Passa ai contenuti principali

Frutta e verdura: INCREDIBILE

IMG162Ieri mattina nel supermercato LIDL di Rosolini (SR) ho trovato ortaggi e frutta di origine Spagnola, Tedesca, peperoni Olandesi, e nella terra delle carote anche le carote dell’Aquila …
Il pomodoro Spagnolo … insomma di tutto e di più, ma pochissimo Italiano, quasi nulla Siciliano!
E guardate le pesche tabacchiere (chiamate pesche piatte): Spagnole!
Bah!!!!
Vi lascio alla lunga carrellata fotografica che testimonia lo “scempio ortofrutticolo”!
Assessore!!!!! Dove sei????

 

 

IMG163 IMG164
IMG165 IMG166
IMG167 IMG168
IMG169  

Commenti

  1. pesche a 0.99 ??!! visto che le pesche si buttano questo cos'è? il prezzo di tutto il resto della filiera escluso il produttore?

    RispondiElimina
  2. IN FRANCIA SUCCEDE QUESTO....

    Agricoltori francesi contro camion stranieri

    Nella Francia meridionale è in corso una dura protesta degli agricoltori contro frutta e verdura importata dagli altri Paesi mediterranei e, in particolare, da Italia e Spagna. Hanno già fermato e svuotato alcuni veicoli refrigerati con targa spagnola.

    I coltivatori contestano, in particolare, le grandi catene della distribuzione organizzata che importano ortofrutta a prezzi più bassi di quelli chiesti dalla produzione nazionale. Nei giorni scorsi un centinaio di agricoltori delle regioni Gard e Pirenei Orientali hanno interrotto il traffico sull'autostrada A9, all'altezza della barriera di Gallargues, aprendo alcuni camion spagnoli e spargendone il carico sulla strada. Altre azioni sono previste dalle associazioni degli agricoltori nell'intera Francia meridionale.

    Delfo Fusillo

    RispondiElimina
  3. se non fosse per Delfo di questa protesta non ne avrei saputo niente....però la televisione mi tiene piu informato di Corona e gli acquisti di nuovi calciatori...ci si rivolge all'assessore,ma l'assessore a parte poteri di moral persuasion sui direttori della GDO che poteri ha????? evviva la globalizzazione!


    Aiace

    RispondiElimina
  4. La televisione non serve piu per informarsi gia da tempo, anni.

    Bravi gli agricoltori francesi, li ammiro.
    Di contro il COPA-COGECA condanna "questi attacchi violenti" e ricorda che le merci che rispettano le norme UE devono poter circolare liberamente tra gli stati dell'unione.
    Leggendo il resto dell'articolo
    http://ifn.mydev.it/DettaglioNews.aspx?IdNews=14013
    appare chiaro che nel sistema c'è qualcosa che non va.

    RispondiElimina
  5. Se le associazioni agricole, ormai diventate uffici periferici e appendici di AGEA, INPS e INAIL e di tutta la malaburocrazia d'Italia, tornassero ad essere "organizzazioni sindacali di categoria" si potrebbe pensare ad organizzare manifestazioni di protesta non violenta, come vuole COPA-COGECA, ed andare a distribuire sistematicamente e gratuitamente prodotti ortofrutticoli italiani davanti agli esercizi della grande distribuzione che commercializzano prodotti stranieri. Si otterrebbe un bel gran risultato e si dimostrerebbe che non è conveniente lasciare marcire sui banchi di vendita tanti prodotti di cui non abbiamo certo bisogno.

    RispondiElimina
  6. Per DiStefano:a mia sta cosa di arrialari il fruutto del nostro lavoro non mi è mai piaciuta....e come se un avvocato per protesta ti regalasse la consulenza giuridica per un ricorso o un potatore ti venisse a ragalare la potatura di tre pinate di arancio.....Tonino di stefano:non s'ha rialari nenti. è come se il marito per fare un dispetto alla moglie si tagliasse lo scroto.

    RispondiElimina
  7. Meglio regalare l'ortofutta ai cittadini per protesta che agli speculatori che pagano a 7 centesimi le arance e/o 10 centesimi le pesche.

    RispondiElimina
  8. se regali la frutta senza denaro,nel consumatore si ingenera l'idea che la frutta in genere non valga niente e quindi predisponi il consumatore a non pagare cara o al giusto prezzo la frutta....

    RispondiElimina
  9. Di fronte abbiamo gli speculatori che sul campo fanno il bello e il cattivo tempo, in più la GDO che attraverso mille passaggi e marchingegni fa lievitare i prezzi fino a dimostrare che comprare l'ortofrutta straniera è più conveniente. In Francia si sono rotti ancora una volta le scatole e rovesciano i camion spagnoli ed anche italiani. Noi ci piangiamo addosso e non facciamo niente. E' meglio così ???

    RispondiElimina
  10. Anguria
    Prezzo al produttore 0,12
    Prezzo al consumatore 0,6
    Ricarico % 400 %
    Meloni
    Prezzo al produttore 0,39
    Prezzo al consumatore 1,3
    Ricarico % 233 %
    Pesche nettarine
    Prezzo al produttore 0,38
    Prezzo al consumatore 1,95
    Ricarico % 413 %
    Pesche gialle
    Prezzo al produttore
    0,35
    Prezzo al consumatore 1,90
    Ricarico % 443 %
    Fonte: Elaborazioni Coldiretti su dati Sms consumatori

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Acconto PAC 2019

Ci risiamo. E' già iniziato il conto alla rovescia per l'acconto PAC 2019. Arriva, non arriva, è l'importo giusto, non lo è. Insomma, ogni anno la stessa storia, e gli stessi commenti da parte dei lettori del blog. E per questo ho voluto scrivere questo post, per dare la possibilità di inserire commenti, che nei precedenti post sono diventati ormai troppi, e viene difficile anche scrivere.

In attesa del saldo PAC 2018

I post del blog più letti e più commentati? Quelli del saldo PAC, ogni anno; da sempre. Eppure, nonostante le rassicurazioni di AGEA, ci sono moltissimi che continuano a scrivere che non hanno ricevuto nemmeno l'acconto di novembre. Entro il 30 giugno, però, AGEA deve completare i pagamenti.

Saldo PAC 2018

Maggio, e poi giugno. Ed entro fine giugno andrebbero pagati tutti i premi PAC, mentre c'è ancora chi attende l'acconto, ed infatti continuo a ricevere messaggi da agricoltori da mezza Italia. Rifaccio questo post per dare la possibilità ai lettori del blog di continuare a scambiarsi informazioni.