Passa ai contenuti principali

Bando settimino: interviene la politica regionale

Da tre mesi e mezzo indichiamo da tutta la Sicilia le criticità e le incongruenze del bando settimino della Misura 4.1 del PSR Sicilia 2014/2020, ma l'Amministrazione e l'Assessore si nascondono dietro una rigidità ineguagliabile, nonostante l'evidenza delle argomentazioni.
Nemmeno due audizioni in Commissioni Attività Produttive sono riuscite a far cambiare rotta ... niente: non si ascolta il territorio, ma si va avanti e basta.
E il "bando perfetto" non è poi così perfetto, a leggere quanto scritto su Facebook dall'on.le Mario Alloro (PD), che riporto in "copia/incolla":

Oggi l'Assemblea Regionale ha approvato due ordini del giorno da me presentati come primo firmatario e dall'on Panepinto, condivisi dai Deputati presenti, con i quali si impegna il Governo a transitare le funzioni dell''Associazione Allevatori regionale, dopo il fallimento della stessa, all'Istituto Zootecnico, ai sensi dell'art.15 LR 33/96, unitamente al personale per garantire i controlli funzionali, la tenuta dei libri genealogici e l'assistenza tecnica al comparto zootecnico; e l'altro per chiedere la proroga dei termini presentazione del bando inerente la sottomisura 4.1 del PSR 2014/2020 per il sostegno degli investimenti nelle aziende agricole.
Ottimo lavoro.

E sul sito ufficiale del PD all'ARS si legge questo comunicato (in copia/incolla):
... un ordine del giorno presentato dai parlamentari regionali PD  Mario Alloro e Giovanni Panepinto, sottoscritto da deputati di diversi gruppi parlamentari ed approvato  all’unanimità dall’aula. ... Nel corso della stessa seduta l’aula ha approvato un secondo ordine del giorno proposto da Mario Alloro e Giovanni Panepinto e sottoscritto da altri parlamentari PD e di altri gruppi che chiede invece al governo della Regione di dare  una congrua proroga al bando pubblicato dalla sottomisura 4.1 del PSR 2014-2020 (“sostegno ad investimenti nelle aziende agricole”).
“Si tratta di una misura importante – dicono Alloro e Panepinto – tuttavia il bando è caratterizzato da numerose criticità che di fatto rischiano di rendere impossibile la partecipazione a numerose aziende. Chiediamo pertanto una proroga per superare i numerosi problemi legati al bando e permettere alle aziende di avere il tempo necessario per presentare domande complete e non perdere questa opportunità”.

Che succede?
Lo stesso partito dell'Assessore gli vota contro?
Ma il bando non era perfetto?
Ed oggi, in seguito a queste novità, cosa succederà?
Il Governo ottempererà a quanto richiesto, o rimarrà "lettera morta"?
L'Assessore e l'Amministrazione daranno seguito a quanto votato all'unanimità?
Qualcuno si dimetterà?
Staremo a vedere.

Non pubblico il documento, con tanto di firme dei Deputati Regionali, altrimenti poi c'è qualcuno che mi dice che pubblico cose riservate, anche se invece sono pubbliche!

#bandosettimino
#bandoperfetto

Commenti

  1. "Che succede?"....Nulla! Nulla che non succeda ogniqualvolta una "Nave" è già inclinata sul fianco ed è prossima a colare a picco..... Tutti si aggrappano a tutto pur di continuare a galleggiare.
    Già da tempo non credo più alla politica disinteressata che si prodiga per il bene di tutti. Ma..... "facciamo buon viso......" e attendiamo il divenire degli eventi. Credo che sia già abbastanza quanto è stato detto e scritto sul "Bando" per poterlo bloccare.

    RispondiElimina
  2. Convinto che anche i commenti lasciano il tempo che trovano, voglio dire lo stesso la mia; certo la politica non è credibile, le amministrazioni meno della politica, gli agricoltori andiamo però a ruota. Direi che non bisogna piagniucolare, la politica in modo chiaro si è espressa " il bando va bene e non si proroga" i funzionari si allineano.......gli agricoltori???? Penso che bisogna fare i grandi per una volta, presentiamo i progetti e prepariamo dei buoni avvocati, bisogna renderci conto che siamo già a metà vita del Psr 2014/2020 e non si parte e la colpa non è certo nostra. Buona sera

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Acconto PAC 2019

Ci risiamo. E' già iniziato il conto alla rovescia per l'acconto PAC 2019. Arriva, non arriva, è l'importo giusto, non lo è. Insomma, ogni anno la stessa storia, e gli stessi commenti da parte dei lettori del blog. E per questo ho voluto scrivere questo post, per dare la possibilità di inserire commenti, che nei precedenti post sono diventati ormai troppi, e viene difficile anche scrivere.

In attesa del saldo PAC 2018

I post del blog più letti e più commentati? Quelli del saldo PAC, ogni anno; da sempre. Eppure, nonostante le rassicurazioni di AGEA, ci sono moltissimi che continuano a scrivere che non hanno ricevuto nemmeno l'acconto di novembre. Entro il 30 giugno, però, AGEA deve completare i pagamenti.

Saldo PAC e saldo "bio" e la "patrimoniale a rate"

Ogni tanto una buona notizia: nei conti correnti degli agricoltori stanno arrivando i saldi del premio PAC 2019. Ma nei conti correnti degli agricoltori siciliani, poi, stanno arrivando pure i soldi del "bio". Controllate, quindi, i conti correnti, e li vedrete "arricchiti" di quanto vi spetta. Nota dolente, ahimè: da un lato si riceve, e dell'altro si dà. Giorno 16 dicembre, infatti c'è l'IMU da pagare, "la patrimoniale a rate" ... da pagare ogni anno ... una tassa calcolata su estimi catastali incoerenti ... e che a nessuno interessa rettificare, tanto meno ai Sindaci dei comuni ... che traggono da questa tassa patrimoniale il loro maggiore sostentamento ...