Passa ai contenuti principali

La Finanziaria Regionale

titoli-credito
Art. 106
Microcredito
1. Allo scopo di favorire l’incremento dei processi produttivi mediante l’accelerazione e la facilitazione di accesso al credito, in conformità all’obiettivo operativo 5.1.3 del PO Fesr 2007-2013, al regolamento (CE) n. 1080/2006 e al regolamento (CE) n. 1083/2006, l’assessorato regionale dell’economia, dipartimento delle finanze e del credito, è autorizzato, nell’ambito e con le modalità attuative di partecipazione della Regione al ‘Fondo Jeremie’, di cui all’Accordo tra il Fondo Europeo degli Investimenti (FEI) e la Regione, approvato con D.P. Reg. 382/SVI drp del 1 dicembre 2009 e successive modifiche ed integrazioni, ad estendere l’applicabilità degli strumenti di ingegneria finanziaria innovativi ivi previsti, tra i quali gli interventi in conto garanzia per il credito e il microcredito, alle micro, piccole e medie imprese, così come definite dalla raccomandazione 2003/361 della Commissione europea del 6 maggio 2003, pubblicata nella g.u.u.e. serie L 124 del 20 maggio 2003, aventi sede operativa nel territorio della Regione.
2. L’articolo 25 della legge regionale 14 maggio 2009, n. 6, è sostituito dal seguente:
‘Art. 25 - Attivazione di iniziative di microcredito - 1. All'articolo 5 della legge regionale 31 maggio 2004, n. 9, come integrato e modificato dall'articolo 55, commi 20, 21 e 22 della legge regionale 8 febbraio 2007, n. 2, sono apportate le seguenti modifiche:
a) al comma 1, dopo la parola ‘utilizzate’ sono inserite le seguenti ‘con vincolo di specifica destinazione’ ed è aggiunto, alla fine, il seguente periodo ‘o per l'attivazione di iniziative di microcredito a favore delle famiglie’;
b) al comma 2, le parole ‘decreto dell’assessore regionale per il bilancio e le finanze’ sono sostituite da ‘decreto dell'assessore regionale per l’economia’.
2. La Regione promuove iniziative di microcredito al fine di dare sostegno economico-sociale alle famiglie, così come individuate dall’articolo 1 della legge regionale 31 luglio 2003, n. 10, residenti nel territorio, e contrastare il fenomeno criminale dell'usura.
3. L'assessore regionale per l’economia è autorizzato alla istituzione di un Fondo etico della Regione siciliana (FERS), avente natura di fondo di garanzia, da affidare in gestione ad una banca o ad un intermediario finanziario iscritto nell’elenco speciale di cui all’articolo 107 del decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, scelto tramite procedura selettiva pubblica. Il fondo può, altresì, essere alimentato da contributi volontari degli aderenti o di terzi, da donazioni, lasciti, erogazioni conseguenti a stanziamenti deliberati dallo Stato, dagli enti territoriali o locali, da altri enti pubblici o privati.
4. All'attuazione delle iniziative sovrintende un Comitato regionale per il microcredito, istituito presso l'assessorato regionale dell’economia, dipartimento regionale delle finanze e del credito, alla cui nomina provvede con proprio decreto l'assessore regionale per l’economia, previo parere della Commissione legislativa bilancio dell'Assemblea regionale, stabilendone funzioni e compiti specifici. Del Comitato fanno parte l'assessore regionale per l’economia o un suo delegato, con funzione di presidente, sei rappresentanti delle istituzioni e dei soggetti sociali coinvolti nell'attuazione dell'iniziativa, un esperto di microcredito e il segretario, individuato tra il personale del dipartimento regionale delle finanze e del credito. Il funzionamento del Comitato non comporta alcun onere a carico del bilancio della Regione. I componenti del Comitato non ricevono alcun compenso per le loro attività.
5. L'assessore regionale per l’economia è autorizzato a stipulare convenzioni con banche e intermediari finanziari iscritti nell’elenco speciale di cui all’articolo 107 del decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 operanti in Sicilia e con istituzioni e organismi no profit, al fine di attivare le iniziative di microcredito di cui al comma 1, il cui schema tipo è sottoposto al parere della Commissione legislativa bilancio dell'Assemblea regionale.
6. I finanziamenti erogati non possono superare l'importo di 6.000 euro per ogni operazione di microcredito, restando demandato alle convenzioni di cui al comma 6 di stabilire:
a) l’apporto economico dei firmatari delle convenzioni;
b) le modalità di accesso al microcredito e le azioni di tutoraggio ed accompagnamento;
c) la tipologia dei soggetti che possono avere accesso al credito avendo riguardo anche al loro reddito;
d) i tassi di interesse massimi applicabili;
e) l’importo massimo dei prestiti;
f) i criteri di precedenza per l’accesso al credito.
7. Fermo restando quanto previsto ai commi 1, 2, 3, 4, 5, 6 e 7, con decreto dell'assessore regionale per l’economia, da adottarsi sentita la Commissione legislativa bilancio dell'Assemblea regionale, sono stabilite le modalità di gestione operativa del Fondo di cui al comma 4 e le disposizioni per l'attuazione del presente articolo.
8. Per la costituzione del Fondo di cui al comma 4 è autorizzata la spesa di 5.000 migliaia di euro, cui si provvede con parte delle entrate previste dal comma 1 dell'articolo 5 della legge regionale 31 maggio 2004, n. 9 e successive modifiche ed integrazioni, da reiscrivere, ai sensi del comma 2 dell'articolo 8 della legge regionale 8 luglio 1977, n. 47, nel bilancio della Regione per l'esercizio finanziario 2010.’

Commenti

Post popolari in questo blog

Acconto PAC 2019

Ci risiamo. E' già iniziato il conto alla rovescia per l'acconto PAC 2019. Arriva, non arriva, è l'importo giusto, non lo è. Insomma, ogni anno la stessa storia, e gli stessi commenti da parte dei lettori del blog. E per questo ho voluto scrivere questo post, per dare la possibilità di inserire commenti, che nei precedenti post sono diventati ormai troppi, e viene difficile anche scrivere.

Saldo PAC e saldo "bio" e la "patrimoniale a rate"

Ogni tanto una buona notizia: nei conti correnti degli agricoltori stanno arrivando i saldi del premio PAC 2019. Ma nei conti correnti degli agricoltori siciliani, poi, stanno arrivando pure i soldi del "bio". Controllate, quindi, i conti correnti, e li vedrete "arricchiti" di quanto vi spetta. Nota dolente, ahimè: da un lato si riceve, e dell'altro si dà. Giorno 16 dicembre, infatti c'è l'IMU da pagare, "la patrimoniale a rate" ... da pagare ogni anno ... una tassa calcolata su estimi catastali incoerenti ... e che a nessuno interessa rettificare, tanto meno ai Sindaci dei comuni ... che traggono da questa tassa patrimoniale il loro maggiore sostentamento ...

In attesa del saldo PAC 2018

I post del blog più letti e più commentati? Quelli del saldo PAC, ogni anno; da sempre. Eppure, nonostante le rassicurazioni di AGEA, ci sono moltissimi che continuano a scrivere che non hanno ricevuto nemmeno l'acconto di novembre. Entro il 30 giugno, però, AGEA deve completare i pagamenti.