Passa ai contenuti principali

La "dilatazione" delle particelle catastali

Se cercate su Wikipedia la definizione di particella catastale, il servizio vi ritorna questa definizione:
"La particella catastale, detta anche mappale, in Italia, è una porzione di un terreno o di un fabbricato di proprietà di uno stesso individuo o società.
La particella catastale è l'unità di riferimento del catasto terreni. Essa è una porzione di terreno continua fisicamente, con lo stesso possessore, con la stessa qualità e classe di coltura e ubicata nello stesso comune. Il catasto viene detto "particellare", volendo indicare, con questo termine, la suddivisione del territorio in tali particelle."

Eppure l'Agea, che detiene, custodisce ed elabora i fascicoli aziendali di tutte le aziende agricole d'Italia gestisce le particelle catastali in modo davvero inusuale, ma anche anomalo!
L'Agea:
- non tiene conto delle particelle inferiori a 1 "ara", ovvero a mq 100;
- non inserisce, nè elabora le superfici relative alle centiare, quindi ad mq 1 a mq 99.
Oltre a ciò l'Agea effettua una "fotointerpretazione" delle colture, arrivando spesso a errori macroscopici che, anche se segnalati, rimangono tali.
Ed ancora: l'Agea effettua spesso rimaneggiamenti/aggiornamenti del sistema, indicati come "refresh", che invece di risolvere i problemi dei singoli agricoltori li moltiplica, senza che poi ci si possa "difendere".

Ma ciò che è stupefacente è che l'Agea effettua una "dilatazione" delle particelle catastali, anche dell'ordine del 10/12%.
Infatti proprio in queste settimane scorse, mi sono imbattuto in una situazione in cui una pa agricoltore aveva una particella catastale di 5 ettari, divenuta "grazie all'Agea" di 5,5 ettari, ovvero del 10% in più.
Sicuramente questa cosa appare risibile, ma immaginate un fascicolo aziendale in cui viene inserito in modo "coatto" il 10% di superficie in più ... che succede?
Succede che qualunque operazione "al terminale" diviene impossibile, e allorquando l'Agea "restringe" la particella, riportandola ai valori originali, scaturiscono anche controlli per erogazioni "fantasma", per errori che vengono, poi, imputati all'agricoltore ...
Insomma, per dirla pulita, "un macello"!

Eppure l'ignaro agricoltore aveva, ed ha, sempre quelle particelle, di cui l'Agea non conosce le centiare, ma ne "dilata" fino ed oltre al 10/12% la superficie!

Commenti

  1. Non si potrebbe a coro denunciare agea e Sian per questi fatti?perché sta diventando qualcosa di impossibile.muoviamoci mannaggia ci stiamo facendo distruggere

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Acconto PAC 2019

Ci risiamo. E' già iniziato il conto alla rovescia per l'acconto PAC 2019. Arriva, non arriva, è l'importo giusto, non lo è. Insomma, ogni anno la stessa storia, e gli stessi commenti da parte dei lettori del blog. E per questo ho voluto scrivere questo post, per dare la possibilità di inserire commenti, che nei precedenti post sono diventati ormai troppi, e viene difficile anche scrivere.

In attesa del saldo PAC 2018

I post del blog più letti e più commentati? Quelli del saldo PAC, ogni anno; da sempre. Eppure, nonostante le rassicurazioni di AGEA, ci sono moltissimi che continuano a scrivere che non hanno ricevuto nemmeno l'acconto di novembre. Entro il 30 giugno, però, AGEA deve completare i pagamenti.

Saldo PAC e saldo "bio" e la "patrimoniale a rate"

Ogni tanto una buona notizia: nei conti correnti degli agricoltori stanno arrivando i saldi del premio PAC 2019. Ma nei conti correnti degli agricoltori siciliani, poi, stanno arrivando pure i soldi del "bio". Controllate, quindi, i conti correnti, e li vedrete "arricchiti" di quanto vi spetta. Nota dolente, ahimè: da un lato si riceve, e dell'altro si dà. Giorno 16 dicembre, infatti c'è l'IMU da pagare, "la patrimoniale a rate" ... da pagare ogni anno ... una tassa calcolata su estimi catastali incoerenti ... e che a nessuno interessa rettificare, tanto meno ai Sindaci dei comuni ... che traggono da questa tassa patrimoniale il loro maggiore sostentamento ...