Passa ai contenuti principali

Tasse, tasse ed ancora tasse

Debbo rilevare che, nonostante l'affossamento dell'economia derivante dall'inasprimento fiscale continuo ... i Governi che si avvicendano altro non fanno che aumentare le tasse; in questo non solo solo bravisismi, ma sono imbattibili!
Ed ecco ... le nuove tasse ... 


Commenti

  1. Egregio Dott. immagini l'Italia come una grande vasca d'acqua, piena di falle e dove ad ogni falla si abbevera qualcuno. Qualcuno che spesso o quasi sempre viene a torto da noi eletto ad amministrare il paese. Quindi per timore che possa essere causa del suo male, sistematicamente esclude l'idea di sanare le falle e per mantenere il livello non fa altro che chiedere altro liquido, non curante che ormai la "fontana" si é quasi del tutto prosciugata.

    RispondiElimina
  2. Ricordo i tempi in cui si compravano le seconde case a mare o in montagna, per investire i propri risparmi in qualcosa di solido come il mattone. I vari governi, da quello Berlusconi (dal quale è nata inizialmente l'IMU, anche se ricordiamo solo Monti) a quello attuale, hanno partorito tasse su tasse, con l'effetto di mettere in stasi il mercato immobiliare, ma cosa ancor più grave, di far chiudere o scappare le industrie, ma anche molte pmi, all'estero, aumentando vertiginosamente la disoccupazione. Non c'e' scampo: il pareggio di bilancio è in Costituzione, gli italiani hanno almeno un paio di migliaia di miliardi di euro di risparmi, a questi gli ultimi governi hanno mirato e i futuri mireranno inventandosi di tutto, dall'aumento dei valori catastali ad altre forme di più o meno mini patrimoniale, a nuove tasse sui "servizi" per la casa, sull'auto e su tutto ciò che la fantasia potrà suggerire. Dissento purtroppo quindi con quanto detto dal lettore "CICCIO CASTIGLIA": la fontana non si è ancora prosciugata, la prosciugheranno togliendo i risparmi a chi ancora ne possiede. NON verranno toccate invece le pensioni d'oro nè i super stipendi pubblici (l'eccezione c'e' sempre ad ogni legge o proposta di legge) che ci costano miliardi di euro, nè verrà combattuta seriamente la corruzione, nè l'evasione fiscale. Chi ha dei risparmi ed è avanti con gli anni farebbe bene a "mangiarseli", o ad investirli in istruzione per i figli o nipoti perché possano trovare un lavoro all'estero, in concorrenza con il resto del mondo. "W" la globalizzazione.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Acconto PAC 2019

Ci risiamo. E' già iniziato il conto alla rovescia per l'acconto PAC 2019. Arriva, non arriva, è l'importo giusto, non lo è. Insomma, ogni anno la stessa storia, e gli stessi commenti da parte dei lettori del blog. E per questo ho voluto scrivere questo post, per dare la possibilità di inserire commenti, che nei precedenti post sono diventati ormai troppi, e viene difficile anche scrivere.

Saldo PAC e saldo "bio" e la "patrimoniale a rate"

Ogni tanto una buona notizia: nei conti correnti degli agricoltori stanno arrivando i saldi del premio PAC 2019. Ma nei conti correnti degli agricoltori siciliani, poi, stanno arrivando pure i soldi del "bio". Controllate, quindi, i conti correnti, e li vedrete "arricchiti" di quanto vi spetta. Nota dolente, ahimè: da un lato si riceve, e dell'altro si dà. Giorno 16 dicembre, infatti c'è l'IMU da pagare, "la patrimoniale a rate" ... da pagare ogni anno ... una tassa calcolata su estimi catastali incoerenti ... e che a nessuno interessa rettificare, tanto meno ai Sindaci dei comuni ... che traggono da questa tassa patrimoniale il loro maggiore sostentamento ...

In attesa del saldo PAC 2018

I post del blog più letti e più commentati? Quelli del saldo PAC, ogni anno; da sempre. Eppure, nonostante le rassicurazioni di AGEA, ci sono moltissimi che continuano a scrivere che non hanno ricevuto nemmeno l'acconto di novembre. Entro il 30 giugno, però, AGEA deve completare i pagamenti.