Passa ai contenuti principali

Siccità: sui Consorzi di Bonifica, 6° puntata

Proseguendo il "mini esame" dei Consorzi di Bonifica della Sicilia orientale, che sono quelli che conosco, oggi è la volta del Consorzio 10 - Siracusa.
Il Consorzio 10 Siracusa era originariamente costituito esclusivamente dal Consorzio di Bonifica del Lago di Lentini; negli anni '80 annesse il Consorzio di Bonifica del Pantano di Lentini, contiguo, e per certi versi una naturale fusione auspicata da tempo.
Fra il 1995 ed il 1997 venne annesso anche il Consorzio di Bonifica delle Paludi Lisimelie, che divenne per il Consorzio di Bonifica di Lentini un peso economico non indifferente e difficilissimo da gestire, visto che si trova a circa 65/70 chilometri di distanza, che non ha reti consortili interconnesse ed aveva uffici decentrati; ma nella operazione il Consorzio di Bonifica del Lago di lentini annesse anche una marea di debiti di quello "Lisimelie".
Il Consorzio 10 - Siracusa serve una superficie irrigua di Ha 32.585, di cui 28.650 in provincia di Siracusa ed Ha 3.935 in provincia di Catania.
Le attività svolte dal Consorzio 10 sono: irrigazione, per gravità e per sollevamento, pompaggio acque di falda della zona dei pantani di Lentini.
Ma al Consorzio 10 manca la liquidità necessaria per l'espletamento delle più banali funzioni, così come avviene in quasi tutti gli altri consorzi.
Più volte abbiamo assistito al "Consorzio al buio", ovvero senza energia elettrica negli uffici, ma anche nelle stazioni di pompaggio.
Manca, e si avverte tantissimo, il ricambio dei funzionari andati nel corso degli anni in pensione.
La rete irrigua, tranne qualche nuova realizzazione degli anni 2006/2008, è quella della metà degli anni '80, senza manutenzione (v. foto) e spesso de tutto inutilizzabile.
Ma mi chiedo: come può un Consorzio fornire una utenza senza avere le risorse necessarie?
E come può (domanda ricorrente) fornire acqua irrigua senza effettuare le manutenzioni nel periodo non irrigatorio?
E con quale "animo" gli agricoltori possono pagare le bollette dei Consorzi andando avanti così le cose?

E purtroppo ... ogni anno, ed in ogni consorzio, è sempre la stessa storia ..

Un ultimo dato: fino al 2008 l'irrigazione (più o meno puntuale) costava 250,00 €/Ha, costo sopportabile ed in concorrenza al costo energetico di emungimento dai pozzi; oggi il costo è superiore ai 750 €/Ha, principalmente perchè la regione ha dismesso i trasferimenti di risorse ai consorzi, ed è tornato attuale e meno costoso l'approvvigionamento idrico dai pozzi (per chi li possiede).

Commenti

Post popolari in questo blog

Acconto PAC 2019

Ci risiamo. E' già iniziato il conto alla rovescia per l'acconto PAC 2019. Arriva, non arriva, è l'importo giusto, non lo è. Insomma, ogni anno la stessa storia, e gli stessi commenti da parte dei lettori del blog. E per questo ho voluto scrivere questo post, per dare la possibilità di inserire commenti, che nei precedenti post sono diventati ormai troppi, e viene difficile anche scrivere.

In attesa del saldo PAC 2018

I post del blog più letti e più commentati? Quelli del saldo PAC, ogni anno; da sempre. Eppure, nonostante le rassicurazioni di AGEA, ci sono moltissimi che continuano a scrivere che non hanno ricevuto nemmeno l'acconto di novembre. Entro il 30 giugno, però, AGEA deve completare i pagamenti.

Saldo PAC e saldo "bio" e la "patrimoniale a rate"

Ogni tanto una buona notizia: nei conti correnti degli agricoltori stanno arrivando i saldi del premio PAC 2019. Ma nei conti correnti degli agricoltori siciliani, poi, stanno arrivando pure i soldi del "bio". Controllate, quindi, i conti correnti, e li vedrete "arricchiti" di quanto vi spetta. Nota dolente, ahimè: da un lato si riceve, e dell'altro si dà. Giorno 16 dicembre, infatti c'è l'IMU da pagare, "la patrimoniale a rate" ... da pagare ogni anno ... una tassa calcolata su estimi catastali incoerenti ... e che a nessuno interessa rettificare, tanto meno ai Sindaci dei comuni ... che traggono da questa tassa patrimoniale il loro maggiore sostentamento ...