Passa ai contenuti principali

Caldo torrido, vento e siccità


Prosegue la lunga estate siciliana, con temperature sopra la media stagionale (ieri si sono sfiorati i 40°C alla piana di Catania) e ventosità, anch'essa sopra la norma.
E proprio il vento caldo è quello che contribuisce alla maggiore richiesta evapotrasporativa delle piante, in una annata in cui la siccità è al culmine dopo ben 5 anni di piogge ridotte.
Le falde acquifere sono anch'esse al limite inferiore, come non si registrava dal 1991 o dal 2002, e tutto questo nella totale indifferenza dei mass-media; infatti in nessun telegiornale, in nessun notiziario si parla della siccità in Sicilia.
E come se non bastasse ci si mettono pure i piromani: in questi giorni andando in giro per la piana di Catania si vedono decine e decine di incendi, alimentati, poi, dal vento caldo.

Come sempre, purtroppo, abbiamo una Italia a due velocità, dove la Sicilia è sempre "silenziata".


Commenti

Post popolari in questo blog

Saldo PAC 2018

Nonostante le rassicurazioni da parte di Agea sul pagamento di quasi tutte le domande del premio PAC 2018, continuo a ricevere moltissime segnalazioni di mancati pagamenti; forse quelle istanze sono "a controllo", o forse sono con anomalie ai fascicoli aziendali. Metto a  disposizione questo post per i commenti dei moltissimi lettori che utilizzano il blog per scambiarsi informazioni.

Saldo PAC 2018

Maggio, e poi giugno. Ed entro fine giugno andrebbero pagati tutti i premi PAC, mentre c'è ancora chi attende l'acconto, ed infatti continuo a ricevere messaggi da agricoltori da mezza Italia. Rifaccio questo post per dare la possibilità ai lettori del blog di continuare a scambiarsi informazioni.

Niente IMU sui fabbricati rurali collabenti, lo dice la Cassazione

Finalmente si mette la parola "fine" alle "liti" che sorgono fra i Comuni che richiedono l'IMU anche sui fabbricati collabenti, o comunque non utilizzabili. La Corte di Cassazione con la sentenza n. 10122 dell'11 aprile 2019, che trovate per intero qui sotto in formato grafico, dice no al pagamento dell'IMU, ma dice pure che questi immobili degradati, collabenti o ruderi, per non pagare l'IMU devono comunque essere iscritti al Catasto. Unico neo di tutta la vicenda, però, è che il patrimonio edilizio rurale "va a farsi benedire", poichè moltissimi sono gli edifici che pur non essendo utilizzati godevano di buone condizioni statiche e di manutenzione, ma sono distrutti, proprio a casa della imposizione fiscale dell'IMU, una delle tasse più ingiuste e care che il Fisco si sia inventato.