giovedì 28 luglio 2016

Sulla caduta di un ramo di ficus


La foto l'ho prelevata dal sito internet di Meridionews, che ieri pomeriggio mi ha intervistato sul grave fatto accaduto a Catania, in piazza Due Giugno, in Viale M. Rapisardi.
Un grosso ramo si è "scosciato" ed è caduto senza, per fortuna, causare danni a persone.
Da anni "predico" che il comune di Catania debba dotarsi, nel suo organico, di almeno un agronomo (sarebbe meglio cinque), data la grande quantità di verde urbano da manutenere e da verificare.
Quando ero Presidente della Federazione Regionale degli Ordini dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali della Sicilia ho sottoscritto con l'ANCI Sicilia un protocollo di intesa che riguardava tante tematiche afferenti al verde urbano. Protocollo di intesa del tutto disatteso da tutti i 390 comuni della Sicilia.
La Multiservizi dichiara che la rottura del grosso ramo è scaturita da una "micosi".
Ma mi chiedo: la Multiservizi ha all'interno del proprio organico un dottore agronomo e/o un dottore forestale che possa effettuare una precisa diagnostica???
Mi piacerebbe saperlo.
Spero solo che adesso, come avvenne in Piazza Cutelli, non vengano tagliate "a porco" tutti i ficus di quella piazza, a mò "di vendetta". 

Sicuramente va messo in sicurezza il territorio, anche perchè qualunque assicurazione non potrà mai risarcire una eventuale vita spezzata o una grave menomazione: non ci sono soldi che bastano a far ritornare in vita le vittime!

Nessun commento:

Posta un commento