Passa ai contenuti principali

Sulla "Timilìa", 3° puntata

Interrogando il database dei panifici, ecco che risultano "attivi, ovvero registrati con licenza ed a norma 1.507 panifici in tutta la nostra regione.
In tutti i panifici oggi troviamo il pane con la scritta "Timilìa".
Non si conta in questo numero le pizzerie e i pastifici.
La domanda, semplice, ma che vuole solo essere di sprone alla creazione di un marchio unico o alla creazione di un IGP o di una DOP o di una IG, così da tutelare i produttori della varietà di frumento è: con la "Timilìa" prodotta possono prodursi davvero tutti i chili di prodotti che oggi vengono venduti?

Ed il commento di ieri di Giuseppe Li Rosi calza a pennello, e lo riporto qui di seguito:
Caro Corrado, mi hai chiamato qualche giorno fa chiedendomi dei dati sulle produzioni di Timilia in Sicilia. Ti ho detto che nella campagna scorsa ne saranno stati seminati un migliaio di ettari e che quest'anno è difficile riuscire a quantificarli. Però, a leggere le tue puntate sulla timilia ho l'impressione che voglia assimilare il grano antico alle varietà moderne, utilizzando anche dichiarazioni (se è vero che siano del Prof. Pecorino) che, se decontestualizzate da un discorso più complesso, potrebbero essere interpretate come attacchi contro le varietà locali. 
Mi sa che, caro Corrado, dovrei rivedere la direzione che stai facendo prendere alle tue puntate sulla Timilìa. Se, poi, per come mi hai detto per telefono, il tuo intento è quello di denunciare la troppa farina di Timilia rispetto alle coltivazioni presenti, e quindi là possibilità di frode alimentare, allora è meglio che lasci il compito a chi da anni la coltiva e che dal 20 di febbraio si è costituito facendo nascere l'associazione SIMENZA - Cumpagnìa Siciliana Sementi Contadine. Sarà compito nostro in collaborazione con gli enti di ricerca e di controllo a controllare la produzioni. Darlo in pasto al blog è sacrìlego. 
SEMU SIMENZA!
Giuseppe Li Rosi

Pertanto invito Giuseppe Li Rosi a continuare sulla strada intrapresa, così da "mettere ordine" in una nicchia che per molti sta diventando "un affare" slegato a ciò che hai intrapreso da tempo insieme a chi ci ha creduto.
E, caro Giuseppe, lo scopo ultimo è sempre quello di poter assicurare agli agricoltori il massimo valore aggiunto, oggi ahimè appannaggio di tutti tranne di chi veramente lo meriterebbe.

Commenti

Post popolari in questo blog

Acconto PAC 2019

Ci risiamo. E' già iniziato il conto alla rovescia per l'acconto PAC 2019. Arriva, non arriva, è l'importo giusto, non lo è. Insomma, ogni anno la stessa storia, e gli stessi commenti da parte dei lettori del blog. E per questo ho voluto scrivere questo post, per dare la possibilità di inserire commenti, che nei precedenti post sono diventati ormai troppi, e viene difficile anche scrivere.

Saldo PAC e saldo "bio" e la "patrimoniale a rate"

Ogni tanto una buona notizia: nei conti correnti degli agricoltori stanno arrivando i saldi del premio PAC 2019. Ma nei conti correnti degli agricoltori siciliani, poi, stanno arrivando pure i soldi del "bio". Controllate, quindi, i conti correnti, e li vedrete "arricchiti" di quanto vi spetta. Nota dolente, ahimè: da un lato si riceve, e dell'altro si dà. Giorno 16 dicembre, infatti c'è l'IMU da pagare, "la patrimoniale a rate" ... da pagare ogni anno ... una tassa calcolata su estimi catastali incoerenti ... e che a nessuno interessa rettificare, tanto meno ai Sindaci dei comuni ... che traggono da questa tassa patrimoniale il loro maggiore sostentamento ...

In attesa del saldo PAC 2018

I post del blog più letti e più commentati? Quelli del saldo PAC, ogni anno; da sempre. Eppure, nonostante le rassicurazioni di AGEA, ci sono moltissimi che continuano a scrivere che non hanno ricevuto nemmeno l'acconto di novembre. Entro il 30 giugno, però, AGEA deve completare i pagamenti.