Passa ai contenuti principali

Apocalypse WebPSA, 1° puntata

Ha inizio oggi l'esame a puntate delle orride cose che ritroviamo sul WebPSA, altro orrido aborto voluto dalla Amministrazione regionale per completare le istanze degli investimenti del PSR Sicilia, primo fra tutti il bando settimino.
Premesso che già il nome "PSA" ci fa inorridire, poichè lo stesso è "l'antigene prostatico specifico", ovvero quel valore che ci indica o meno la presenza di un carcinoma alla prostata!

Innanzi tutto la licenza d'uso ce ne vieterebbe l'utilizzo, ma all'Assessorato "tirano dritto", tanto chi commette l'infrazione siamo noi e non loro, tant'è che viene riportato "Qualsiasi uso non autorizzato è perseguibile per legge.", ed andrebbe utilizzato "ai soli fini di gestione della propria azienda agricola e per attività didattiche e/o dimostrative" ed ancora "ai soli fini di gestione della propria azienda agricola e per attività didattiche e/o dimostrative".

Poi ... andiamo a leggere il "manuale d'uso": sono "solo" 37 pagine ..., ma non è questo ciò che stupisce, poichè in un foglio elettronico di calcolo "Tabella Corrispondenza tipo di utilizzi Fascicolo Aziendale (AGEA) e rubriche delle Produzioni Standard" ci sono tante piccole "inasattezze", che ci riporteranno, poi, a tante grandi inesattezze durante la compilazione ....

Ad esempio esiste "Clementino", invece di "Clementine", o il Qumquat" invece di "Kumquat", ma anche l'"Ananasso" ... mi piacerebbe sapere proprio chi coltiva l'ananas ..., ma soprattutto chi scrive queste tabelle ... viene da gridare!!!!

Comunque sia, ecco cosa si scopre all'interno di questa tabella: ebbene tutti, dico tutti, i fruttiferi indicati "sotto serra" hanno una PST (produzione standard totale) di 27.000,00 €/Ha; tutti uguali, tutti allo stesso valore, compresa l'uva, gli agrumi e altri fruttiferi inferiori.
Ne discende che i suddetti valori sono "fantasiosamente" inseriti lì a casaccio, tanto per dare un valore!
Però facendo la proporzione fra le medesime colture non in serra, ecco che stranamente "il rapporto non regge".
Ed i valori indicati, al pari della Tabella INEA 2010 sono vergognosamente non rispondenti alle varie colture, ma soprattutto "appiattiti" sulle medesime tipologie di colture, incuranti della variabilità delle singole specie.
E con questi dati, del tutto inventati e non rispondenti a verità, l'Amministrazione ci obbliga a compilare questo WebPSA!

... domani continua ...

Commenti

  1. l'iNEA è un altro inutile baraccone che andrebbe sradicato solo che siccome fa comodo...

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Acconto PAC 2019

Ci risiamo. E' già iniziato il conto alla rovescia per l'acconto PAC 2019. Arriva, non arriva, è l'importo giusto, non lo è. Insomma, ogni anno la stessa storia, e gli stessi commenti da parte dei lettori del blog. E per questo ho voluto scrivere questo post, per dare la possibilità di inserire commenti, che nei precedenti post sono diventati ormai troppi, e viene difficile anche scrivere.

In attesa del saldo PAC 2018

I post del blog più letti e più commentati? Quelli del saldo PAC, ogni anno; da sempre. Eppure, nonostante le rassicurazioni di AGEA, ci sono moltissimi che continuano a scrivere che non hanno ricevuto nemmeno l'acconto di novembre. Entro il 30 giugno, però, AGEA deve completare i pagamenti.

Saldo PAC 2018

Maggio, e poi giugno. Ed entro fine giugno andrebbero pagati tutti i premi PAC, mentre c'è ancora chi attende l'acconto, ed infatti continuo a ricevere messaggi da agricoltori da mezza Italia. Rifaccio questo post per dare la possibilità ai lettori del blog di continuare a scambiarsi informazioni.