Passa ai contenuti principali

I dolori dell'olio

Annata "triste" per gli olivicoltori.
Innanzi tutto in moltissimi areali la produzione è stata ridotta a causa dei venti freddi della prima decade di maggio, e delle "due giornate" di vento caldo della seconda decade di maggio.
Ma "il bello" deve ancora venire (o meglio "il brutto").
La raccolta, a causa della ridotta quantità di fruttificazione, è stata costosissima. I frantoi, dal canto loro, hanno aumentato del 15-20% il costo dell'estrazione.
E più di un agricoltore mi ha raccontato che non avendo i soldi per poter saldare immediatamente il costo al frantoio, quest'ultimo si è tenuto tanto olio quanto gli bastava a compensare il prezzo relativo al "mini-credito" relativo all'operazione stessa. E fin qui ... tutto ok; un "baratto" attualizzato al 2013 ...
Ma il dolore vero e proprio è che, invece, la valutazione del prezzo da parte dell'operatore al frantoio è oggetto di un ribasso senza pari, quasi il 40%. Infatti, a fronte di un prezzo/"cafiso" di circa 90 euro, l'operatore del frantoio lo "prezza" e lo paga all'agricoltore circa 50-55 euro/"cafiso", con una fortissima ed ingiustificata riduzione, anche se la stessa deriva da un "anticipo di capitali" ed uno stoccaggio conseguente.
Vorrei ricordare che il "cafiso" (parola importata dagli arabi Qafiz) equivale a 16 chili, ovvero (con peso specifico dell'olio di circa 0,92 chili/litro) a circa 17,40 litri.

E i produttori di olio quest'anno piangono ... mentre alla GDO troviamo i "famosi oli" a prezzi impossibili da paragonarsi a quelli nostri.

Commenti

  1. Paolo Giovanni Alberto16 novembre 2013 08:13

    il mio frantoiano ha mantenuto lo stesso prezzo dell'anno scorso (e dell'anno precedente) 0,15 €/kg

    RispondiElimina
  2. Problema: il costo della SOLA raccolta delle olive non viene compensato dal prezzo di vendita delle olive... il prezzo dell'olio sembra in diminuzione... I consumatori, forse, saranno felici, ma di sicuro il prossimo anno nessuno, a queste condizioni, coltivera' e raccoglierà olive. Evviva l'olio proveniente da altri luoghi al prezzo di € 2,90! Altro abbandono di coltivazioni? Speriamo che la normativa che si vuole introdurre nel 2014 faccia realmente chiarezza o il prossimo anno faccio l'olio solo per casa mia

    RispondiElimina
  3. Problema: il costo della SOLA raccolta delle olive non viene compensato dal prezzo di vendita delle olive... il prezzo dell'olio sembra in diminuzione... I consumatori, forse, saranno felici, ma di sicuro il prossimo anno nessuno, a queste condizioni, coltivera' e raccoglierà olive. Evviva l'olio proveniente da altri luoghi al prezzo di € 2,90! Altro abbandono di coltivazioni? Speriamo che la normativa che si vuole introdurre nel 2014 faccia realmente chiarezza o il prossimo anno faccio l'olio solo per casa mia

    RispondiElimina
  4. Io lo sto facendo da due anni solo l' olio per casa tanto ci vuole tempo per far chiarezza sulla provenienza manca la volontà magari perchè ci sono forti interessi da parte di persone colluse con la politica quindi si ledono persone che hanno investito magari ingenti capitali non si spiega diversamente perchè l' olio italiano è unico come è unico il territorio che abbiamo come è unico il nostro microclima come sono uniche tutte le appartenenze al nostro territorio che non si trovano eguali da nessuna parte solo gli uomini sono diversi non sappiamo tutelare i nostri interessi.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Acconto PAC 2019

Ci risiamo. E' già iniziato il conto alla rovescia per l'acconto PAC 2019. Arriva, non arriva, è l'importo giusto, non lo è. Insomma, ogni anno la stessa storia, e gli stessi commenti da parte dei lettori del blog. E per questo ho voluto scrivere questo post, per dare la possibilità di inserire commenti, che nei precedenti post sono diventati ormai troppi, e viene difficile anche scrivere.

Saldo PAC e saldo "bio" e la "patrimoniale a rate"

Ogni tanto una buona notizia: nei conti correnti degli agricoltori stanno arrivando i saldi del premio PAC 2019. Ma nei conti correnti degli agricoltori siciliani, poi, stanno arrivando pure i soldi del "bio". Controllate, quindi, i conti correnti, e li vedrete "arricchiti" di quanto vi spetta. Nota dolente, ahimè: da un lato si riceve, e dell'altro si dà. Giorno 16 dicembre, infatti c'è l'IMU da pagare, "la patrimoniale a rate" ... da pagare ogni anno ... una tassa calcolata su estimi catastali incoerenti ... e che a nessuno interessa rettificare, tanto meno ai Sindaci dei comuni ... che traggono da questa tassa patrimoniale il loro maggiore sostentamento ...

In attesa del saldo PAC 2018

I post del blog più letti e più commentati? Quelli del saldo PAC, ogni anno; da sempre. Eppure, nonostante le rassicurazioni di AGEA, ci sono moltissimi che continuano a scrivere che non hanno ricevuto nemmeno l'acconto di novembre. Entro il 30 giugno, però, AGEA deve completare i pagamenti.