Passa ai contenuti principali

Sul palazzo di Giustizia di Catania

Ricevo dall'avv. Lina Arena una lettera inviata al quotidiano LA SICILIA e pubblico.

Non concordo sulla scelta del Palazzo di giustizia a viale Africa

Egregio direttore, 
non sono un ingegnere, nè un'urbanista  ma ho frequentato per molti anni il palazzo di Giustizia di Catania e  ritengo che la scelta del Palazzo delle poste di viale Africa sia stata una scelta  scellerata e poco acconcia non solo per  gli utenti che dovranno affollare quella contrada cittadina ma anche per  la devastazione  di quell'angolo di città che verrà  asservito alla  nuova destinazione dell'edificio . 
Se si voleva sottrarre  quell'obbrobrio  alla  goduria  dei topi cittadini  , lo scopo  non è stato raggiunto perchè gli archivi  saranno ben presto preda  dei noti roditori , come del resto ricorderanno gli avvocati adusi a frequentare le stanzette del vecchio Tribunale di Taormina , aperto su una vista marina meravigliosa  ma  dove ,accanto ai fascicoli delle cause,  stazionavano le trappole per i  topi.
Adesso il Palazzo delle ex Poste  distruggerà un intero comparto cittadino perchè  le frotte di avvocati, clienti , impiegati e parassiti vari  non daranno respiro a quella contrada sorta  con una vocazione culturale e di apertura al mare ma  verrà ripiombata stranamente  nella morsa di attività burocratiche di stretto respiro che  impegneranno mattinate  di affannoso andirivieni e  serate buie e pericolose per la mancanza di frequentazioni civili e  dignitose.   
Rimpiango il caro architetto Giacomo Leone che certamente avrebbe avuto parole di condanna per una simile scelta ed invoco, a questo punto, la  consulenza spassionata di qualche urbanista  o ingegnere-sociologo -economista  per criticare con più acume la scelta di localizzare in una zona  che andava recuperata e riscritta, magari con l'abbattimento del palazzaccio delle ex poste , per fare posto a quel mare che  ,a  parole, pare sia di pertinenza dei cittadini  ma che nella pratica, il desiderio di  spericolati speculatori, lo ha  recintato, limitato e distrutto.
Con questa mia vorrei lanciare un grido  di dolore per evitare che  si compia l'ennesimo scempio  sul territorio di questa città  e gradirei che il parere di specialisti  e non di burocrati  della giustizia venisse pubblicato, raccolto ed  attenzionato per  azzerare una destinazione  assurda e nociva  per il suolo e per i siciliani  che hanno a cura l'ambiente e la salute del territorio. 
avv. Lina Arena 

Commenti

Post popolari in questo blog

Acconto PAC 2019

Ci risiamo. E' già iniziato il conto alla rovescia per l'acconto PAC 2019. Arriva, non arriva, è l'importo giusto, non lo è. Insomma, ogni anno la stessa storia, e gli stessi commenti da parte dei lettori del blog. E per questo ho voluto scrivere questo post, per dare la possibilità di inserire commenti, che nei precedenti post sono diventati ormai troppi, e viene difficile anche scrivere.

In attesa del saldo PAC 2018

I post del blog più letti e più commentati? Quelli del saldo PAC, ogni anno; da sempre. Eppure, nonostante le rassicurazioni di AGEA, ci sono moltissimi che continuano a scrivere che non hanno ricevuto nemmeno l'acconto di novembre. Entro il 30 giugno, però, AGEA deve completare i pagamenti.

Saldo PAC e saldo "bio" e la "patrimoniale a rate"

Ogni tanto una buona notizia: nei conti correnti degli agricoltori stanno arrivando i saldi del premio PAC 2019. Ma nei conti correnti degli agricoltori siciliani, poi, stanno arrivando pure i soldi del "bio". Controllate, quindi, i conti correnti, e li vedrete "arricchiti" di quanto vi spetta. Nota dolente, ahimè: da un lato si riceve, e dell'altro si dà. Giorno 16 dicembre, infatti c'è l'IMU da pagare, "la patrimoniale a rate" ... da pagare ogni anno ... una tassa calcolata su estimi catastali incoerenti ... e che a nessuno interessa rettificare, tanto meno ai Sindaci dei comuni ... che traggono da questa tassa patrimoniale il loro maggiore sostentamento ...