giovedì 6 maggio 2010

L’unione imperfetta

IMG709

Ecco uno dei tanti esempi di “unione imperfetta” fra l’asfalto e il basolato lavico.
Negli anni ‘70 le Amministrazioni Comunali trovarono più conveniente asfaltare molte strade, anzichè ripristinare il basolato lavico.
Uno degli esempi più “lavorati” è la zona che va da Cannizzaro ad Ognina (CT); la percorrevo ogni giorno per andare in Facoltà, e l’asfalto, adagiato malamente sul basolato lavico, veniva letteralmente strappato ad ogni piccola pioggia. Le auto facevano il resto.
Ho visto riasfaltare quel tratto decine di volte; ma il problema si ripresentava sempre. Ovvio! Il tappetino bituminoso non si “aggrappava” alla pietra lavica, e si sgretolava facilmente. L’unione fra i due tipi di materiale è imperfetta, e la separazione è inevitabile!
Adesso, dopo aver bistrattato il basolato lavico per una trentina d’anni, ecco che si ritorna all’antico; in tutti i Comuni, com’è giusto che sia, il vecchio basolato lavico viene ripristinato, con grandi costi, ma con grande effetto visivo, e soprattutto con grande durata della pavimentazione stradale.

Nessun commento:

Posta un commento