Passa ai contenuti principali

Olive: annata nera 2°

Ricevo dal direttore di COFIOL e pubblico.

Carissimi associati
Il procedere inesorabile di una campagna olearia atipica e, speriamo, rara e irripetibile, ha causato non poco imbarazzo a tutti gli operatori e a tutti i livelli della filiera.
L’andamento climatico ha condizionato per il secondo anno consecutivo, la produzione di olive che, in particolare quest’anno, sono state poche e di bassa qualità. Tutto questo ha determinato delle evidenti anomalie di mercato, con produttori alla continua ricerca del miglior prezzo per la vendita diretta delle olive a dispetto di tutti i buoni propositi delle filiere sane ed affidabili. Questo atteggiamento è stato anche assecondato da tutta una serie di operatori che per accaparrarsi olive da lavorare non ha esitato a destabilizzare il mercato con una costante ed inesorabile impennata dei prezzi. In questa situazione complicata, noi del COFIOL ci sentiamo di dire solo che in un ambito di mercato così atipico, per la prima volta da quando esiste il nostro consorzio, preferiamo non diramare prezzi ufficiali d’ammasso. Tutto ciò sino a quando non si saranno del tutto normalizzati i prezzi ed il mercato non tornerà in condizioni di ordinarietà. Ci rincresce, pertanto, comunicare a tutti i soci che al momento non saranno diffusi prezzi di ammasso e che le eventuali proposte di fornitura di prodotto saranno valutate caso per caso. A tal fine sarà possibile sempre utilizzare la vostra personale area riservata all’interno del sito del COFIOL alla sezione Disponibilità di Olio. Da questa area riservata potrete inserire le vostre disponibilità di prodotto classificate per tipologia di prodotto e categoria analitica, in modo da segnalare le partite di olio e far partire le trattative per la transazione del prodotto.
Fiduciosi in un rapido ritorno ad una condizione di ordinarietà di mercato, cogliamo l’occasione per porgere i più cordiali saluti.


                                                                                                         Il Direttore

Commenti

Post popolari in questo blog

Acconto PAC 2019

Ci risiamo. E' già iniziato il conto alla rovescia per l'acconto PAC 2019. Arriva, non arriva, è l'importo giusto, non lo è. Insomma, ogni anno la stessa storia, e gli stessi commenti da parte dei lettori del blog. E per questo ho voluto scrivere questo post, per dare la possibilità di inserire commenti, che nei precedenti post sono diventati ormai troppi, e viene difficile anche scrivere.

In attesa del saldo PAC 2018

I post del blog più letti e più commentati? Quelli del saldo PAC, ogni anno; da sempre. Eppure, nonostante le rassicurazioni di AGEA, ci sono moltissimi che continuano a scrivere che non hanno ricevuto nemmeno l'acconto di novembre. Entro il 30 giugno, però, AGEA deve completare i pagamenti.

Saldo PAC e saldo "bio" e la "patrimoniale a rate"

Ogni tanto una buona notizia: nei conti correnti degli agricoltori stanno arrivando i saldi del premio PAC 2019. Ma nei conti correnti degli agricoltori siciliani, poi, stanno arrivando pure i soldi del "bio". Controllate, quindi, i conti correnti, e li vedrete "arricchiti" di quanto vi spetta. Nota dolente, ahimè: da un lato si riceve, e dell'altro si dà. Giorno 16 dicembre, infatti c'è l'IMU da pagare, "la patrimoniale a rate" ... da pagare ogni anno ... una tassa calcolata su estimi catastali incoerenti ... e che a nessuno interessa rettificare, tanto meno ai Sindaci dei comuni ... che traggono da questa tassa patrimoniale il loro maggiore sostentamento ...