Passa ai contenuti principali

PSR Sicilia 2014/2020: analisi delle graduatorie della Misura 4.1

Il così tanto contestato "bando settimino", quella della Misura 4.1 del PSR Sicilia 2014/2020, destinato agli investimento nelle aziende agricole, e tanto atteso, ha avuto finalmente le graduatorie provvisorie, dalle quali sono emerse tutte le criticità e le incongruenze segnalate per tanto tempo.
Ecco i numeri che scaturiscono dalla lettura delle graduatorie:
Domande ammissibili: 1.239, per € 749.059.110,22
Domande non ammissibili: 51
Domande escluse: 252
Domande non ricevibili: 1.032
Totale domande presentate: 2.574

Domande finanziabili: 112, per € 99.516.826,79

Rapporto domande finanziabili/ammissibili: 9,04%
Rapporto domande finanziabili/presentate: 4,35%
Rapporto importo finanziabile/richiesto (ammissibile): 13,28%

La risposta delle aziende agricole (leggasi domande) è stata moderata, 2.574 in tutto il territorio siciliano, a fronte di circa 110.000 aziende, a causa dei due "scogli" da superare: il primo legato all'accesso relativo alla PST (Produzione Standard Totale), il secondo legato alla soglia dei criteri di selezione.
Ma quella che è stata molto bassa, invece, è la ricaduta sul territorio della Misura, perchè 112 domande sono veramente rispetto alle necessità che le aziende agricole avevano, ed hanno, di realizzare miglioramenti fondiari.
Molto ha inciso la soglia massima di progetto elevata, ma anche le esigenze di inserire in progetto macchinari ed attrezzature che consentivano il soddisfo di aumento di punteggi, che, alla fine, altro non hanno fatto altro che far aumentare, e di molto, la progettualità aziendale.

E forse è venuto il momento di ripensare ai criteri di selezione ed alle soglie massime per azienda agricola, in modo da realizzare una risposta diffusa sul territorio, e non puntiforme.

Commenti

  1. Tutto come previsto.Le domande degli amici danarosi, preavvertiti per tempo e dotati del massimo punteggio e degli investimenti più cospicui che dovevano essere finanziate ci sono tutte.Gli altri possono "leccare la sarda" (n.d.r. pesce tipico dei piatti poveri), non ci interessa. Firmato: Amministrazione Regionale

    RispondiElimina
  2. Era palese che andasse così!! Ma ancora non è finita. Perché credo che di quei 112 vincitori della lotteria, alcuni, come è fisiologico, si "perderanno" in corso d'opera. Meno di 100 aziende finanziate (a fronte di circa 110.000 aziende) da un Bando che doveva essere fondamentale per il riammodernamento di molte. Un applauso a mano sola per gli scienziati dell'Assessorato.....

    RispondiElimina
  3. Ancora siamo a niente, bisogna considerare l'aborto partorito nell'ambito Trapanese.......da galera i funzionari e non è detto che qualcuno non passi i prossimi anni dentro i tribunali

    RispondiElimina
  4. Un "grazie" va innanzitutto per la professionalità dimostrata ancora una volta dai colletti bianchi della più disgraziata regione italiana. Ma i siciliani però non vogliono cambiare rotta e allora....

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Acconto PAC 2019

Ci risiamo. E' già iniziato il conto alla rovescia per l'acconto PAC 2019. Arriva, non arriva, è l'importo giusto, non lo è. Insomma, ogni anno la stessa storia, e gli stessi commenti da parte dei lettori del blog. E per questo ho voluto scrivere questo post, per dare la possibilità di inserire commenti, che nei precedenti post sono diventati ormai troppi, e viene difficile anche scrivere.

In attesa del saldo PAC 2018

I post del blog più letti e più commentati? Quelli del saldo PAC, ogni anno; da sempre. Eppure, nonostante le rassicurazioni di AGEA, ci sono moltissimi che continuano a scrivere che non hanno ricevuto nemmeno l'acconto di novembre. Entro il 30 giugno, però, AGEA deve completare i pagamenti.

Saldo PAC e saldo "bio" e la "patrimoniale a rate"

Ogni tanto una buona notizia: nei conti correnti degli agricoltori stanno arrivando i saldi del premio PAC 2019. Ma nei conti correnti degli agricoltori siciliani, poi, stanno arrivando pure i soldi del "bio". Controllate, quindi, i conti correnti, e li vedrete "arricchiti" di quanto vi spetta. Nota dolente, ahimè: da un lato si riceve, e dell'altro si dà. Giorno 16 dicembre, infatti c'è l'IMU da pagare, "la patrimoniale a rate" ... da pagare ogni anno ... una tassa calcolata su estimi catastali incoerenti ... e che a nessuno interessa rettificare, tanto meno ai Sindaci dei comuni ... che traggono da questa tassa patrimoniale il loro maggiore sostentamento ...