Passa ai contenuti principali

La siccità: i contorni

Ieri mattina ho pubblicato una email di un giovane agricoltore che si lamentava per l'acqua non ricevuta dal Consorzio di Bonifica, e che si chiedeva come avrebbe potuto investire risorse economiche nella propria azienda agricola.
Oggi pubblico un'altra email, ricevuta qualche giorno fa, che mostra, in parte, cosa sta avvenendo da qualche settimana.

Dottore Vigo, sono G...... S....... e seguo il suo sito da anni e scrivo perchè da quando il consorzio di bonifica ha sospeso l'irrigazione dalle bocchette sono stato alla ricerca di acqua nella mia zona che è sotto il lago di lentini e vicino la piana di Catania. ma preciso che già acqua ogni anno ne ricevevamo poca ma ci eravamo arrangiati ed abituati a lavorare così.
I pochi proprietari dei pozzi che hanno l'acqua la vendono quasi tutti ad un costo di 35 euro all'ora e mi pare impossibile utilizzarla con i soldi delle vendite delle arance dell'anno scorso che era di scarica. Ogni mezza giornata (fra l'altro con turni impossibili - di notte) perciò ci costa 420 euro e la portata non è nemmeno quella promessa di 20 litri ma secondo me non è superiore agli otto litri che comunque non consente di irrigare bene e come si deve il mio agrumeto.
Nella zona siamo tutti in queste condizioni col genio civile che non ci concede pozzi ma già sappiamo che nella nostra zona non si trova acqua. Ma poi anche volendo con quali soldi dovremmo scavare dei pozzi.
La ringrazio.
G. S.

Commenti

  1. Non arriva acqua dagli invasi, non si possono scavare pozzi, chi ha l'acqua la vende a caro prezzo......... una situazione insopportabile che come epilogo porta solo alla capitolazione dell'impresa? E allora che fare?? Quale soluzione? Vendere tutto? Vendere tutto si.....ma a chi vendere? Come un tempo dalle nostre parti, chi vuoi che sposi una ragazza senza dote? Chi vuoi che compri un terreno senza acqua? E qui che entrano in scena i buon samaritani. Si! Proprio loro, quelli che vanno in campagna su costosissimi fuoristrada. Sì! quelli che non temono di non arrivare ad aver punteggi nei bandi del P.S.R. Si! Quelli che prima facevano un altro mestiere e poi si sono scoperti avere il pollice verde. Si! Proprio loro, quelli che pretendono pure un "grazie" perché si accaparrano con qualche migliaio di euro il sacrificio di una vita. Si! Loro...
    E IL DISEGNO SI COMPIE!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Acconto PAC 2019

Ci risiamo. E' già iniziato il conto alla rovescia per l'acconto PAC 2019. Arriva, non arriva, è l'importo giusto, non lo è. Insomma, ogni anno la stessa storia, e gli stessi commenti da parte dei lettori del blog. E per questo ho voluto scrivere questo post, per dare la possibilità di inserire commenti, che nei precedenti post sono diventati ormai troppi, e viene difficile anche scrivere.

In attesa del saldo PAC 2018

I post del blog più letti e più commentati? Quelli del saldo PAC, ogni anno; da sempre. Eppure, nonostante le rassicurazioni di AGEA, ci sono moltissimi che continuano a scrivere che non hanno ricevuto nemmeno l'acconto di novembre. Entro il 30 giugno, però, AGEA deve completare i pagamenti.

Saldo PAC e saldo "bio" e la "patrimoniale a rate"

Ogni tanto una buona notizia: nei conti correnti degli agricoltori stanno arrivando i saldi del premio PAC 2019. Ma nei conti correnti degli agricoltori siciliani, poi, stanno arrivando pure i soldi del "bio". Controllate, quindi, i conti correnti, e li vedrete "arricchiti" di quanto vi spetta. Nota dolente, ahimè: da un lato si riceve, e dell'altro si dà. Giorno 16 dicembre, infatti c'è l'IMU da pagare, "la patrimoniale a rate" ... da pagare ogni anno ... una tassa calcolata su estimi catastali incoerenti ... e che a nessuno interessa rettificare, tanto meno ai Sindaci dei comuni ... che traggono da questa tassa patrimoniale il loro maggiore sostentamento ...