Passa ai contenuti principali

Siccità: i costi energetici

Fra i tanti "guai" che la siccità comporta, il più costoso è quello del ricorso continuo all'irrigazione nei campi, qualunque coltura in essi venga praticata.
Nella nostra regione, a differenza di quasi tutte le altre, scartando quei pochi casi di falde acquifere superficiali, che in genere "pescano" nei sub-alvei dei fiumi, e scartando anche quelle falde acquifere con salinità eccessiva, le risorse idriche si trovano a profondità elevata, con i relativi esosi costi energetici.
Basti pensare che i pozzi trivellati di alcune zone della sicilia sud-orientale hanno una profondità di oltre 200/250 ed anche 300 metri.
Immaginate, quindi, il costo energetico del sollevamento di queste acque da utilizzarsi nelle irrigazioni, irrigazioni che un tempo venivano eseguite dal mese di maggio e fino a settembre al massimo, mentre negli ultimi cinque anni vanno dal mese di aprile e fino ad ottobre, ed a volte anche a novembre.
Costi energetici elevati, periodi irrigui dilatati ... il tutto genera costi immensi.
E se, al contempo, da un lato guardiamo che i prezzi delle produzioni, nessuna esclusa, sono sempre in calo, e dall'altro lato i costi di produzione sono sempre in aumento (manodopera, contributi previdenziali ed assistenziali, tasse, IMU, fertilizzanti, antiparassitari, ricambi per i mezzi agricoli, ecc), ci spieghiamo bene come il tutto non può riversarsi sempre e solo sulle rese economiche dei fondi agricoli: non si riesce a far quadrare i bilanci.

Oltre a ciò ... lo stato incamera con l'IMU quanto l'Europa ci versa con il premio PAC, quello commisurato all'ettaro/coltura. Guarda caso ... l'IMU nei terreni agricoli ... è quasi identico a quanto percepito con il premio PAC ...

Commenti

Post popolari in questo blog

Acconto PAC 2019

Ci risiamo. E' già iniziato il conto alla rovescia per l'acconto PAC 2019. Arriva, non arriva, è l'importo giusto, non lo è. Insomma, ogni anno la stessa storia, e gli stessi commenti da parte dei lettori del blog. E per questo ho voluto scrivere questo post, per dare la possibilità di inserire commenti, che nei precedenti post sono diventati ormai troppi, e viene difficile anche scrivere.

Saldo PAC e saldo "bio" e la "patrimoniale a rate"

Ogni tanto una buona notizia: nei conti correnti degli agricoltori stanno arrivando i saldi del premio PAC 2019. Ma nei conti correnti degli agricoltori siciliani, poi, stanno arrivando pure i soldi del "bio". Controllate, quindi, i conti correnti, e li vedrete "arricchiti" di quanto vi spetta. Nota dolente, ahimè: da un lato si riceve, e dell'altro si dà. Giorno 16 dicembre, infatti c'è l'IMU da pagare, "la patrimoniale a rate" ... da pagare ogni anno ... una tassa calcolata su estimi catastali incoerenti ... e che a nessuno interessa rettificare, tanto meno ai Sindaci dei comuni ... che traggono da questa tassa patrimoniale il loro maggiore sostentamento ...

In attesa del saldo PAC 2018

I post del blog più letti e più commentati? Quelli del saldo PAC, ogni anno; da sempre. Eppure, nonostante le rassicurazioni di AGEA, ci sono moltissimi che continuano a scrivere che non hanno ricevuto nemmeno l'acconto di novembre. Entro il 30 giugno, però, AGEA deve completare i pagamenti.