Passa ai contenuti principali

Inchiesta mozzarelle

Oggi “tocca” alla mozzarella Granarolo.
Nella confezione si legge che viene prodotta a Usmate Vernate, un paesino in provincia di Monza e Brianza (MB), anche se nella confezione c’è scritto Milano (MI).
Nel paesino vivono 8.657 persone (ISTAT 2001), in circa 3.381 famiglie.
La mozzarella Granarolo da 100 gr. costa € 0,99, ovvero € 9,90 al chilo.
La produzione, quindi, è Italiana.

200x200_150801251386_555326 IMG964
IMG963 Senza titolo 1

Commenti

  1. Dalle frontiere italiane, passano ogni giorno 3,5 milioni di litri di latte sterile, semilavorati, cagliate e polveri di caseina per essere imbustati o trasformati industrialmente e diventare magicamente mozzarelle, formaggi o latte italiani, all’insaputa dei consumatori.

    Complessivamente in Italia sono arrivati 8,8 miliardi di chili in equivalente latte (fra latte liquido, panna, cagliate, polveri, formaggi, yogurt e altro) utilizzati in latticini e formaggi all’insaputa dei consumatori e a danno degli allevatori perché non è obbligatorio indicare la provenienza in etichetta.

    Il 68 per cento del latte importato viene da Germania, Francia e Austria, ma è rilevante anche la quota da paesi dell’est come la Polonia (5 per cento), la Lituania (3 per cento), la Slovenia (3 per cento) e l’Ungheria (3 per cento).

    Un esempio : in Puglia una parte della produzione del latte (pari a 250 quintali circa) viene destinata alla produzione di mozzarelle e vengono vendute 421mila quintali di mozzarelle come pugliesi.

    Significa che 160mila sono "costruite" con cagliate e paste fuse estere».

    Per cercare di fermare il fenomeno è stato individuato un marcatore molecolare per il rilevamento della cagliata refrigerata o congelata nei formaggi a pasta filata.

    “Il ‘marcatore molecolare’ è il primo sistema di analisi che consente di rilevare se una mozzarella vaccina è stata realmente prodotta con latte fresco o se, invece, è realizzata utilizzando cagliate congelate o cagliate refrigerate vecchie.

    n.b. occorrono 10 litri di latte x un kg. di mozzarella

    RispondiElimina
  2. da rilevare che, stranamente, la stragrande maggioranza delle mozzarelle vendute nei supermercati va a male molto prima della data di scadenza impressa sulla confezione.. anche qui, secondo me, c'è qualcosa di " truffaldino" sotto. Che i produttori sovradimensionino volutamente la durata delle mozzarelle per mascherare l' uso di materie prime e semilavorati di scarsa qualita' e di dubbia provenienza??

    RispondiElimina
  3. Mi piace sempre più questa inchiesta ed i commenti che genera.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Acconto PAC 2019

Ci risiamo. E' già iniziato il conto alla rovescia per l'acconto PAC 2019. Arriva, non arriva, è l'importo giusto, non lo è. Insomma, ogni anno la stessa storia, e gli stessi commenti da parte dei lettori del blog. E per questo ho voluto scrivere questo post, per dare la possibilità di inserire commenti, che nei precedenti post sono diventati ormai troppi, e viene difficile anche scrivere.

Saldo PAC e saldo "bio" e la "patrimoniale a rate"

Ogni tanto una buona notizia: nei conti correnti degli agricoltori stanno arrivando i saldi del premio PAC 2019. Ma nei conti correnti degli agricoltori siciliani, poi, stanno arrivando pure i soldi del "bio". Controllate, quindi, i conti correnti, e li vedrete "arricchiti" di quanto vi spetta. Nota dolente, ahimè: da un lato si riceve, e dell'altro si dà. Giorno 16 dicembre, infatti c'è l'IMU da pagare, "la patrimoniale a rate" ... da pagare ogni anno ... una tassa calcolata su estimi catastali incoerenti ... e che a nessuno interessa rettificare, tanto meno ai Sindaci dei comuni ... che traggono da questa tassa patrimoniale il loro maggiore sostentamento ...

In attesa del saldo PAC 2018

I post del blog più letti e più commentati? Quelli del saldo PAC, ogni anno; da sempre. Eppure, nonostante le rassicurazioni di AGEA, ci sono moltissimi che continuano a scrivere che non hanno ricevuto nemmeno l'acconto di novembre. Entro il 30 giugno, però, AGEA deve completare i pagamenti.