sabato 19 marzo 2016

"Un attimo"

Quante volte ci sentiamo dire "un attimo" e sono da te, "un attimo" e ti ritelefono, "un attimo" e tolgo la macchina ...
Eppure la cognizione del tempo non sempre corrisponde alle parole espresse.
L'Enciclopedia Treccani definisce così "un attimo": 
àttimo s. m. [variante pop. di atomo; cfr. lat. tardo in atŏmo «in un istante», locuz. ricalcata sul gr. ἐν ἀτόμῳ]. – Spazio brevissimo di tempo, istante: non avere un a. di tempo libero, di requie; sarebbe bastato un a. di distrazione, per provocare un disastro; in un a., in un batter d’occhio; l’attimo fuggente, la gioia effimera che la vita ci offre o, anche, il momento propizio al successo: cogliere l’a. fuggente. ◆ Dim. attimino, fam., frazione brevissima di tempo: un a. e sono pronto; tra un a. la riceveranno.

Mentre la Garzanti la defiisce così:
brevissimo spazio di tempo; momento, istante: tutto accadde in un attimo; di attimo in attimo, di momento in momento |un attimo!, richiesta di attendere momentaneamente: un attimo, per favore! dim. attimino
Etimologia: ← lat. atŏmu(m) ‘atomo’; cfr. la loc. lat. in ătomo ‘in (un) istante’, propr. ‘in (un) atomo’.

Eppure ... quando ci sentiamo dire "un attimo" ... passano minuti, ore, ed a volte giorni!

1 commento:

  1. Oh Dott., mio Dott., l'attimo è fuggente e relativo, pertanto incommensurabile. A volte ne basta uno.....per quanto possa apparire breve, per cambiare le sorti di un'intera vita.

    RispondiElimina