Passa ai contenuti principali

Ancora sulla frutta estiva


Questa la situazione ricorrente l'inverno scorso negli agrumeti siciliani.
interventi ZERO
E, invece, per la frutta estiva ... ecco cosa "solo" l'on.le De Castro ha fatto ... faccio "copia/incolla" dal suo sito internet ...
Dimenticavo ... dopo che su Twitter "l'ho ripreso" ha indicato che si sarebbe occupato di agrumi, come leggerete, ma poi ... magicamente gli agrumi si sono trasformati in RISO!!!!

Leggete ... rimarrete piacevolmente ... sorpresi ...

INCONTRO DE CASTRO-CIOLOS SU CRISI FRUTTA ESTIVA, AGRUMI E RISO
mercoledì 16 luglio 2014
Si è tenuto questa mattina l’incontro tra i coordinatori dei gruppi politici della Commissione Agricoltura e sviluppo rurale del Parlamento europeo e il commissario Ue all’Agricoltura Dacian Ciolos. Paolo De Castro, europarlamentare PD e coordinatore S&D della Comagri, ha sottoposto all’attenzione del commissario lo stato di crisi delle produzioni italiane di frutta estiva, agrumi e riso. Ciolos ha condiviso la preoccupazione sull’andamento del mercato per questi prodotti e ha aggiornato i coordinatori circa il confronto avuto a margine del Consiglio agricolo dei giorni scorsi con i paesi coinvolti. Positiva l’apertura registrata oggi da parte della Commissione Ue: oltre alle misure che gli Stati membri potranno attivare attraverso i programmi operativi delle Organizzazioni dei produttori (Op) per la gestione delle crisi, la Commissione valuterà ulteriori azioni di sostegno per i settori interessati. Gli Stati membri dovranno però fornire tutti i dati e gli elementi di analisi necessari per consentire alla stessa Commissione di avere un quadro chiaro e definito per accertare cause ed effetti del calo dei prezzi e per mettere rapidamente in campo le misure di sostegno necessarie.
FRUTTA ESTIVA E RISO: L’EUROPA UTILIZZI TUTTI GLI STRUMENTI DISPONIBILI PER SOSTENERE I SETTORI
mercoledì 23 luglio 2014
Crisi frutta estiva, importazioni di riso a dazio zero e implementazione della Pac. Sono questi gli argomenti principali trattati durante lo scambio di opinioni avvenuto oggi in Commissione Agricoltura e sviluppo rurale del Parlamento europeo con il direttore generale presso la Commissione Ue Jerzy Bogdan Plewa. Il coordinatore S&D della Comagri, Paolo De Castro, intervenendo al dibattito, si è detto soddisfatto della presentazione dell’atto delegato che ha innalzato da 0,3 a 0,7 - così come aveva chiesto il Parlamento nei mesi scorsi - il coefficiente di determinazione dell'ecological focus area (superficie ecologica), ma ha manifestato la sua preoccupazione in attesa di ricevere l'atto delegato sul vino e sulla possibilità di proroga del sistema dei diritti d'impianto così come stabilito nell’ambito della riforma Pac. Lo stesso De Castro ha poi interrogato il direttore generale Plewa sulla grave crisi che sta colpendo la frutta estiva per il crollo dei prezzi e il settore del riso alle prese con un aumento delle importazioni a dazio zero soprattutto dalla Cambogia, due gravi questioni che De Castro aveva già portato la scorsa settimana all’attenzione del Commissario Ciolos e rispetto alle quali ha ribadito come sia opportuno intervenire tempestivamente. Nel caso della frutta estiva, valutando tutte le misure, sia quelle previste dalla Pac per le organizzazioni di produttori, sia quelle anti crisi al di fuori della Pac. Anche sul riso, accanto a eventuali valutazioni sulle clausole di salvaguardia, sarebbe opportuno valutare contemporaneamente strade e strumenti alternativi da attivare con urgenza. Il Direttore Plewa ha ribadito che la Commissione Ue è a conoscenza delle crisi e sta monitorando da vicino i mercati per attivare al più presto le procedure previste e le misure da prendere.
FRUTTA ESTIVA: VIA LIBERA AL RITIRO STRAORDINARIO
lunedì 11 agosto 2014
La Commissione Ue ha comunicato oggi che adotterà misure straordinarie per i produttori di frutta estiva colpiti dalla crisi del settore. Si procederà quindi con il ritiro straordinario dei prodotti che riguarderà sia le organizzazioni di produttori che i singoli non associati. Paolo De Castro ha sottolineato come grazie al lavoro di squadra portato avanti in queste settimane insieme al ministro Martina e al Consiglio Ue la Commissione abbia finalmente compreso la gravità della situazione in cui si trovano moltissimi agricoltori emiliano-romagnoli, ma non solo. Un intervento concreto per risollevare le sorti di un settore duramente colpito e che lo stesso De Castro si augura possa essere esteso anche alle produzioni ortofrutticole danneggiate dall’embargo russo. 
FRUTTA ESTIVA: VIA LIBERA AL RITIRO STRAORDINARIO
lunedì 11 agosto 2014
La Commissione Ue ha comunicato oggi che adotterà misure straordinarie per i produttori di frutta estiva colpiti dalla crisi del settore. Si procederà quindi con il ritiro straordinario dei prodotti che riguarderà sia le organizzazioni di produttori che i singoli non associati. Paolo De Castro ha sottolineato come grazie al lavoro di squadra portato avanti in queste settimane insieme al ministro Martina e al Consiglio Ue la Commissione abbia finalmente compreso la gravità della situazione in cui si trovano moltissimi agricoltori emiliano-romagnoli, ma non solo. Un intervento concreto per risollevare le sorti di un settore duramente colpito e che lo stesso De Castro si augura possa essere esteso anche alle produzioni ortofrutticole danneggiate dall’embargo russo. 

Commenti

  1. Non ci resta di tutto questo che l'amaro in bocca mio egregio Dott. Prendiamo nota in un quaderno di tutto questo, e rileggiamolo di tanto in tanto, dato che spesso siamo labili di memoria. Ricordiamocelo quando i nostri "amici" a capo cosparso di cenere verranno a chiederci suffragi. Quando, incuranti dei tanti loro improrogabili impegni, pur di racimolare qualche voto, presenzieranno non solo gli eventi imbastiti ad hoc ma anche le festicciole di compleanno, cresime, battesimi e riunioni di condominio, cogliendo sempre l'occasione per far comizio millantando crediti.
    Tutto sommato anche s’è deontologicamente sbagliato e discutibile l'On. De Castro, sta “in primis” curando gli interessi di quanti gli hanno permesso di rivestire la sua carica. Altrettanto non si può dire di quei “desaparecidos” da noi votati per rappresentarci, i quali ormai certi di aversi assicurato un futuro, “galleggiano privi di deriva” in uno stato inerziale di minimo sforzo.

    RispondiElimina
  2. non la conosco, ma mi sento di dire che molto spesso concordo con con quanto scrive.
    Ciccio Platania

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Acconto PAC 2019

Ci risiamo. E' già iniziato il conto alla rovescia per l'acconto PAC 2019. Arriva, non arriva, è l'importo giusto, non lo è. Insomma, ogni anno la stessa storia, e gli stessi commenti da parte dei lettori del blog. E per questo ho voluto scrivere questo post, per dare la possibilità di inserire commenti, che nei precedenti post sono diventati ormai troppi, e viene difficile anche scrivere.

In attesa del saldo PAC 2018

I post del blog più letti e più commentati? Quelli del saldo PAC, ogni anno; da sempre. Eppure, nonostante le rassicurazioni di AGEA, ci sono moltissimi che continuano a scrivere che non hanno ricevuto nemmeno l'acconto di novembre. Entro il 30 giugno, però, AGEA deve completare i pagamenti.

Saldo PAC e saldo "bio" e la "patrimoniale a rate"

Ogni tanto una buona notizia: nei conti correnti degli agricoltori stanno arrivando i saldi del premio PAC 2019. Ma nei conti correnti degli agricoltori siciliani, poi, stanno arrivando pure i soldi del "bio". Controllate, quindi, i conti correnti, e li vedrete "arricchiti" di quanto vi spetta. Nota dolente, ahimè: da un lato si riceve, e dell'altro si dà. Giorno 16 dicembre, infatti c'è l'IMU da pagare, "la patrimoniale a rate" ... da pagare ogni anno ... una tassa calcolata su estimi catastali incoerenti ... e che a nessuno interessa rettificare, tanto meno ai Sindaci dei comuni ... che traggono da questa tassa patrimoniale il loro maggiore sostentamento ...