Passa ai contenuti principali

L'applicazione per smartphone di "Resto al Sud"

Le applicazioni per smartphone continuano ad essere sfornate senza sosta, anche quelle per l'utilizzo professionale.
Oggi segnalo l'applicazione ufficiale di "Resto al Sud", uno degli interventi di Invitalia, che potete scaricare collegandovi a questa pagina internet:
https://play.google.com/store/apps/details?id=com.invitalia.restoAlSud

Qui sotto, in copia/incolla, la descrizione dell'applicazione.




Scarica l'app di Resto al Sud
Vuoi sapere cosa puoi fare con l’app Resto al Sud? 
Scaricala gratuitamente per essere informato su tutte le novità e seguire in tempo reale il percorso del tuo progetto sullo smartphone! 

Scarica l'app di Resto al sud su Google Play     Scarica l'app di Resto al Sud su Apple Store

Resto al Sud è l’incentivo di Invitalia per i giovani under 36 che vogliono avviare un’attività imprenditoriale nelle 8 regioni del Mezzogiorno. 
Puoi ricevere fino a 50 mila euro se sei da solo, in 4 (o più persone) fino a 200 mila euro.

In modo facile e intuitivo l’app ti dà la possibilità di cercare le banche convenzionate più vicine a te e gli enti pubblici, le università e gli organismi di terzo settore che ti daranno un aiuto concreto e gratuito per “costruire” il tuo progetto.

Attiva le notifiche push e resta informato anche su tutte le novità, gli eventi di promozione e i workshop nella tua regione.

Dopo aver presentato la domanda seguendo le istruzioni presenti sul sito, entra nell’area privata con le stesse credenziali che utilizzi per il sito dell’Agenzia e segui in tempo reale la valutazione del tuo progetto. Con le notifiche push sai sempre quando la tua domanda passa allo step successivo e se abbiamo bisogno di più informazioni. Grazie al calendario integrato, hai anche la possibilità di salvare le scadenze e gli appuntamenti con noi.



Commenti

Post popolari in questo blog

Saldo PAC 2018

Nonostante le rassicurazioni da parte di Agea sul pagamento di quasi tutte le domande del premio PAC 2018, continuo a ricevere moltissime segnalazioni di mancati pagamenti; forse quelle istanze sono "a controllo", o forse sono con anomalie ai fascicoli aziendali. Metto a  disposizione questo post per i commenti dei moltissimi lettori che utilizzano il blog per scambiarsi informazioni.

Saldo PAC 2018

Maggio, e poi giugno. Ed entro fine giugno andrebbero pagati tutti i premi PAC, mentre c'è ancora chi attende l'acconto, ed infatti continuo a ricevere messaggi da agricoltori da mezza Italia. Rifaccio questo post per dare la possibilità ai lettori del blog di continuare a scambiarsi informazioni.

Niente IMU sui fabbricati rurali collabenti, lo dice la Cassazione

Finalmente si mette la parola "fine" alle "liti" che sorgono fra i Comuni che richiedono l'IMU anche sui fabbricati collabenti, o comunque non utilizzabili. La Corte di Cassazione con la sentenza n. 10122 dell'11 aprile 2019, che trovate per intero qui sotto in formato grafico, dice no al pagamento dell'IMU, ma dice pure che questi immobili degradati, collabenti o ruderi, per non pagare l'IMU devono comunque essere iscritti al Catasto. Unico neo di tutta la vicenda, però, è che il patrimonio edilizio rurale "va a farsi benedire", poichè moltissimi sono gli edifici che pur non essendo utilizzati godevano di buone condizioni statiche e di manutenzione, ma sono distrutti, proprio a casa della imposizione fiscale dell'IMU, una delle tasse più ingiuste e care che il Fisco si sia inventato.