Passa ai contenuti principali

PSR 2014/2020 in pillole, 1° puntata

Da oggi e per diversi giorni mi occuperò di descrivere "in pillole" le nuove Misure del PSR Sicilia 2014/2020, ma prima di fare ciò, però, devo fare una premessa ed un invito.

Da diverso tempo vengono diffuse delle informazioni fuorvianti, e comunque non rispondenti a verità, atte solo ed esclusivamente ad orientare la clientela.

In alcuni siti internet, non Istituzionali, vengono diffuse notizie di bandi del PSR, bandi attualmente non esistenti
L'informazione che viene diffusa, anche se in parte scaturente da "copia/incolla", disorienta gli agricoltori che intendono usufruire dei bandi europei, ma al contempo genera confusione.
Nella fattispecie viene effettuata una sorta di ricerca di clientela a cui realizzare "uno studio di prefattibilità della progettualità", da non confondersi, però, con una progettualità scaturente da bandi esistenti.

I siti internet ufficiali, per la nostra regione, su cui apprendere notizie sui bandi della nuova Programmazione sono attualmente:
http://www.psrsicilia.it/nuovaprogrammazione.php - Assessorato Agricoltura
http://www.euroinfosicilia.it/ - Euroinfosicilia

Ovviamente potete trovare anche informazioni Istituzionali su altri siti, come quelli degli Ordini professionali, come quello dell'Ordine dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali di Catania:
http://www.agronomict.it/

Nel frattempo, però, registro che molti colleghi si sbizzarrisono su Facebook e su Twitter a "linkare" e condividere quei siti internet non Istituzionali, siti che riportano informazioni su bandi non ancora esistenti, e comunque veicolano in modo poco corretto le informazioni,

Invito, quindi, i lettori del blog, così come tutti i colleghi Agronomi e Forestali della provincia di Catania ad astenersi dal rilanciare i "link" dei siti internet sopra descritti, ma di attenersi a dare solo informazioni reale.

Commenti

  1. Ok ,carissimo, Dott. Vigo, vediamo di fare uscire il settore,dai tanti limiti comportamentali. Vediamo se riusciamo a fare avanzare l'intero settore vitivinicolo ed ambientale dellEtna,, asse portante di una agricoltura siciliana, che ha tutte le caratteristiche per diventare un vero p atrimonio dell'umanità e non motivo di sfruttamento sociale da parte di singoli individui con la testa rivolta all'indietro!!!

    RispondiElimina
  2. Ok ,carissimo, Dott. Vigo, vediamo di fare uscire il settore,dai tanti limiti comportamentali. Vediamo se riusciamo a fare avanzare l'intero settore vitivinicolo ed ambientale dellEtna,, asse portante di una agricoltura siciliana, che ha tutte le caratteristiche per diventare un vero p atrimonio dell'umanità e non motivo di sfruttamento sociale da parte di singoli individui con la testa rivolta all'indietro!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Acconto PAC 2019

Ci risiamo. E' già iniziato il conto alla rovescia per l'acconto PAC 2019. Arriva, non arriva, è l'importo giusto, non lo è. Insomma, ogni anno la stessa storia, e gli stessi commenti da parte dei lettori del blog. E per questo ho voluto scrivere questo post, per dare la possibilità di inserire commenti, che nei precedenti post sono diventati ormai troppi, e viene difficile anche scrivere.

Saldo PAC e saldo "bio" e la "patrimoniale a rate"

Ogni tanto una buona notizia: nei conti correnti degli agricoltori stanno arrivando i saldi del premio PAC 2019. Ma nei conti correnti degli agricoltori siciliani, poi, stanno arrivando pure i soldi del "bio". Controllate, quindi, i conti correnti, e li vedrete "arricchiti" di quanto vi spetta. Nota dolente, ahimè: da un lato si riceve, e dell'altro si dà. Giorno 16 dicembre, infatti c'è l'IMU da pagare, "la patrimoniale a rate" ... da pagare ogni anno ... una tassa calcolata su estimi catastali incoerenti ... e che a nessuno interessa rettificare, tanto meno ai Sindaci dei comuni ... che traggono da questa tassa patrimoniale il loro maggiore sostentamento ...

In attesa del saldo PAC 2018

I post del blog più letti e più commentati? Quelli del saldo PAC, ogni anno; da sempre. Eppure, nonostante le rassicurazioni di AGEA, ci sono moltissimi che continuano a scrivere che non hanno ricevuto nemmeno l'acconto di novembre. Entro il 30 giugno, però, AGEA deve completare i pagamenti.