Passa ai contenuti principali

Prodotti a km "0"

Ricevo dal collega dott. agr. Antonio Trapani e pubblico.
Ciao Corrado, 
sono Antonino Trapani, un collega che oggi vive in Gran Bretagna. Ti ho scritto altre volte in passato ma sempre per lamentarmi di cose che non vanno. 
Oggi ti scrivo per metterti a conoscenza di un'iniziativa locale (sud Inghilterra) che mi è piaciuta tanto, a proposito di "prodotti a km zero".
So che qualcosa del genere esiste anche in Italia (per essere precisi esiste nel Lazio, almeno l'azienda di cui ho sentito parlare).
Questo è il sito web dell'azienda inglese di cui ti parlavo: http://www.sustainfoods.com/index.html

Questo è uno spot presente sul loro sito: http://www.youtube.com/watch?v=6KuHU2X7gQ0
Che dire... qua funziona... magari anche in sicilia qualcuno potrebbe  pensarci...
Ciao
Antonio Trapani

Commenti

  1. Paolo Giovanni Alberto3 agosto 2012 07:42

    anche a catania esiste qualcosa del genere su prodotti biologici. In questo caso (come probabilmente accade per gli inglesi) loro non producono direttamente ma acquistano principalmente sull'ordinato riducendo così la possibilità di scarto merce dovuto a deperimento e possono attuare anche dei prezzi estremamente interessanti.
    http://www.aferabio.org/index.php/sferabio
    esiste anche un link dove registrarsi ed effettuare direttamente gli ordini (sia cassette pronte che paniere dove mettere quello che si preferisce) ma in questo momento non lo trovo

    RispondiElimina
  2. agricoltore incazzato3 agosto 2012 08:17

    In realtà di "organic box sheme" in Inghilterra si parla da almeno 5 anni. A volte sono produttori che vendono prodotto locale soprattutto nei periodi estivi poi per forza di cose devono importare.
    Al Nord Italia qualche tentativo riuscito esite, il problema è che da noi in Sicilia è molto piu' conveniente comprare per strada...

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Acconto PAC 2019

Ci risiamo. E' già iniziato il conto alla rovescia per l'acconto PAC 2019. Arriva, non arriva, è l'importo giusto, non lo è. Insomma, ogni anno la stessa storia, e gli stessi commenti da parte dei lettori del blog. E per questo ho voluto scrivere questo post, per dare la possibilità di inserire commenti, che nei precedenti post sono diventati ormai troppi, e viene difficile anche scrivere.

In attesa del saldo PAC 2018

I post del blog più letti e più commentati? Quelli del saldo PAC, ogni anno; da sempre. Eppure, nonostante le rassicurazioni di AGEA, ci sono moltissimi che continuano a scrivere che non hanno ricevuto nemmeno l'acconto di novembre. Entro il 30 giugno, però, AGEA deve completare i pagamenti.

Saldo PAC e saldo "bio" e la "patrimoniale a rate"

Ogni tanto una buona notizia: nei conti correnti degli agricoltori stanno arrivando i saldi del premio PAC 2019. Ma nei conti correnti degli agricoltori siciliani, poi, stanno arrivando pure i soldi del "bio". Controllate, quindi, i conti correnti, e li vedrete "arricchiti" di quanto vi spetta. Nota dolente, ahimè: da un lato si riceve, e dell'altro si dà. Giorno 16 dicembre, infatti c'è l'IMU da pagare, "la patrimoniale a rate" ... da pagare ogni anno ... una tassa calcolata su estimi catastali incoerenti ... e che a nessuno interessa rettificare, tanto meno ai Sindaci dei comuni ... che traggono da questa tassa patrimoniale il loro maggiore sostentamento ...