Passa ai contenuti principali

Convegno a Marsala su SPAZI VERDI E PAESAGGI URBANI

Pubblico, in "copia/incolla" il Comunicato Stampa, relativo al Convegno, pervenuto dall'Ordine dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali di Trapani.

L’Ordine dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali della provincia di Trapani, unitamente alla Federazione degli Ordine dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali della Sicilia con il Presidente, Corrado Vigo dottore Agronomo e il Consiglio dell’Ordine Nazionale dei dottori Agronomi e dei dottori Forestali con il Coordinatore del Centro Studi Giancarlo Quaglia dottore forestale, ed il patrocinio del comune di Marsala, dell’Ente Italiano di Normazione – UNI, dell’associazione Promoverde Sicilia e dell’associazione Landeres, paesaggi resilienti ha organizzato il CONVEGNO su: SPAZI VERDI E PAESAGGI URBANI: Progettazione e Gestione Sostenibile.

Dopo la relazione di apertura del Presidente dell’Ordine dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali di Trapani Dottore agronomo Giuseppe Pellegrino, seguiranno i saluti del Sindaco di Marsala Dr. Alberto Di Girolamo, del Presidente dell’associazione Promoverde Sicilia Dott. Antonino La Mantia. I lavori sarnno presieduti dal Dr. Agronomo Giancarlo Quaglia coordinatore del Centro Studi del Consiglio Nazionale degli Agronomi e Forestali.
Il Dott. Corrado Vigo relazionerà su: La legge 10/2013 e convenzione ANCI SICILIA . Sarà cura del Dottore Agronomo o del Dottore Forestale nei vari comuni dare applicazione alla legge 10 del 2013 che disciplina le norme per lo sviluppo degli spazi verdi. La’rt. 3 della legge 10 obbliga i comuni a censire e classificare gli alberi piantati in aree urbane di proprietà pubblica; l’art. 6 istituisce la promozione degli spazi verdi urbani attraverso la creazione di “cinture verdi” intorno alle conurbazioni per delimitare gli spazi urbani. Inoltre all’art. 7 vengono istituite le disposizioni per la tutela e la salvaguardia degli alberi monumentali, dei filari e delle alberate di particolare pregio paesaggistico, naturalistico, monumentale, storico e culturale.
Per l’Ente Italiano di Normazione interverrà la Dottoressa Elena Mocchio su: “Le UNI/Pdr 8 quale strumento per la gestione sostenibile del paesaggio e del territorio.
Il Presidente dell’associazione Landeres interverrà su: Gli obiettivi di qualità e le azioni da compiere per la gestione sostenibile degli spazi verdi”.
Il Dr. Davide Natale affornterà la sua relazione sottolineando :
Nel giugno 2014 è stata resa pubblica la Prassi di Riferimento UNI/PdR 8:2014, “Linee Guida per lo Sviluppo Sostenibile degli spazi verdi”, frutto della collaborazione tra UNI e le Associazioni Landeres e BAI – Borghi autentici d'Italia. Il documento include le prassi e le azioni da compiere per la gestione di qualità degli spazi verdi urbani e peri-urbani, in riferimento alla pianificazione, progettazione, realizzazione, manutenzione.
La UNI/PdR 8:2014 si basa su tre pilastri principali: 1) rafforzare la biodiversità e la resilienza per implementare la rete ecologica e sociale su scala locale; 2) adottare buone pratiche per la progettazione, il mantenimento e la gestione degli spazi verdi e per la produzione vegetale; 3) applicare un metodo di gestione a basso input energetico, fisico ed economico.
A sostegno di questo impianto, il documento individua una serie di azioni specifiche tramite le quali conseguire 15 obiettivi di qualità – qualità paesaggio, biodiversità, pianta, suolo, scarti, acqua, energia, inquinamento, nutrizione, difesa, diserbo, macchinari e attrezzi, materiali, produzione vegetale, sociale.
In questo modo, UNI/PdR 8:2014 fornisce a professionisti e operatori del settore - dai responsabili della pianificazione del verde e del paesaggio a livello di amministrazioni e fondi pubblici e privati ai progettisti, dai responsabili della manutenzione ai vivaisti – un innovativo strumento operativo, capace di orientare le scelto di gestione in base alla quantificazione e comparazione di benefici ambientali, economici e sociali.
Il documento, inoltre, può essere utilizzato a supporto dell'applicazione della Legge "Norme per lo sviluppo degli spazi verdi urbani" (n.10 del 14 gennaio 2013, GU n.27 dell'1 febbraio 2013, in vigore dal 16 febbraio 2013), consentendo a tutti i soggetti coinvolti nella filiera della gestione del paesaggio di orientare politiche integrate di sostenibilità finalizzate alla realizzazione di servizi eco-sistemici.
La Dottoressa Simona Aprile, vicepresidente dell’associazione Promoverde Sicilia relazionerà su: Dal paesaggio al progetto: Un approccio multidisciplinare per la realizzazione di spazi verdi sostenibili”.
Seguirà dibattito e conclusioni per le ore 13.00

Trapani, lì 12 ottobre 2015
Il Presidente
Dr., Agr. Giuseppe Pellegrino 

Commenti

Post popolari in questo blog

Acconto PAC 2019

Ci risiamo. E' già iniziato il conto alla rovescia per l'acconto PAC 2019. Arriva, non arriva, è l'importo giusto, non lo è. Insomma, ogni anno la stessa storia, e gli stessi commenti da parte dei lettori del blog. E per questo ho voluto scrivere questo post, per dare la possibilità di inserire commenti, che nei precedenti post sono diventati ormai troppi, e viene difficile anche scrivere.

Saldo PAC e saldo "bio" e la "patrimoniale a rate"

Ogni tanto una buona notizia: nei conti correnti degli agricoltori stanno arrivando i saldi del premio PAC 2019. Ma nei conti correnti degli agricoltori siciliani, poi, stanno arrivando pure i soldi del "bio". Controllate, quindi, i conti correnti, e li vedrete "arricchiti" di quanto vi spetta. Nota dolente, ahimè: da un lato si riceve, e dell'altro si dà. Giorno 16 dicembre, infatti c'è l'IMU da pagare, "la patrimoniale a rate" ... da pagare ogni anno ... una tassa calcolata su estimi catastali incoerenti ... e che a nessuno interessa rettificare, tanto meno ai Sindaci dei comuni ... che traggono da questa tassa patrimoniale il loro maggiore sostentamento ...

In attesa del saldo PAC 2018

I post del blog più letti e più commentati? Quelli del saldo PAC, ogni anno; da sempre. Eppure, nonostante le rassicurazioni di AGEA, ci sono moltissimi che continuano a scrivere che non hanno ricevuto nemmeno l'acconto di novembre. Entro il 30 giugno, però, AGEA deve completare i pagamenti.