Passa ai contenuti principali

Ancora sul bando "settimino", ex "siccagno", 1° puntata

Pensavo, e speravo, di non dover più scrivere nulla sullo scorso Bando della Misura 4.1 del PSR Sicilia 2014/2020, un bando nato "siccagno", divenuto irriguo, e rimasto, poi "settimino", ovvero un bando che non doveva essere pubblicato così come era stato scritto, poichè avrebbe certamente ingenerato, così com'è stato, una serie di problematica al limite della irrisolvibilità, a causa delle criticità e delle incongruenze che conteneva.
Ed a nulla sono valse ben quattro (4) richieste di ritiro del bando, trasmesse dal mio Ordine dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali di Catania, durante la mia Presidenza.

Niente da fare: l'ex Assessore on.le Antonello Cracolici e l'ex Dirigente Generale dott. agr. Gaetano Cimò non ne vollero sentire: per loro il bando era "perfetto", ed erano solo le "inutili lagnanze degli agronomi" a farci parlare.

Eppure allora si era in tempo a sedersi intorno ad un tavolo, e ragionare, così come, invece, si sta facendo adesso con il nuovo Assessore ed il nuovo Dirigente Generale, pur con le criticità di un intero PSR concepito tutto "settimino".
Niente da fare! L'Assessore del tempo tirava dritto come un treno, forse alla ricerca del bando "lecca lecca", come ebbe lui stesso a definirne qualche altro (clicca qui per vedere il video).

Ebbene: a distanza di quasi due anni dalla emanazione del bando settimino, siamo ancora a discutere sui punteggi, a dir poco fantasiosi, siamo ancora a discutere sulle assurdità di un bando che, pur avendo una dotazione finanziaria di 100 milioni di euro, non produrrà una risposta diffusa sul territorio, ma puntiforme, con mega progetti da 5 milioni di euro, insostenibili economicamente, e con migliaia di progetti validi, invece, che verranno buttati negli archivi, andando a far parte del "tesoretto cartaceo" della Amministrazione Regionale.

E mi vedo costretto a scrivere ancora perchè su questo pessimo bando (il peggiore di sempre) nella giornata di ieri sono state diffuse alcune richieste da deputati del movimento 5 stelle, deputati che, probabilmente, nulla sanno di ciò che abbiamo "patito", e nulla sanno di ciò che è avvenuto in ben due anni dalla emanazione di un bando "siccagno/settimino", che è piaciuto solo all'Assessore ed al Dirigente Generale dell'epoca.
Domani mattina, quindi, risponderò ai deputati del M5S, ma prima però, vi invito a leggere gli articoli pubblicati da Blog Sicilia (clicca qui) e dal sito siciliano del movimento 5 stelle (clicca qui).

E ... per non dimenticare ... sotto trovate le quattro richieste di ritiro bando, del tutto inascoltate, purtroppo!

... domani continua ...







Commenti

Post popolari in questo blog

Saldo PAC 2018

Maggio, e poi giugno. Ed entro fine giugno andrebbero pagati tutti i premi PAC, mentre c'è ancora chi attende l'acconto, ed infatti continuo a ricevere messaggi da agricoltori da mezza Italia. Rifaccio questo post per dare la possibilità ai lettori del blog di continuare a scambiarsi informazioni.

Saldo PAC 2018

Nonostante le rassicurazioni da parte di Agea sul pagamento di quasi tutte le domande del premio PAC 2018, continuo a ricevere moltissime segnalazioni di mancati pagamenti; forse quelle istanze sono "a controllo", o forse sono con anomalie ai fascicoli aziendali. Metto a  disposizione questo post per i commenti dei moltissimi lettori che utilizzano il blog per scambiarsi informazioni.

Niente IMU sui fabbricati rurali collabenti, lo dice la Cassazione

Finalmente si mette la parola "fine" alle "liti" che sorgono fra i Comuni che richiedono l'IMU anche sui fabbricati collabenti, o comunque non utilizzabili. La Corte di Cassazione con la sentenza n. 10122 dell'11 aprile 2019, che trovate per intero qui sotto in formato grafico, dice no al pagamento dell'IMU, ma dice pure che questi immobili degradati, collabenti o ruderi, per non pagare l'IMU devono comunque essere iscritti al Catasto. Unico neo di tutta la vicenda, però, è che il patrimonio edilizio rurale "va a farsi benedire", poichè moltissimi sono gli edifici che pur non essendo utilizzati godevano di buone condizioni statiche e di manutenzione, ma sono distrutti, proprio a casa della imposizione fiscale dell'IMU, una delle tasse più ingiuste e care che il Fisco si sia inventato.