giovedì 4 ottobre 2012

SISTER: la fine di un sogno 4° (i rimborsi)

Il Servizio SISTER non è più fruibile da chi, come me, ha stipulato un contratto per UN ANNO INTERO.
E non solo non è più fruibile, come mostra l'immagine che pubblico, ma lo sarà a costi esorbitanti che ... non erano nel contratto sottoscritto!
Ebbene, mi sembra giusta dare rilievo a questa cosa assai ingiusta, ma soprattutto al fatto che l'Agenzia del Territorio attraverso il CONAF, nel caso di noi agronomi, ha incassato € 50,00 per UN ANNO INTERO di servizio che, invece, adesso ha dismesso, e comunque MODIFICATO UNILATERALMENTE.
Fate la moltiplicazione per il numero di utenti che hanno pagato il servizio, come me in convenzione con il CONAF € 50,00, altri (avvocati, ingegneri, geometri, architetti, geologi, periti agrari, ecc.) € 30,00 direttamente con l'Agenzia del Territorio stessa ... e fate il conto di quanto l'Agenzia trattiene ingiustamente per SERVIZI NON RESI.
Ho scritto una lettera che ho appena inviato al CONAF, con la quale richiedo il rimborso della quota/parte della cifra in cui non potrò usufruire del servizio, e cioè per ben tre mesi; nel mio caso che ho pagato € 50,00 è € 12,50, e nel caso di chi ha pagato € 30,00 è di € 7,50.
Siccome ci fanno pagare l'aria che respiriamo, e siccome se moltiplichiamo queste somme per il numero di utenti RAGGIRATI l'Agenzia del Territorio trattiene ingiustamente una somma ingente, mi sembra appena il caso di richiedere la restituzione!
Qui sotto due immagini: una è quella in cui si evince la disabilitazione del servizio, l'altra è il fascimile di richiesta di rimborso che ho preparato.


2 commenti:

  1. SEMPLICEMENTE GRANDE!
    Io ho anche versato i 100€ e ancora non sono stato riabilitato......
    Federico Corona

    RispondiElimina
  2. Con il nostro caro ordine tutto è possibile, a differenza direttamente con il Sister vengono istantaneamente accreditati nel castelletto, senza nessuno minimo limite di versamento.

    RispondiElimina