!


    Finalmente il Bando per il ritiro straordinario delle arance da destinare previa trasformazione in succhi ed aiuti umanitari è stato emanato dall’Assessorato delle Risorse Agricole ed Alimentari – Dipartimento Regionale Interventi strutturali per l’Agricoltura.
    Si da corso ad un ritiro straordinario di agrumi per un quantitativo complessivo di circa 50.000 tonnellate di arance.
    Tutti i produttori interessati,sia singoli od associati,dovranno presentare le domande presso l’Assessorato Regionale entro il 3 marzo c.a.,oppure presso le OO.PP. di categoria,che le avvieranno successivamente tramite elenchi all’Assessorato stesso.
    L’Assessorato Regionale,ricevute le domande procederà al “ calcolo dei quantitativi individuali “ ammissibili,in relazione all’ampiezza aziendale, seguendo tale criterio :

    - fino a 10 ettari 50 q.li/Ha ;


    - tra 10 e 30 ettari 30 q.li/Ha ;


    - superiore a 30 ettari 10 q.li/Ha ;



    Effettuata la preistruttoria l’Assessorato predisporrà,l’elenco nominativo di tutti i produttori con i relativi quantitativi assegnati.
    L’avvio effettivo delle operazioni di consegna saranno espletati nel periodo tra il 10 marzo ed il 23 aprile 2010.
    Saranno aperti 10 centri per favorire la concentrazione del prodotto.
    Viene riconosciuta per l’aiuto una liquidazione di euro 0,21 /kg.,riferito al prodotto consegnato idoneo a scendi albero e sarà pagato dall’AGEA.
    Infine,non potranno partecipare al Bando i produttori con base aziendale coltivata ad arance inferiore ad ha. 00.50.00.
    Una nota stonata nel Bando,circa i quantitativi sopra indicati : una azienda di 30 ettari, per esempio, potrà conferire 900 quintali, ovvero appena 9 vagoni … e una azienda di 40 ettari potrà conferire 400 quintali, ovvero 4 vagoni!

    Paolo Giglio

    RispondiElimina
  2. il calcolo fatto dal dott. vigo e inesatto.l'azienda di 30 ettari può conferire 5 vagoni fino a 10 ettari più sei vagoni per i restanti 20 ettari.

    RispondiElimina
  3. Purtroppo, caro Anonimo, considerato "lo scrivere" dell'Amministrazione ... vedrai che sarà come ti dico io.
    Questi terranno conto del conferimento in base agli "scaglioni" di ettari!

    RispondiElimina
  4. ma e mai possibile che comandono persone che non capiscono niente di agricoltura,ma lo volete c apire che stiamo morento ma se cosi sara anche i vostri stipendi moriranno la soluzione era semblic e alle 11 centesimi dell industria aggiungere altri 10 centesimi per tutti commercianti produttori a tutti e non ai grossi produttori ma giustamente il ricco non crede al povero

    RispondiElimina
  5. miei cari politici la sicilia ve la siete mangiata

    RispondiElimina
  6. e tutti quei picoli produttori che hanno 5 mila metri, 2mila metri e sono migliaiadi produttori c he fanno la loro parte,c osa devno conferire queste persone? ecco perchè questa è una farsa e ancora una volta si fanno le leggi per loro essendo unic i produttori .IL GROSSO MANGIA IL PICCOLO vergognatevi!!

    RispondiElimina